Guida a Latina e provincia Guida a Latina e provincia
 
Ponza. Foto di proprietà dell\'APT di Latina Guida alle Isole Pontine
L'arcipelago delle Isole Pontine o Ponziane, provincia di Latina, è composto da due gruppi di isole disposte Nord ovest - Sud est e distanti tra loro circa 22 miglia: fra queste Ponza, Ventotene e Santo Stefano.
Immagini Correlate (1)

 Ponza.

Ponza. Foto APT di Latina

È la più grande delle isole pontine. La fantasia popolare ha dato ai vari luoghi pittoresche denominazioni. Partendo dallo sperone nordorientale di Punta d'Incenso e proseguendo verso sud, il periplo dell'isola offre alla vista di posti incantevoli: l'isolotto di Gavi, Cala Caetano, Scoglio Aniello, il caratteristico scoglio Spaccapolpi o Arco Aaturale, Punta Nera, Cala d'Inferno, Cala del Core, Cala di Frontone, Scoglio Ravia, Santa Maria, Giancos, fino a giungere alla rada. Quest'ultima è protetta ad est dalla Punta della Madonna con i vicini faraglioni, sotto la quale si aprono le Grotte di Pilato antico murenario romano sul quale la leggenda ha intessuto storie pittoresche. Proseguendo nel giro, si incontrano i Faraglioni del Calzone Muto, Punta della Guardia con il faro, Punta del Fieno, la spiaggia lunata di Chiaia di Luna chiusa da punto di Capo Bianco e via via: i faraglioni di Lucia Rosa, Punta di Capo Bosco, Cala Feola, Cala dell'Acqua, Punta del Papa, Punta Beppe Antonio, Cala Fonte e infine Cala Caparra.

I due principali nuclei urbani di Ponza, caratterizzati da costruzioni basse dai tenui colori pastello, sorgono attorno al porto borbonico, disegnato dall'architetto Winspeare, e in località Le Forna.

 

Palmarola.
Dista dal porto di Ponza circa otto miglia e si raggiunge con imbarcazioni private prese in affitto. È disabitata, ma d'estate viene aperto qualche punto d'appoggio di ristorazione. Presenta caratteristiche naturali simili a quelle dell'isola madre.

Zannone.
Dista circa sei miglia da Ponza e costituisce oggi per la selvaggina di passo. È una delle poche zone che ancora mantengono quasi integre le caratteristiche della flora e della fauna tipiche del Mediterraneo. Qui vive anche una piccola colonia di mufloni, insediata da anni. Nei pressi del porticciolo, un murenario di età romana. Sull'isola e resti dell'antico convento di Santo Spirito. Fa parte del Parco nazionale del Circeo.

 

Ventotene.
È l'altro comune dell'arcipelago. Lunga circa 2800 metri, con una larghezza massima di 800 metri e alta, nel punto più elevato appena 139 m (Monte dell'Arco), l'isola presenta caratteristiche assai diverse da quelle dell'isola di Ponza. Più compatta, denuncia la sua origine vulcanica nelle terre rossastre e brune, coperte da bassa vegetazione e da fichi d'India. Luogo di esilio per la bella Giulia (figlia di Augusto), Agrippina (consorte di Germanico) e Ottavia (sterile moglie di Nerone), conserva resti della villa imperiale presso Punta Eolo. La chiesa, dedicata a San Candida, risale al 1765 e fu realizzata su disegno del Winspeare. Il giro dell'isola riserva piacevoli sorprese: Punta Eolo con le tipiche basse rocce a taglio verticale come parallelepipedi; Cala Rossano con il porticciolo per le motonavi; la spiaggetta; le grotte, la tufacea Punta del Pertugio sede del porticciolo romano, con banchine sormontate da suggestivi archi naturali anch'essi di tufo; la spiaggetta di Cala Nave con i due scogli della Nave di Terra e della Nave di Fuori; Punta dell'Arco, Punta Pascone, Cala Parata Grande con un'altra spiaggetta e gli scogli degli Sconcigli. Il pittoresco e ridente abitato costituisce con i suoi chiari colori un esempio di insediamento mediterraneo semplice e lindo. A tutela del patrimonio naturalistico è stata istituita nel 1999 dal Ministero dell'Ambiente la Riserva Marina e Terrestre delle isole di Ventotene e Santo Stefano.

Santo Stefano.
A poco più di mezzo miglio da Ventotene. Per lunghi anni ha legato il suo nome all'ergastolo (l'edificio circolare fu costruito nel 1794 - 1795 dell'architetto Carpi) ormai soppresso. Gli immobili del penitenziario costituiscono motivo per una visita non solo curiosa.

  

TESTI E FOTO DI PROPRIETA' DELL' APT DI LATINA

Cerca le altre Guide Cerca le altre Guide

Argomenti Correlati

 

Guida alle Isole Pontine
 
Zapping
Animali fantastici - Il giardino delle meraviglie Animali fantastici - Il giardino delle meraviglie
Saranno oltre 90 gli animali che varcheranno la soglia magica di Palazzo Albergati, realizzati da 23 grandi artisti contemporanei, dal 7 dicembre al 5 maggio 2024.
Mario De Biasi, Galleria Vittorio Emanuele II, Milano anni cinquanta Mario De Biasi e Milano - Edizione Straordinaria
La mostra celebra il centenario della nascita e raccoglie 70 tra le immagini più iconiche, alcune inedite, che il fotoreporter ha scattato a Milano, sua città d'adozione, sua città d'elezione.
Telemaco Signorini, Non potendo aspettare, 1867 I Macchiaioli a Brescia
Dal 20 gennaio al 9 giugno 2024, la storica residenza cinquecentesca nel cuore della città ospita un'imperdibile mostra che presenta oltre 100 capolavori di Fattori, Lega, Signorini, Cabianca, Borrani, Abbati e altri.
Federico Faruffini Suonatrice di liuto 1865 Ottocento Lombardo. Ribellione e conformismo, da Hayez a Segantini
Dal 13 aprile al 28 luglio 2024, l’Orangerie della Villa Reale di Monza ospita la mostra Ottocento Lombardo. Ribellione e conformismo, da Hayez a Segantini, curata da Simona Bartolena.
Pasticciotto leccese Guida per conoscere il Salento
Il Salento, situato nel "tacco dello stivale" italiano, è una terra dal fascino ineguagliabile, dove spiagge meravigliose e arte barocca si fondono alle antiche tradizioni e a sapori antichi.
Brescia - Parco naturale Adamello Brenta - Credit Christian Martelet La magia di Brescia
Se avesse il mare, Brescia potrebbe candidarsi al perfetto riassunto dell’Italia. E, a essere sinceri, vista la quantità e la qualità dell’acqua in grado di ispirare un autentico clima balneare, non è poi del tutto vero che il mare qui non ci sia.
Copyright © 2004-2024 Supero Ltd, Malta MT 2105-2906 Tutti i diritti riservati.