Reggio Calabria, lido. Foto turismo.reggiocal.it Mare e natura nel territorio reggino
Splendide spiaggie, parchi con numerose variertà di piante esotiche e riserve naturali sia terrestri che marine caratterizzano la zona.
Immagini Correlate (2)

LE COSTEReggio Calabria, Lido. Foto turismo.reggiocal.it

L’area  costiera rientrante nel territorio del Comune di Reggio Calabria ha una notevole estensione, che può riassumersi in 44.008 metri lineari, per un totale di mq. 1.262.579 (esclusa l’area portuale di competenza della Capitaneria di Porto di Reggio Calabria).
Le spiagge sono collocate “dentro la struttura urbana”, come un prolungamento delle strade e delle piazze sino al mare, che consente al cittadino così come al turista di vivere in un unico contesto caratterizzato da due realtà morfologiche e di utilizzo profondamente diverse tra loro.
Il litorale del Comune di Reggio Calabria è ricompreso tra il Comune di Villa San Giovanni a Nord ed il Comune di Motta San Giovanni a Sud.
La costa presenta sia spiagge molto grandi con sabbia fine, localizzate alle estremità del territorio comunale, (Catona e Gallico a nord, Bocale e Pellaro a sud), sia zone caratterizzate da spiagge ghiaiose e strette.

ECOSISTEMA DELLO STRETTO

Lo stretto di Messina ha una forma ad imbuto con imbocco dal lato del Mar Jonio e la strozzatura dal lato del Mar Tirreno.  Tale meraviglioso braccio di mare misura 33 Km., la larghezza massima è di 16 Km. fra Capo Pellaro e Alì Terme, ed é di circa 3 Km. fra Capo Peloro (ME) e Torre Cavallo in Calabria.
Il profilo sottomarino dello stretto è simile ad un grande canalone dalle pareti ripide, sopratutto sul versante siculo. Tale orografia sottomarina, determina un grande, bizzoso gioco di correnti poiché Jonio e Tirreno si scontrano più volte al giorno raggiungendo un picco di 12 chilometri. orari di velocità, un vero fiume in mare.
Tale impressionante travaso di acque è stato immortalato dal Pascoli nel 1898 "laddove le onde greche vanno a cercare quelle latine".

La profondità dello stretto raggiunge gli 800 mt. dinanzi a Pellaro, circa 400 mt. nella zona del lungomare di Reggio Calabria; poco più a nord, vi è una cresta (sella) sottomarina che si eleva progressivamente fino a toccare la prominenza di Capo Cavallo (Villa S.Giovanni) che emerge fino a 72 mt. sul livello del mare.

Le correnti principali, sono quelle che, ogni sei ore, sono determinate dall'influsso degli astri (magnetismo) sulla terra. I due mari hanno fasi opposte nelle escursioni dei livelli delle rispettive maree; inoltre gli ostacoli frapposti al normale scorrimento delle correnti determinano un forte rimescolamento delle acque insieme a moti ascensionali delle acque di fondo. E' palese che, l'incontro-scontro di correnti mutevoli e contrapposte determini un infinità di gorghi, vortici di varie dimensioni, spume, onde incrociate, colori cangianti. Il vento quasi sempre presente ha alimentato nel conscio - inconscio degli antichi naviganti il terrore di dover affrontare tale complesso ecosistema legato alla estrema dinamicità delle acque. Ciò ha fatto fiorire miti e leggende legate, non solo, alla presenza inquietante dei mostri Scilla e Cariddi.

