Giuseppe Nodari durante la battaglia del Volturno La Spedizione dei Mille
Dal 27 gennaio al 7 aprile 2024, il Museo di Santa Giulia di Brescia ospita la mostra dedicata a un significativo nucleo di opere di Giuseppe Nodari (1841-1898), patriota, artista, medico originario di Castiglione delle Stiviere (MN).
Immagini Correlate (19)

“Avea sempre la matita in mano a schizzare dal vero bivacchi, fatti d’arme e figure caratteristiche, delle quali s'ornò poi la casa dove morì medico”.

Giuseppe Cesare Abba, scrittore e garibaldino

I garibaldini sbarcano a Marsala.

Dal 27 gennaio al 7 aprile 2024, il Museo di Santa Giulia di Brescia ospita la mostra dedicata a un significativo nucleo di opere di Giuseppe Nodari (1841-1898), patriota, artista, medico originario di Castiglione delle Stiviere (MN). Il racconto della più celebre impresa del Risorgimento italiano, delineato attraverso le opere di Nodari acquistate direttamente presso i suoi eredi dall’Associazione AMICHÆ nel 2022, apre le celebrazioni per il primo anno del nuovo Museo del Risorgimento Leonessa d’Italia di Brescia.

12 mesi in cui il Museo si è distinto nel panorama della museologia internazionale – due i premi che gli sono stati conferiti, proprio per il valore del percorso che propone, punto di incontro fra la tradizione del museo di collezione e il museo di narrazione, capace di leggere e interpretare le questioni della contemporaneità a partire dalla conoscenza del passato, il Red Dot Award 2023 e l’International Design Awards 2024 – affermandosi come una realtà necessaria per la comunità, con 55.779 visitatori, un numero estremamente significativo soprattutto se lo confronta con il numero di coloro, 7.270, che lo frequentarono nel 2014, ultimo anno prima della chiusura.

La rassegna La Spedizione dei Mille. Memoria e racconto nel reportage pittorico di Giuseppe Nodari, curata da Giulia Paletti e Enrico Valseriati, promossa in sinergia da Comune di Brescia, Fondazione Brescia Musei e Associazione AMICHÆ, rispecchia a pieno titolo il concept, linea guida del progetto del Museo del Risorgimento bresciano, proponendo un taccuino con disegni e note a penna relativi alla Spedizione dei Mille, e venti tavole acquerellate con scene raffiguranti i momenti più salienti dell’impresa, alla quale Nodari partecipò in prima persona. Accanto agli acquerelli, sono esposte due prove pittoriche dell’artista: un ritratto di Giuseppe Garibaldi e l’Autoritratto di Giuseppe Nodari alla battaglia del Volturno.

Le opere sono allestite nelle Sale dell’Affresco del Museo di Santa Giulia, un luogo estremamente baricentrico all’interno del percorso del Corridoio UNESCO, accessibile a tutti i visitatori, gratuitamente. Una scelta fortemente voluta da Fondazione Brescia Musei proprio per il valore di questa mostra, perché possa essere occasione per il pubblico per avvicinarsi a un periodo storico così dirimente nella storia contemporanea e possa essere spunto e invito a un approfondimento proseguendo la visita al Museo del Risorgimento Leonessa d’Italia.

Il percorso espositivo si apre proprio con un approfondimento sulla vicenda umana di Giuseppe Nodari, il cui “animo d’artista” fu riconosciuto anche da alcuni suoi compagni d’avventura. Dopo aver combattuto a Solferino nel 1859, Nodari, ancora adolescente e imbevuto dell’entusiasmo conseguente all’annessione della Lombardia al Regno sabaudo, si unì al folto gruppo di giovani che da Bergamo partì alla volta di Genova per imbarcarsi sulla nave Lombardo, uno dei due piroscafi, insieme al Piemonte, usati per raggiungere la Sicilia dagli scogli di Quarto.

