Guida alla città di Lucca Guida alla città di Lucca
 
Prodotti tipici - Lucca (Archivio Fotografico APT - PGMedia) Enogastronomia a Lucca
La cucina della provincia di Lucca si basa su ingredienti semplici e genuini cucinati con creatività grazie anche al clima ed alla morfologia del territorio che garantisce abbondanza di prodotti di alta qualità.
Immagini Correlate (1)

La cucina della provincia di Lucca si basa su ingredienti semplici e genuini cucinati con creatività grazie anche al clima ed alla morfologia del territorioche garantisce abbondanza di prodotti di alta qualità.
Nella Piana di Lucca gli ulivi danno colore al paesaggio e producono ottimo olio che viene esportato in tutto il mondo: le sue caratteristiche organolettiche l'hanno portato ad essere considerato uno dei principali nutrienti per un sano e corretto regime alimentare; questo olio è unico per la perfezione del suo sapore (la raccolta delle olive al giusto grado di maturazione gli conferisce dolcezza con un accenno di piccante), del colore (giallo oro con riflessi verdi) e soprattutto del suo sapore tanto che molti intenditori ne portano un campione come termine di paragone. Questo prodotto è così famoso che l'Oxford Dictionary lo definisce "qualità superiore di olio d'oliva", elevandolo a prodotti conosciuti in tutto il mondo come il Cognac e lo Champagne.

Prodotti tipici del lucchese

Anche i vini caratterizzano la zona ed offrono due tipi di vini DOC, il "Montecarlo" ed il "Colline Lucchesi": i primi sono vini che provengono da uve coltivate nel comune di Montecarlo, Altopascio e Porcari; i più noti sono il Trebbiano Toscano, il Pinot Grigio e Bianco, il Vermentino, il Sauvignon, il Roussane ed il Semillon per quel che concerne i bianchi, mentre il Sangiovese, il Lanaiolo, il Ciliegiolo, il Colorino ed il Malvasia Nera per i vini neri; i "Vini delle Colline Lucchesi" invece provengono dai vigneti dei comuni di Lucca, Capannori e Porcari: i vini neri prodotti sono Sangiovese, Lanaioper lo, Ciliegiolo e Merlot, i vini bianchi sono Trebbiano Toscano, Greco, Grechetto, Vermentino, Malvasia, Chardonnay e Sauvignon. In entrambe i casi il clima mite, l'esposizione a mezzogiorno e la presenza di alte vette che protegge le coltivazioni dai venti settentrionali, contribuiscono ad ottenere un prodotto robusto e salutare con un alto contenuto zuccherino ed intense fragranze. E' stato creato recentemente un particolare itinerario, chiamato "Strada del Vino" che da Lucca attraversa verdeggianti colline, uliveti secolari e vigneti e conduce nei luoghi più noti dove assaggiare il miglior vino.

Vi sono numerosi piatti nella tradizione culinaria lucchese: i Tordelli, pasta ripiena all'uovo. Fra i secondi piatti si distingue lo stufato di coniglio, semplice da preparare, che in inverno viene servito con la polenta. Cosa dire poi dell'anguilla del fiume Serchio "in zimino"? L'anguilla del Serchio viene consumata da secoli e vi sono molti modi per cucinarla: arrosto, grigliata o, appunto "in zimino" che significa "cotta con le erbe", precisamente pomodoro e prezzemolo. L'abbondanza di disponibilità di olio fa sì che esistano numerose ricette a base di verdure e cerni fritte. Il dolce lucchese per eccellenza è il Buccellato, una grande torta rotonda fatta di farina, zucchero, vaniglia, ed anice. Per chiudere il pasto si usa la "China Lucchese Massagli", creata da Pasquale Massagli nel 1855 come cura per la malaria ed antipiretico, la bevanda è leggermente alcolica ed è ottima sia come digestivo che come apertivo. Per concludere menzioniamo il pane di Altopascio, particolarmente adatto per la preparazione di crostini con fegatini di pollo ed ottimo anche raffermo nelle zuppe o grattuggiato nei dolci.

 

Testi su gentile concessione APT Lucca - www.luccatourist.it. Immagini Archivio Fotografico dell'APT - PGMedia

Cerca le altre Guide Cerca le altre Guide

Argomenti Correlati

 

Enogastronomia a Lucca

 

Ville Monumentali della provincia di Lucca
 
Zapping
Marc Chagall - Anche la mia Russia ti amerà Marc Chagall - Anche la mia Russia ti amerà
Una mostra importante, di preciso impianto museale, che non intende raccontare “di tutto un po’” ma sceglie un tema preciso e lo approfondisce attraverso una selezione dei suoi capolavori imprescindibili.
Mykonos, 1957 © Piergiorgio Branzi Il giro dell’occhio. Fotografie 1950-2010
L’esposizione presenta 60 immagini che documentano oltre cinquant’anni di carriera del fotografo toscano, uno dei più importanti interpreti del nostro tempo, Novara Castello Visconteo, 23 giugno - 6 settembre 2020.
Lyst Restaurant, 2019, Vejle, Denmark The Design of Collaboration
Dal 19 settembre 2020 al 17 gennaio 2021, KUNST MERAN MERANO ARTE ospiterà la prima mostra in uno spazio pubblico italiano dello Studio Other Spaces (SOS).
Daniele Ranzoni Lo chalet di Villa Ada Ghiffa sul Lago Maggiore La Scapigliatura - una generazione contro
Dal 19 settembre 2020 al 10 gennaio 2021, Palazzo delle Paure a Lecco prosegue la sua indagine sull’arte dell’Ottocento italiano, con una mostra che ripercorre la storia e le istanze della Scapigliatura, movimento nato in Italia nel XIX secolo.
Brescia - Villa Feltrinelli La magia di Brescia
Se avesse il mare, Brescia potrebbe candidarsi al perfetto riassunto dell’Italia. E, a essere sinceri, vista la quantità e la qualità dell’acqua in grado di ispirare un autentico clima balneare, non è poi del tutto vero che il mare qui non ci sia.
Pietrabbondante -  Teatro Sannitico - Credit Adelina Zarlenga È il Molise la meta top del 2020
Itinerario nella regione inserita dal New York Times tra i luoghi più belli da visitare nel mondo. A partire da Castel del Giudice (IS), simbolo di rinascita del Molise e delle aree interne d’Italia.
Copyright © 2004-2020 Supero Ltd, Malta MT 2105-2906 Tutti i diritti riservati.