Museo della Calzatura Pietro Bertolini
OrariOrari
Condizioni e PrezziCondizioni e Prezzi
ServiziServizi
NoteNote
piazza Ducale I - ii Scuderia, Vigevano (Castello Sforzesco) - 27029 (PV)
Tel: +39 0381 693952 Fax: 0381695016
Email:Registrati
Sito web
Orari
 
 
Martedì  
14:00 - 17:30 
Mercoledì  
14:00 - 17:30 
 
 
Giovedì  
14:00 - 17:30 
Venerdì  
14:00 - 17:30 
Sabato 10:00
18:00 
Domenica 10:00
18:00 
Condizioni e Prezzi
Prezzi
Prezzi
Ingresso gratuito    
Servizi
Tipo di museo
Tipo di museo
Specializzato    
Laboratorio
Laboratorio
Laboratorio didattico    
Archivio
Archivio
Archivio fotografico     Archivio storico    
Generale
Generale
Biblioteca     Connessione internet     Libreria - negozio     Parcheggio     Pubblicazioni del museo     Sale studio     Visite guidate     Visitabile anche a richiesta    
Per i disabili
Per i disabili
accessibile
Lingue
Lingue
Inglese     Francese    
Note

Il Museo Internazionale della Calzatura Pietro Bertolini di Vigevano (MIC) è la prima istituzione pubblica in Italia dedicata alla storia della scarpa. 

La sua nascita è dovuta alla donazione fatta nel 1948 dall’industriale Pietro Bertolini al Comune di Vigevano. In cambio della sua ricca collezione personale Bertolini aveva posto come unica condizione la sua esposizione al pubblico in un contesto adeguato. In realtà i primi spazi espositivi erano stati temporanei e inadeguati, e solo nel 1958, a seguito delle pressioni degli eredi, era stato istituito il Civico Museo della Calzatura Pietro Bertolini, la cui sede era stata individuata in Palazzo Crespi, che già ospitava Museo e Biblioteca Civici. 

Nel settembre 1972, con quattordici anni di ritardo, il Museo era stato effettivamente collocato nel palazzo, presso un locale a piano terra, in ambienti appositamente arredati seppure di ridotte dimensioni. L’esposizione, impostata secondo criteri antiquati e poco fruibili, era limitata a 200 pezzi prevalentemente etnici e storici. 

Condannato all’invisibilità per oltre trent’anni da successive amministrazioni che ne ignoravano le potenzialità il Museo ha finalmente ripreso vita nel 2003, grazie all’interessamento e alla tenacia di “Progetto Agenda”, una associazione tra imprenditori e privati cittadini presieduta dall’ing. Crespi e finalizzata alla valorizzazione di Museo e Castello. Uno spazio prestigioso all’interno del Castello Sforzesco, consistente in undici sale situate al primo piano della prima scuderia, è stato messo dal Comune a disposizione della Pinacoteca Civica e del Museo della Calzatura, affidate per un breve periodo alla direzione di Matteo Mainardi, che ne ha curato il primo allestimento. Nel 2009 le due entità sono state separate più nettamente ed il Museo è stato trasferito nelle sale collocate sopra la seconda scuderia, dove attualmente risiede. 

Nel 2004 si è verificata una importante svolta in seguito al coinvolgimento di tre personaggi di spicco del mondo della moda calzaturiera. L’intervento nelle scelte artistiche e nella strategia di comunicazione da parte dei designer Armando Pollini e Andrea Pfister con il suo socio Jean Pierre Dupré ha modificato l’impostazione istituzionale mantenuta sino a quel momento, trasformando il Museo in una realtà dinamica ed internazionale. Attraverso le rispettive amicizie personali è stata notevolmente arricchita la collezione, con donazioni di modelli importanti; sono state aggiunte la Sala dei designer e la Wunderkammer e soprattutto avviati i contatti per le prime mostre che avrebbero conferito maggiore visibilità e prestigio. 