Armato di matite e taccuini, Nodari realizzò uno straordinario reportage artistico: i venti acquerelli esposti a Brescia, caratterizzati da una descrizione toccante, vivida e non retorica delle tappe che da Quarto condussero alla presa di Palermo, consentono al visitatore d’immergersi nell’impresa e di cogliere l’entusiasmo che animò i volontari che vi presero parte. Ad arricchire la ricostruzione storica, al centro del percorso, vengono presentati aspetti, aneddoti e curiosità, individuati e redatti dallo storico Carlo Bazzani.

A completare la narrazione, negli apparati didattici di mostra, i vivacissimi e dettagliati acquerelli di Nodari sono posti in dialogo con altre testimonianze che contribuirono a costruire la memoria storica della popolare Spedizione.

Da un lato con la memorialistica bresciana, che, attraverso le parole di Giuseppe Guerzoni, Giuseppe Cesare Abba e Giuseppe Capuzzi, costituisce una fonte di primaria importanza per contestualizzare alcuni episodi narrati graficamente da Nodari. Per l’occasione vengono inoltre esposti un ritratto dipinto di Giuseppe Guerzoni e un busto di Giuseppe Cesare Abba, entrambi delle collezioni dei Musei Civici bresciani.

Dall’altro la fotografia, che contribuì alla costruzione di un immaginario visivo condiviso e alla definizione di una nuova idea di Nazione. Attraverso il confronto tra i primi incunaboli fotografici dei reporter francesi presenti in Sicilia nel 1860 e gli acquerelli di Nodari sarà possibile apprezzare la sua sensibilità artistica e la minuziosa cura dei particolari.

I dettagli più vividi e curiosi degli acquerelli potranno inoltre essere apprezzati in tutta la loro pienezza grazie a un filmato, realizzato dall’azienda tessile Eurojersey per l’Associazione AMICHÆ.

La mostra è corredata di un libretto, che verrà distribuito in omaggio, con testi di Carlo Bazzani, Giulia Paletti ed Enrico Valseriati e da numerose attività di educazione al patrimonio, curate da Fondazione Brescia Musei e dedicate a tutte le fasce di pubblico, comprese le scuole.

Nel corso del weekend inaugurale, sabato 27 e domenica 28 gennaio, che coincide con il weekend dedicato alle celebrazioni per il primo anno di apertura del Museo del Risorgimento Leonessa d’Italia, sono previsti molte occasioni di approfondimento - incontri, workshop e proiezioni cinematografiche - legate al periodo storico del Risorgimento d’Italia.

I disegni e gli acquerelli di Giuseppe Nodari sono documenti di grande valore storico, testimonianze importanti dell’epopea della Spedizione dei Mille. Le suggestive immagini ritratte dal vivo da Nodari possiedono inoltre la straordinaria capacità di coinvolgere lo spettatore, trasportandolo idealmente all’epoca in cui gli episodi rappresentati si sono svolti. Grazie alla sensibilità non comune del loro autore, le immagini del reportage pittorico di Nodari restituiscono un’immagine vivida di un capitolo fondamentale del nostro Risorgimento che, ne sono sicura, sarà molto apprezzata da tutti i visitatori della mostra. Ringrazio quindi i curatori Giulia Paletti ed Enrico Valseriati, la Fondazione Brescia Musei e l’Associazione Amichæ per aver dato vita a questa proposta espositiva di alto profilo.

