Castello Aragonese
Condizioni e PrezziCondizioni e Prezzi
ServiziServizi
NoteNote
via Nicola d'Otranto , Otranto - 73028 (LE)
Tel: Registrati
Email:Registrati
Orari
Lunedì 10:00 - 13:00
15:00 - 19:00 
Martedì 10:00 - 13:00
15:00 - 19:00 
Mercoledì 10:00 - 13:00
15:00 - 19:00 
 
 
Giovedì 10:00 - 13:00
15:00 - 19:00 
Venerdì 10:00 - 13:00
15:00 - 19:00 
Sabato 10:00 - 13:00
15:00 - 19:00 
Domenica 10:00 - 13:00
15:00 - 19:00 
Condizioni e Prezzi
Prezzi
Prezzi
Prezzo intero: €4.00 - €7.00
Servizi
Per i disabili
Per i disabili
accessibile
Note
Gli orari indicati sono validi per il mese di maggio; giugno e settembre 10-13 / 15-22; luglio e agosto 10-24, tutti i giorni.
hanno diritto al biglietto ridotto i visitatori dai 6 ai 14 anni, oltre 65 anni, scolaresche, diversamente abili e relativi accompagnatori, gruppi superiori a 20 unità, convenzioni attive.
Titolari Otranto Card: intero € 6,00; ridotto € 4,00.

Il castello Aragonese: a pianta pentagonale irregolare con tre torrioni cilindrici e un poderoso bastione a forma di lancia, soprannominato "Punta di Diamante", che si spinge verso il porto, con un fossato che si estende per tutto il perimetro e nell'antichità era munito di ponte levatoio. Fu edificato tra il 1485 e il 1498 dagli Aragonesi di Napoli, probabilmente su una costruzione preesistente del periodo federiciano, avvalendosi della consulenza di Francesco di Giorgio Martini, il genio dell'architettura militare rinascimentale. Nel 1647 furono apportate opere di consolidamento e furono restaurate la "Torre Mastra" e l'intera cinta muraria. Sul portale d'accesso campeggia l'emblema di Carlo V d'Asburgo. All'interno della fortezza vi è una piazzetta a pianta quadrangolare con una scalinata che porta ai piani alti. Il piazzale superiore del castello, a un’altezza di 16 metri, è munito di cannoniere e merlone. Agli inizi del 1800 le milizie napoleoniche manomisero la quasi totalità dell'apparato difensivo di Otranto. Nel 1897, parte del fossato fu riempito di terra per consentire l'accesso al borgo antico, ma poi alla fine del secolo successivo è stato ripristinato lo stato originario. Dal 2009 è divenuto un importante contenitore culturale, con mostre ed eventi di grande spessore.
Ti potrebbe interessare anche...
Officine Cantelmo Mappa Mappa
viale De Pietro , Lecce (LE)
Primo Piano Livingallery Mappa Mappa
viale Guglielmo Marconi 4, Lecce (LE)
Provinciale Sigismondo Castromediano Mappa Mappa
viale Gallipoli 28, Lecce (LE)
Associazione Culturale Atrium Mappa Mappa
via Paisiello 19, Lecce (LE)
Banca Arditi Galati Mappa Mappa
corso Roma 123, Gallipoli (LE)

Mappa

Zapping
Alberto Gandolfo - Quello che resta Alberto Gandolfo - Quello che resta
Dal 2 al 22 dicembre 2019, Whitephotolab di Federico Patrocinio, a Lecce (Piazzetta Chiesa Greca), ospita l’installazione Quello che resta che presenta 35 fotografie di Alberto Gandolfo (Palermo, 1983).
Under pressure - Baldo Diodato a Copertino Under pressure - Baldo Diodato a Copertino
Da mercoledì 18 dicembre le sale del Castello di Copertino ospiteranno la mostra "Under pressure. Baldo Diodato a Copertino", visitabile fino al 21 marzo 2020.
Giuseppe De Nittis - La guardiana delle oche - 1884 Paesaggisti pugliesi fra Otto e Novecento
Fino al 19 aprile, alla Biblioteca Nazionale Sagarrica di Bari, una rassegna che si propone di documentare attraverso le immagini pittoriche del territorio pugliese i cambiamenti del paesaggio naturale e antropico.
Testa di figurina funeraria di Akhaneton Viaggio oltre le tenebre.Tutankhamon Real Experience®
La mostra in programma a Palazzo Reale dal 5 marzo al 14 giugno 2020, è un'esperienza coinvolgente e, in parte, immersiva, per raccontare il viaggio “oltre le tenebre” del più famoso dei faraoni.
Brescia - Capitolium La magia di Brescia
Se avesse il mare, Brescia potrebbe candidarsi al perfetto riassunto dell’Italia. E, a essere sinceri, vista la quantità e la qualità dell’acqua in grado di ispirare un autentico clima balneare, non è poi del tutto vero che il mare qui non ci sia.
San Francesco del Prato - Abside - Credit Giuseppe Bigliardi San Francesco del Prato
Tutta Parma, e non solo, si stringe intorno al progetto di restauro di San Francesco del Prato, con una raccolta fondi e da un ricco programma di eventi per sostenere la rinascita di un simbolo della “Capitale Italiana della Cultura” per il 2020.
 

Regione

Provincia

Seleziona Destinazione

Arte

Chiudi

Arte

Chiudi
spiegazione tipo alloggio...
Reset
Copyright © 2004-2020 MEMOKA P.IVA 08522530966 Tutti i diritti riservati.