Le correnti più veloci sono quelle che scorrono da Sud a Nord dette "montanti", le altre vengono chiamate "scendenti". Lo stretto è un tratto di mare ambito dalla fauna ittica; sciami di pesci si immettono in tale area perchè riscontrano una presenza di plancton superiore rispetto alle aree contigue. Il principe dello stretto "il pescespada" predilige tali acque, il mare temperato, ama guazzare tra gli innumerevoli rivoli di corrente per trovare in primavera la compagna.
Reggio Calabria, cavalluccio marino. Foto turismo.reggiocal.it
Lo stretto è stato definto "il paradiso degli zoologi", fu esplorato nel 1979 da Jacques Piccard, scienziato svizzero-francese, che col suo batiscafo "Forel" scese fino a 500 mt. Ha censito 140 specie ittiche di grande rilevanza ed è riuscito a disegnare la fisionomia dinamica dei fondali dello stretto.
Molti sono i Diving center  che propongono al turista di cogliere con il supporto di esperti le meravigliose realtà presenti nei nostri fondali. Lo stretto riserva al turista il fenomeno degli spiaggiamenti quando i grandi vortici sdradicano dal fondo creature abissali per depositarle stordite sulle rive frammiste alle alghe marine. L'escursione delle due maree, determina una strana alta-bassa marea detta "marrobio".

Percorrendo su un imbarcazione lo stretto si colgono i tagli di corrente, innumerevoli "garofali" cioè piccoli gorghi che assumono la fisionomia del fiore; il cosiddetto mare scalinato quando una corrente contrapposta prevale sull'altra; il mare che ribolle quando una corrente non riesce a superare l'altra; i cosiddetti "sorgimenti" aree marine limpide e calme nel mare increspato sostenute dal moto ascensionale delle correnti comunemente definite "macchie d'olio". Tutto intorno calette, spiagge dorate, scogliere, mitici promontori rocciosi, contrafforti aspromontani che si armonizzano col mare, leggiadre insenature, luoghi segnati dalla storia, dai miti e dalle leggende.

La pesca del pescespada, antichissima, oggi viene praticata perlopiù con grandi reti  pur tuttavia permangono alcuni equipaggi che proseguono con grandi barche "feluche" munite di antenna per l'avvistatore e passerella per il fiocinatore, a dare la caccia a tale teleosteo in maniera scenografica e a volte poco proficua.

La fauna ittica dello stretto vanta presenze quali la cernia, il pesce di San Pietro, la vipera del mare, il pesce nastro, rana pescatrice, delfini, tonni, pesce sciabola, pesce trombetta, saraghi, pesci fotofori ecc.

La flora dei fondali offre la visione del corallo nero di Scilla, gorgonie variopinte, nuvole rosa di Anthias, tunicati, spugne, alghe, Astroides, cerianthus, claveline, vaccarelle di mare, alcionarie o mani di morto, poseidonie, madrepore, ascidie, spirografi e alice mirabilis ecc., specie rare che a volte vivono in simbiosi con vari microrganismi. Quindi, qui, nello stretto si coniugano incredibili aspetti ricchi di cromatismi, di curiosità, di spunti scientifici che possono indurre il turista a tuffarsi in questa meravigliosa avventura rappresentata da lunghe immersioni nei nostri paradisiaci fondali.

Sul far della sera, il mare e circostanti aspetti paesaggistici assumono un cromatismo tendente al violaceo, da qui la definizione "Costa Viola" colore ottenuto da un gioco di luci e rifrazioni e dal melange del verde delle montagne incombenti sul mare e le varie tonalità dello stesso mare; il colore violaceo viene tonificato dalle particelle sulfuree gassosse emesse dal sempre attivo e vicino vulcano Stromboli.

Planetario Provinciale di Reggio Calabria "Pythagoras"

Il Planetario è una struttura di proprietà della Provincia di Reggio Calabria. La direzione scientifica del Planetario è affidata alla Sezione Calabria della Società Astronomica Italiana.
Il Planetario consente di riprodurre quasi tutti i fenomeni astronomici, osservabili sia di giorno che di notte , ed a tutte le latitudini, ma soprattutto di poterli vedere accelerati nel tempo. E' un apparecchio che proietta l'immagine ed i movimenti della volta celeste come apparirebbero ad un osservatore in un istante ed in un luogo assegnato. Il proiettore consente inoltre di riprodurre il movimento diurno o annuale dei vari corpi celesti, di simulare il cielo per una qualsiasi latitudine della terra e la precessione dell'asse terrestre. I moti possono essere anche combinati in modo da visualizzare particolari effetti come l'osservazione del cielo stellato da una stazione spaziale o dalla luna. L'apparecchio è corredato da sistemi di proiezione che utilizzano tecnologie informatiche, mentre la sala è dotata di impianto sonoro e di amplificazione.

