Arte Attualita' ed eventi Cultura Moda Musica Rassegne, fiere e sagre
Unoriente di Gian Paolo Tomasi Unoriente di Gian Paolo Tomasi
Il Polo Museale Regionale della Basilicata presenta la mostra Unoriente di Gian Paolo Tomasi, allestita nella Sala Pascoli del Museo di Palazzo Lanfranchi, a Matera. La mostra sarà visitabile dal 13 aprile al 6 maggio 2017

Unoriente di Gian Paolo TomasiIn occasione delle imminenti festività di Pasqua, il Polo Museale Regionale della Basilicata presenta la mostra UNORIENTE di Gian Paolo Tomasi, allestita nella Sala Pascoli del Museo di Palazzo Lanfranchi, a Matera. La mostra sarà inaugurata dalla Direttrice del Polo Marta Ragozzino Giovedì 13 aprile 2017 alle ore 19.00. Sarà presente l'artista.

Elaborazioni fotografiche che coniugano realtà e fantasia producendo nuove visioni metaforiche che ci accompagnano in un nuovo viaggio. Matera diventa grazie a queste opere, che sono sintesi di fotografia e arte figurativa [che ci rimanda alla tradizione orientalista presente anche nella pittura lucana dell'Ottocento], la porta d'Oriente che è stata in passato.

Un luogo aperto e permeabile nel quale trovano spazio e interazione culture diverse, oggi a prima vista drammaticamente lontane che, invece, sono vicine e sorelle e che Gian Paolo Tomasi fa incontrare. UNORIENTE, un oriente unico, in grado di dare a tutti un futuro.

Abbiamo inteso promuovere questo progetto perché ha dentro, fortissimo, il tema del rovesciamento del senso. Della rottura del paradigma.

La realtà e la finzione che si incontrano nell'immagine, creano una bellezza nuova che produce stupore, spiazzamento, nuova esperienza estetica.

Il progetto di Tomasi è un gioco che può insegnarci qualcosa e farci guardare in maniera più aperta e disponibile la cultura d'Oriente, alla quale ci avviciniamo, nei giorni della Pasqua, grazie a queste immagini, nella speranza di un rinnovato dialogo.

Gian Paolo Tomasi, affascinato dalla bellezza di Matera, delle piazze del centro storico, della facciata di Palazzo Lanfranchi con l’ausilio di un software da lui stesso progettato, ha realizzato fantastiche e fantasiose “manipolazioni” che ci restituiscono la Città dei Sassi Capitale Europea della Cultura 2019 come non l'abbiamo mai vista!

Sono esposte le seguenti 13 opere:

  • Guardando Craco, 2017. Stampa a pigmenti puri su tela.
  • Verso il Conservatorio, 2017. Stampa a pigmenti puri su tela.
  • Passando per via Fiorentini, 2017. Stampa a pigmenti puri su tela.
  • Li ho visti danzare, 2017. Stampa a pigmenti puri su tela.
  • Guardando verso la Cattedrale, accade, 2017. Stampa a pigmenti puri su tela
  • San Giovanni Battista l’ho vista bendata, 2017. Stampa a pigmenti puri su tela.
  • Salendo dal Sasso Barisano, 2017. Stampa a pigmenti puri su tela.
  • Muezzin dal belvedere prima della calata, 2017. Stampa a pigmenti puri su tela
  • Vestiti di bianco San Pietro Caveoso, 2017. Stampa a pigmenti puri su tela.
  • Il Museo l’ho visto nel deserto, 2017. Stampa a pigmenti puri su tela.
  • Ho incontrato l’artigiano del fuoco, 2017. Stampa a pigmenti puri su tela.
  • Ho incontrato il mercante d’Oriente, 2017. Stampa a pigmenti puri su tela.
  • Omaggio a Escher, Matera, 2017. Stampa a pigmenti puri su tela.

Dopo aver frequentato il Liceo Artistico Tomasi si specializza in elaborazione fotografica: «Se penso a tutti gli anni passati a ritoccare fotografie sul tavolo luminosi, adesso dovrei essere cieco ... e all'Inferno. Ho manipolato per decenni migliaia di immagini provenienti dai quattro angoli del pianeta. Il digitale non esisteva ancora ma la manipolazione si. Purtroppo la parola “manipolazione” negli anni ha assunto un significato negativo, losco, furbescamente. Invece ha un'origine nobile, deriva da quelle mani che sono fondamentali in qualsiasi lavoro si faccia, in qualsiasi settore artigianale e artistico. E' vero, le mie mani non toccano pennelli o bulino, non sfiorano legni o velluti, non per questo il mio lavoro è un lavoro meno nobile, meno artigianale o, se vogliamo, meno artistico». Una mostra da vedere!

 


Museo nazionale d'arte medievale e moderna della Basilicata Palazzo Lanfranchi
Proprietà: Ente MiBAC
Indirizzo: Piazza G. Pascoli, 1 75100 - Matera (MT)
Telefono: 0835 2562540 Fax: 0835 2562233
E-mail: pm-bas.museolanfranchi@beniculturali.it ;mbac-pm-bas@mailcert.beniculturali.it
Orario: Inaugurazione: 19.00; Apertura: 9.00 - 20.00 Mercoledì: 11.00 -20.00

Unoriente di Gian Paolo Tomasi
 
Regione
Provincia
Categoria
Reset
Zapping
Coppa Procuratoria Venezia Dall’antica alla nuova Via della Seta
Dal 31 marzo al 2 luglio 2017 al Museo d'Arte Orientale di Torino una grande mostra che ripercorre la storia millenaria dei rapporti tra l’Oriente e l’Europa, 70 opere a rappresentare la storia millenaria dei rapporti tra la Cina e l’Occidente
Stefano Arienti Antipolvere Stefano Arienti Antipolvere - Modena 26/3 - 16/7
Inaugura sabato 25 marzo alle ore 18.00 Antipolvere, personale di Stefano Arienti, Galleria Civica di Modena Palazzo Santa Margherita, corso Canalgrande 103, a cura di Daniele De Luigi e Serena Goldoni
Trasimeno Music Festival Trasimeno Music Festival 2017 dal 28 giugno al 4 luglio
Dal 28 giugno al 4 luglio 2017 si svolgerà la tredicesima edizione del Trasimeno Music Festival organizzato dall’omonima associazione e con la direzione artistica della pianista canadese Angela Hewitt.
Acque Rotte Festival Acquedotte 2017 - 3ª edizione
Sono dieci gli appuntamenti musicali della terza edizione del Festival AcqueDotte, la rassegna estiva in programma dal 7 luglio al 17 settembre tra Cremona e Salò; la musica invade le due località lombarde, unite da gocce vitali e note musicali.
 Salone Nautico Internazionale di Genova Guida alla città di Genova
Sesta città d'Italia per importanza; il suo porto è uno tra i primi dell'Europa meridionale. La provincia di Genova è una delle mete turistiche più visitate della Liguria, grazie alle sue bellezze artistiche, ai suoi paesaggi ed alle sue spiagge.
Veduta Isolasanta (Archivio Fotografico APT - PGMedia) Guida alla città di Lucca
Si dice che gli abitanti della Piana di Lucca costruivano "come se la loro unica preoccupazione fosse la bellezza". Il paesaggio è vario, ricco di vita così come di silenzi: sentieri attraversano boschi, valli e pittoreschi borghi medievali.
Copyright © 2004-2017 MEMOKA P.IVA 08522530966 Tutti i diritti riservati.