Laura Castelletti, Sindaca di Brescia

Esprimo con grande gioia la soddisfazione e la gratitudine a tutte le amiche dell’associazione Amichae, che si è fatta interprete di grande generosità culturale capace di legarsi in modo molto appropriato al momento specifico che la nostra Istituzione sta vivendo con il rilancio del Museo del Risorgimento, che nel primo anno di apertura ha testimoniato con i suoi quasi 60.000 visitatori di essere un giacimento identitario della comunità. Tale è anche il racconto dell’artista esposto in questa mostra, artista patriota di Castiglione delle Stiviere Nodari, che insieme ad altri straordinari bresciani interpreti e memorialisti della Spedizione dei Mille, come Giuseppe Capuzzi o Giuseppe Cesare Abba, riuscirono - in questo caso il Nodari con i suoi bellissimi acquarelli - a scolpire letteralmente la memoria degli eventi dell’estate ’60. In quei mesi la comunità di Brescia si distinse con 13 lutti e 86 eroi le cui memorie, mai abbastanza celebrate, ricordiamo ogni giorno nel Museo del Risorgimento "Leonessa d’Italia" di cui in questi mesi la mostra "La spedizione dei Mille" è una prestigiosa appendice.

Francesca Bazoli, Presidente Fondazione Brescia Musei

Sono oltremodo orgogliosa di questa importante acquisizione da parte di Amichae. Abbiamo assicurato al nostro Paese e in particolare al nostro territorio lombardo una testimonianza estremamente preziosa e fondamentale del nostro passato risorgimentale.

Laura Colnaghi Calissoni, presidente di Amichae

La prima mostra dell’anno di Fondazione Brescia Musei è un omaggio al Museo del Risorgimento. I venti acquarelli e l’altra mezza dozzina di opere legate a Giuseppe Nodari testimoniano l’eccezionalità di questo patriota-cronista, "embedded", diremmo oggi, nella Spedizione dei Mille: un reporter, quando il reportage fotografico ancora non esisteva, in grado di sunteggiare gli avvenimenti senza perdere di vista il realismo dei fatti narrati e la precisione nel dettaglio della rappresentazione pittorica, sia del paesaggio che dell’ambiente urbano nel quale si combatté, in particolare nelle vedute di Palermo. Un grande omaggio identitario a un pittore che è stato un eroe dei Mille, uno dei ragazzi che fecero l’Italia e che, ancora oggi con questa eccezionale testimonianza pittorica, ritrovamento delle Amichae gentilmente offerto alla Fondazione Brescia Musei, ci consente di ricordare il potere e il valore dell’immagine a cui i musei, in specie i musei di storia, come quello del Risorgimento, sono tributari. E ciò è particolarmente vero per il nostro, il "Leonessa d’Italia", una vera e propria "seconda Pinacoteca", dove speriamo un giorno queste opere possano arricchire la narrazione dei Mille.

Stefano Karadjov, Direttore Fondazione Brescia Musei

FONDAZIONE BRESCIA MUSEI

Fondazione Brescia Musei è una fondazione di partecipazione pubblico–privata presieduta da Francesca Bazoli e diretta da Stefano Karadjov. Fanno parte di Fondazione Brescia Musei Brixia. Parco archeologico di Brescia romana, Museo di Santa Giulia, Pinacoteca Tosio Martinengo, Museo delle Armi Luigi Marzoli, Museo del Risorgimento Leonessa d’Italia, Castello di Brescia Falco d’Italia e Cinema Nuovo Eden. Fondazione Brescia Musei è con Pinacoteca Tosio Martinengo e Museo del Risorgimento, ente capofila della Rete dell’800 Lombardo. I Musei Civici di Brescia sono inclusi nell’offerta di Associazione Abbonamento Musei.

Associazione AMICHÆ

L'Associazione AMICHÆ nasce nel 2011 su iniziativa dell’allora Sindaco di Milano, Letizia Moratti, che ha cercato di coinvolgere il privato nella valorizzazione di musei estremamente interessanti ma poco conosciuti a livello mediatico e quindi poco frequentati.

L’Associazione si è quindi focalizzata sul sostegno di Palazzo Morando | Costume Moda Immagine e Palazzo Moriggia | Museo del Risorgimento.

