Biblioteca Statale Isontina
OrariOrari
Condizioni e PrezziCondizioni e Prezzi
ServiziServizi
NoteNote
via Mameli 12, Gorizia - 34170 (GO)
Tel: Registrati Fax: Registrati
Email:bs-ison@beniculturali.it
Sito web
Orari
Lunedì 07:45 - 18:45
 
Martedì 07:45 - 18:45
 
Mercoledì 07:45 - 18:45
 
Giovedì 07:45 - 18:45
 
Venerdì 07:45 - 18:45
 
Sabato 07:45 - 13:15
 
Servizi
Per i disabili
Per i disabili
accessibile
Note

Dal punto di vista storico - artistico Palazzo Werdenberg si colloca tra gli edifici di carattere monumentale. La sua storia si lega a quella dei Gesuiti, la cui presenza a Gorizia era stata chiesta, come in molti centri dell'impero asburgico (Graz, Lubiana), nello spirito e secondo norme e direttive del Concilio di Trento, soprattutto per curare l'istruzione della gioventù, in conseguenza alla grave crisi religiosa e spirituale che coinvolse in quel periodo il clero e la popolazione locale, non indifferenti al luteranesimo che si andava diffondendo in Europa.
Il loro insediamento a Gorizia nel 1615, dopo la cacciata dai territori della Repubblica di San Marco, fu reso possibile grazie alla donazione da parte del barone Vito Dornberg, della Chiesa di San Giovanni, con annessa casa, nell'omonima via.
Inizialmente l'abitazione venne usata anche come seminario per pochi allievi, perché i gesuiti si impegnarono anche nell'attività di educazione e formazione del clero.
Data la precarietà della situazione intervenne nel 1629 il barone Verda von Werdenberg, che destinò 22 mila fiorini per il mantenimento in perpetuo di 24 seminaristi poveri e un suo edificio sempre in via San Giovanni per l'adattamento a Seminario. Poiché però la casa era troppo distante dal collegio e non abbastanza comoda fu comprata, nel 1634, sempre con il generoso finanziamento del barone de Werdenberg, una casa più vicina e più ampia dal nobile Ambrogio Sembler.
L'intera struttura fu quasi interamente rifatta, aumentata con l'aggiunta degli edifici attigui e abbellita e arrivò a completamento nel 1649. Si presenta con una facciata compatta, trafilata da sequenze serrate di finestre, su Via delle Scuole (oggi via Mameli), mentre il lato sull'attuale Corso Verdi è alleggerito da armoniosi porticati a tre ordini di logge prospicienti il grande cortile interno.
Semplice e sobrio, il palazzo raggiunge la perfetta armonia nelle sue linee architettoniche ed esprime in pieno la funzione per la quale venne edificato, concedendo alla moda barocca soltanto i bellissimi stucchi posti alla sommità dello scalone, opera probabile di Giovanni Pacassi, padre dell'architetto Nicolò.
Altri segni distintivi della sua nobiltà storico - artistica sono pure gli archi a volta, presenti in alcuni locali e cantine, del pianoterra e del primo piano, e le già menzionate logge, capaci di creare prospetti suggestivi, dentro e fuori l'edificio al quale fanno da contorno i due giardini, uno dei quali cita l'antico orto botanico dell'i.r. Ginnasio austriaco.
Nel marzo 1995 è stato portato a termine il massiccio ciclo di interventi edilizi e impiantistici iniziati alla fine del 1988, i quali hanno rimesso a nuovo Palazzo Werdenberg, conferendogli solidità ed eleganza e adeguandolo alle funzioni di una moderna Biblioteca, con l'incremento degli spazi e con l'apertura di nuovi servizi.   

Biblioteca State isontina
Ti potrebbe interessare anche...
Libreria Feltrinelli Libri e Musica Udine Mappa Mappa
via Canciani 15, Udine (UD)
Libreria Friulana Mappa Mappa
via Roma 6/c, Udine (UD)
Goethe - Institut Triest Mappa Mappa
via del Coroneo 15, Trieste (TS)
Inlingua Trieste Mappa Mappa
via San Francesco d'Assisi 10, Trieste (TS)
Inlingua Trieste Mappa Mappa
via San Francesco d'Assisi 10, Trieste (TS)

Mappa

Zapping
Walter Bortolossi alla BSI Walter Bortolossi alla BSI con "Divagazione dai disegni Leonardeschi"
Venerdi 19 luglio, alla galleria d'arte Mario Di Iorio della Biblioteca statale Isontina si inaugura la mostra dell’artista udinese Walter Bortolossi, che presenterà una quindicina di propri dipinti affiancati dalle riproduzioni di alcuni disegni di Leonardo da Vinci.
Il segno rivelatore di Gillo Il segno rivelatore di Gillo
La mostra artistico/ documentaria, ideata e curata dall’arch. Marianna Accerboni, è promossa dall’Associazione Culturale Gillo Dorfles di Milano, con il patrocinio del Comune di Trieste, e si svolge alla Biblioteca Statale Stelio Crise.
scultura in ceroplastica busto Leonardo da Vinci e Guido da Vigevano - Anatomia in figure
Fino al 29 marzo 2020 alla Biblioteca Ambrosiana di Milano, a confronto i modi di raffigurazione anatomica di due geni del passato, attraverso le riproduzioni del capolavoro di Guido da Vigevano, Anothomia e di alcuni fogli di Leonardo da Vinci.
Steve McCurry, Mandalay, Birmania, 2013 © Steve McCurry Steve McCurry - leggere
Dal 17 gennaio al 13 aprile 2020, l’Arengario di Monza ospita la mostra Leggere di Steve McCurry, uno dei fotografi più celebrati a livello internazionale per la sua capacità d’interpretare il tempo e la società attuale.
Agnone - credit Emanuele Scocchera È il Molise la meta top del 2020
Itinerario nella regione inserita dal New York Times tra i luoghi più belli da visitare nel mondo. A partire da Castel del Giudice (IS), simbolo di rinascita del Molise e delle aree interne d’Italia.
Castello di Brescia Scoprire Brescia
Gli itinerari e le idee di viaggio presentate in questa guida si propongono come uno strumento per esplorare Brescia e il suo territorio, osservandoli da diversi punti di vista.
 

Regione

Provincia

Seleziona Destinazione

Studiare

Chiudi

Studiare

Chiudi
sel
Biblioteche Attivo
Biblioteche straniere0
Librerie0
Librerie straniere0
Scuole di lingua Italiana 1
Scuole di lingua straniera 5
spiegazione tipo alloggio...
Reset
Copyright © 2004-2020 MEMOKA P.IVA 08522530966 Tutti i diritti riservati.