A Pfister e Duprè si deve “Andrea Pfister”, prima grande mostra nel 2004. Sono seguite, con la curatela di Pollini e la collaborazione di diversi soggetti: “Ferragamo e i calzolai d’Italia” (2005); “André Perugia” (2005); “Aldo Sacchetti il calzolaio d’Italia” (2005); “Lusso e autarchia” (2005); “Gabriele D’Annunzio” (2006); “Vivienne Westwood” (2007); “Il tacco a spillo, fascino e seduzione” (2008); “Italia -150 anni dello stivale” (2011); “Visitors and Natives” (2013). Con la mostra “Il Tacco a spillo, fascino e seduzione” il Museo è stato presentato a New York, Madrid e Bilbao; con “Pollini e Pfister “ a Vaasa e con “100 Anni di seduzione” a Mosca. 

Per scuole e gruppi c'è la possibilità di visitare il Museo dal martedì al venerdì al mattino, previa prenotazione al numero: 0381 299 258

Chanelparticolare
Ti potrebbe interessare anche...
Museo di Paleontologia e Scienze Naturali di Voghera Mappa Mappa
Via A.Gramsci 1, Voghera (PV)
Museo Regina e Raccolta Archeologica Naturalistica "Ugo Fantelli" Mappa Mappa
piazza Repubblica 39, Mede (PV)
Sistema Museale di Ateneo - Museo della Tecnica Elettrica Mappa Mappa
via Ferrata , Pavia (PV)
Sistema Museale di Ateneo - Orto Botanico - Pavia Mappa Mappa
via San Epifanio 14, Pavia (PV)
Sistema Museale di Ateneo - Pavia Mappa Mappa
via ferrata , Pavia (PV)

Mappa

Zapping
Adelisa Selimbasic, Maria Perché siamo come tronchi nella neve
Nel Chiostro dei Glicini, una mostra e un’asta dal titolo Perché siamo come tronchi nella neve con opere di ventuno artiste in favore dell’Associazione Praevenus. Sabato 19 e sabato 26 giugno, visite senologiche di prevenzione gratuite in Umanitaria
MIA Photo Fair 2020 MIA Photo Fair 2020
Anche MIA PHOTO FAIR, la più importante fiera di fotografia del nostro Paese, sposta a settembre l’edizione 2020. La Fiera internazionale di fotografia si terrà dal 10 al 13 settembre in contemporanea con Milano ArtWeek.
Somm-1 Impressionisti. Alle origini della modernità
180 opere dei maggiori esponenti della pittura francese e italiana del Secondo Ottocento, da Gericault a Courbet, da Manet a Renoir, da Monet a Cézanne a Gauguin, a Boldini e De Nittis, da collezioni pubbliche e private italiane e francesi.
Renato Corsini, 1980 Ritratti, sequenze fotografiche e scatti di ambientazione: omaggio a Joseph Beuys
 1921/2021. OMAGGIO A JOSEPH BEUYS Ritratti, sequenze fotografiche e scatti di ambientazione Brescia, Spazio Contemporanea (Corsetto Sant’Agata, 22) 16 giugno – 31 luglio 2021
Brescia - Lago d\'Iseo - Piramidi di Erosione di Zone - Credit Michele Rossetti La magia di Brescia
Se avesse il mare, Brescia potrebbe candidarsi al perfetto riassunto dell’Italia. E, a essere sinceri, vista la quantità e la qualità dell’acqua in grado di ispirare un autentico clima balneare, non è poi del tutto vero che il mare qui non ci sia.
Castello di Brescia Scoprire Brescia
Gli itinerari e le idee di viaggio presentate in questa guida si propongono come uno strumento per esplorare Brescia e il suo territorio, osservandoli da diversi punti di vista.
 

Regione

Provincia

Seleziona Destinazione

Arte

Chiudi

Arte

Chiudi
spiegazione tipo alloggio...
Reset
Copyright © 2004-2021 Supero Ltd, Malta MT 2105-2906 Tutti i diritti riservati.