Nel 2019 viene approvato il nuovo Consiglio Direttivo composto dal Presidente Laura Colnaghi Calissoni, dalla Vicepresidente Floriana Mentasti Granelli Bianchi, dal Segretario Paolo Dameno Rota e dalla Tesoriera Chiara Trussoni. Nella primavera del 2023, il Presidente raggiunge l'obiettivo che persegue dall'inizio della sua presidenza: includere nell’oggetto sociale dell’Associazione la possibilità di sostenere anche il Museo del Novecento di Milano.

Il Consiglio Direttivo, in sinergia con il suo Comitato Promotore, si propone di realizzare nuove acquisizioni, restauri e interventi specifici sulla base delle necessità dei tre musei e di far conoscere in Italia e all’estero il grande patrimonio artistico e culturale del capoluogo lombardo.

Altro obiettivo è la creazione di un gruppo sempre più numeroso di appassionati d'arte che attorno a un calendario di appuntamenti e incontri, conferenze, proiezioni e mostre, seguano un vero percorso educativo capace di sancire la continuità tra passato e futuro. Un programma che consente ai membri dell'Associazione di instaurare un fervido colloquio e confronto con le istituzioni, gli artisti, i critici e gli storici, i galleristi e i curatori, i direttori di musei italiani ed internazionali.

LA SPEDIZIONE DEI MILLE

Memoria e racconto nel reportage pittorico di Giuseppe Nodari

Brescia, Museo di Santa Giulia (via Musei 81/b)
Sala dell’Affresco

27 gennaio - 7 aprile 2024

Orari
martedì - domenica, 10.00 – 18.00
aperto 1° aprile 2024: lunedì dell’Angelo (Pasquetta)

Ingresso gratuito

Fondazione Brescia Musei

tel. 030.2977833 – 834 | cup@bresciamusei.com

 
Zapping
Leonardo Baldini, da Rosso Fiorentino, Angelo musicante Divine Creature
Dal 5 marzo al 14 aprile 2024, è in programma Divine Creature, una mostra che affronta il tema della disabilità, usando il linguaggio dell’arte. Mostra a cura di Adamo Antonacci Fotografie di Leonardo Baldini
Giovanni Bellini (Venezia 1432 ca. - 1516), Compianto sul Cristo morto, 1473 -76, Olio su tavola, cm 107 x 84, Musei Vaticani Quattro artisti contemporanei in dialogo con un capolavoro
Dal 20 febbraio all’11 maggio 2024, il Museo Diocesano Carlo Maria Martini di Milano accoglie il Compianto sul Cristo morto di Giovanni Bellini, uno dei vertici del maestro veneziano, conservato nei Musei Vaticani.
Federico Faruffini Suonatrice di liuto 1865 Ottocento Lombardo. Ribellione e conformismo, da Hayez a Segantini
Dal 13 aprile al 28 luglio 2024, l’Orangerie della Villa Reale di Monza ospita la mostra Ottocento Lombardo. Ribellione e conformismo, da Hayez a Segantini, curata da Simona Bartolena.
Giuseppe Nodari durante la battaglia del Volturno La Spedizione dei Mille
Dal 27 gennaio al 7 aprile 2024, il Museo di Santa Giulia di Brescia ospita la mostra dedicata a un significativo nucleo di opere di Giuseppe Nodari (1841-1898), patriota, artista, medico originario di Castiglione delle Stiviere (MN).
Lavorazione della ceramica Guida per conoscere il Salento
Il Salento, situato nel "tacco dello stivale" italiano, è una terra dal fascino ineguagliabile, dove spiagge meravigliose e arte barocca si fondono alle antiche tradizioni e a sapori antichi.
Brescia - Circolo Vela Gargnano La magia di Brescia
Se avesse il mare, Brescia potrebbe candidarsi al perfetto riassunto dell’Italia. E, a essere sinceri, vista la quantità e la qualità dell’acqua in grado di ispirare un autentico clima balneare, non è poi del tutto vero che il mare qui non ci sia.
Copyright © 2004-2024 Supero Ltd, Malta MT 2105-2906 Tutti i diritti riservati.