Con la costruzione del Planetario, tra l'altro, per le dimensioni e bellezza del Geode esterno uno dei più belli d'Europa (secondo solo a quello di Parigi) la Provincia di Reggio Calabria, la Calabria, entrano nel numero di quelle città europee che possono usufruire di un mezzo spettacolare ed efficace per l'insegnamento e le divulgazione delle discipline scientifiche. Osservatorio Astronomico di Reggio Calabria. Foto turismo.reggiocal.it

La realizzazione di questa struttura non costituisce soltanto un arricchimento culturale ma, in questa Regione che affonda le sue radici in quei popoli antichi che hanno costruito il sapere astronomico, il Planetario diventa il testimone di questo iter culturale iniziato millenni fa.

Questo Geode che risplende in tutta la sua bellezza nel cielo di Reggio Calabria è e sarà la testimonianza più vera di quanto sia vincente investire nella scuola, nella cultura risorse morali capaci di raccogliere e valorizzare, attraverso processi innovativi assecondati da un impegno politico lungimirante, quanto di meglio di cultura, di intelligenza, di serietà, di attaccamento al proprio dovere si esprime, malgrado tutto, nella realtà calabrese.
 


Si ringrazia l'amministrazione comunale di Reggio Calabria, Ufficio del Turismo, per la gentile concessione di testi ed immagini qui pubblicati

Cerca le altre Guide Cerca le altre Guide
 
Zapping
Marc Chagall, La lotta di Giacobbe e l’angelo Chagall - Sogno di una notte d'estate
Una forma del tutto inedita di vivere l’arte, una grande emozione che mette insieme spettacolo, teatro, musica, tecnologia e arte, dal 13 ottobre 2017 al 28 gennaio 2018 Museo della Permanente di Milano
Ferrara Buskers Festival 2017 Ferrara Buskers Festival 2017
Dal 17 al 27 agosto c’è la 30esima Rassegna Internazionale del Musicista di Strada, con la partecipazione di oltre 1000 artisti provenienti da tutto il pianeta e circa 100 spettacoli al giorno open air, tutti gratuiti.
GEPI 2017 Giornate europee del patrimonio: 23 e 24 settembre 2017
Il tema scelto del Consiglio d’Europa per la nuova edizione è “Cultura e Natura”, le giornate dell'iniziativa il 23 e il 24 settembre 2017 e coinvolgeranno come ogni anno un gran numero di strutture a testimonianza del Patrimonio Culturale Nazionale.
Locus Festival 2017 Locus Festival 2017
Dal 2005 a Locorotondo, in quel magico angolo di Puglia chiamato Valle d’Itria, il Locus festival si è sempre distinto nel panorama italiano, posizionandosi fra i festival musicali più all’avanguardia in Italia.
Acquario - AAST Messina Messina e dintorni
Situata sulla punta settentrionale della Sicilia, nota anche come "città dello stretto", Messina accoglie il viaggiatore che sbarca su questa meravigliosa isola così ricca di profumi, leggende, storia e tutti le sfumature della terra, del sole.
Trento Guida alla città di Trento
Circondata da immense e tranquille vallate punteggiate da castelli e laghi, è meta turistica sia nella stagione estiva che invernale. I vecchi borghi, le chiese ed i castelli, formano un intreccio di itinerari ed atmosfere fantastiche.
Copyright © 2004-2017 MEMOKA P.IVA 08522530966 Tutti i diritti riservati.