Comacchio Loggiato dei Cappuccini (c) Archivio Fotografico della Provincia di Ferrara Guida alla città di Ferrara
Provincia dell'Emilia Romagna, il territorio ferrarese è ricco di tesori naturali ed artistici: borghi medievali, castelli e antiche dimore patrizie punteggiano le fertili pianure e le zone lacustri dove la natura è gelosamente protetta.
Immagini Correlate (29)

La città, così come il Parco del Delta del Po, è stata proclamata dall'UNESCO Patrimonio Mondiale dell'Umanità.
Incantevole il centro storico che si sviluppa attorno alla piazza della Cattedrale, costruzione che fonde armoniosamente lo stile romanico della parte inferiore con lo stile gotico della sezione superiore: è stata eretta a partire dal XII secolo e la facciata, in marmo bianco, grigio e rosa, porta un magnifico Giudizio Universale opera di uno scultore ignoto, sopra la loggia centrale; l'interno, rifatto e rimaneggiato in epoche diverse, è riccamente decorato di statue ed affreschi, fra cui spiccano gli affreschi di Benvenuto Tisi da Garofalo raffiguranti San Pietro e San Paolo; il Martirio di San Lorenzo, opera del Guercino ed il Giudizio Universale di Bastianino.Ferrara Castello Estense
Molte delle opere che ornarono nei secoli le navate e le absidi del Duomo sono ora conservate presso il Museo della Cattedrale di via San Romano. Sulla Piazza Trento Trieste che si apre sulla fiancata destra della Cattedrale si erge l'imponente campanile di epoca rinascimentale in marmo bianco e rosa, opera (incompiuta) attribuita a Leon Battista Alberti. Simbolo indiscusso della città è il Castello Estense, o di San Michele, eretto per ordine di Niccolò II d'Este nel 1385 per difendersi dal popolo che minacciava rivolte contro la famiglia dei Signori; la struttura è suggestiva ed imponente e possiede tutte le caratteristiche della fortificazione militare, è circondata da un profondo fossato con ponti levatoi e sottili feritoie, ma nelle epoche successive, cessato il pericolo di sommosse, il Castello divenne residenza ducale e si aggiunsero all'architettura originaria le eleganti altane, le balconate in marmo bianco e le splendide decorazioni volte ad impreziosire gli appartamenti dei Duchi. La città offre ancora decine fra Palazzi, Chiese, Basiliche, monumenti e musei per cui Vi rimandiamo al link che trovate in questa pagina in alto e destra.
Usciti dalla città ci si immerge in uno dei panorami più suggestivi della campagna italiana: il Parco Regionale del Po; istituito nel 1988, è il più esteso tra i Parchi e le Riserve Regionali d'Italia con i suoi 53.653 ettari di superficie aventi come comune denominatore la presenza dell'acqua; offre al visitatore uno spettacolo affascinante messo in scena magistralmente dalla ricca e variegata fauna (uccelli, anfibi, rettili e mammiferi che qui svernano, nidificano o stanziano) e le oltre 1000 specie di piante.
Un panorama ricco di suggestioni e di interessanti mete, da gustare anche in bicicletta, il mezzo di locomozione più amato e largamente utilizzato in tutto il territorio, che permette di calarsi armoniosamente nei suoni, nel silenzio e nei profumi della natura pedalando senza fretta su strade pianeggianti ed asfaltate.

Per chi invece ama i piaceri del gusto il territorio ferrarese offre ben tre itinerari, chiamati "Strade dei Vini e dei Sapori" che conducono il turista fra aziende agricole, cantine, trattorie, ristoranti, agriturismi e locande dove assaporare i prodotti tipici della zona: salumi (salama da sugo e salame all'aglio), pane ferrarese ("la Coppia"), anguilla marinata, vini (Lambrusco di Sorbara, Sauvignon, Merlot e Bianco del Bosco), pasta fresca ripiena (cappellacci e tortellini) ed il dolce Pampepato. Elemento integrante dell'atmosfera allegra e rilassata che si respira in questa zona d'Italia sono le manifestazioni folkloristiche, artistiche e culturali che, in ogni periodo dell'anno, ma soprattutto in primavera/estate, animano la città: prima fra tutte il Palio, che è il più antico del mondo; venne istituito dal Comune di Ferrara nel 1279, ufficializzando una tradizione popolare vecchia di decenni di giochi e feste che si svolgevano per festeggiare il marchese e Signore della Città, Azzo VII Novello d'Este; il Palio da allora fu corso quasi ininterrottamente, fino al 1860. Il "Palio" si componeva e si compone tutt'ora in quattro diverse gare: le corsa dei cavalli, degli asini, delle donne e degli uomini. Attualmente il Palio di Ferrara si disputa una volta all'anno, l'ultima domenica di maggio, mentre il sabato del fine settimana precedente ha luogo il Corteo Storico dove, con oltre 1000 figuranti in costume rinascimentale, le otto contrade sfilano dalla Pusterla degli Angeli lungo corso Ercole I d'Este per raggiungere il Castello Estense dove hanno luogo le iscrizioni al Palio ed il solenne giuramento.

Molto più recente, ma di altrettanto richiamo è il Ferrara Buskers Festival, rassegna non competitiva dei migliori musicisti di strada provenienti da oltre 25 nazioni: nato nel 1988, si svolge nel centro storico della città durante l'ultima settimana di agosto e vanta ogni anno centinaia di migliaia di visitatori. Diverse sono le occasioni di divertimento anche in provincia: noto è il Carnevale di Cento, già festeggiato nel 1600 e portato alla notorietà negli ultimi 15 anni grazie anche al gemellaggio con Carnevale di Rio de Janeiro: enormi carri di cartapesta realizzati dalle sei associazioni carnevalesche della città, cortei in maschera, artisti di strada, ballerine di samba dal Brasile e per finire spettacolari fuochi d'artificio.
Per trascorrere invece giornate più "tranquille", da maggio a settembre si svolgono in molti dei paesi della zona feste, sagre, fiere, fra cui: la sagra del Tortellone di Zucca a San Carlo di Cento in agosto, la Sagra del Pesce di Mare a Burana di Bondeno nei fine settimana di luglio ed agosto, la Sagra del Tartufo a Sant'Agostino e moltissime altre, per tutti i gusti e preferenze.

Le immagini collegate sono state concesse dall'archivio fotografico della Provincia di Ferrara.

Cerca le altre Guide Cerca le altre Guide
 
Zapping
Piatto figurato tardo, Montelupo 1610-30, Firenze, Museo Stibbert Di tutti i colori, nove secoli di ceramica
Dal 16 marzo al 28 luglio 2019, oltre 160 opere ceramiche prodotte a Montelupo, dal 1200 a oggi; la rassegna, arricchita di interventi multimediali e materiali d’archivio, offre inoltre un’esplorazione sulle manifatture tra l’800 e il ‘900.
Immagini allestimento mostra Leonardo da Vinci: Visions
Arriva al Museo Civico di Sansepolcro, dal 14 marzo 2019 fino al 24 febbraio 2020, la mostra Leonardo da Vinci: Visions. Le sfide tecnologiche del genio universale, promossa dal Comune di Sansepolcro e allestita da Opera Laboratori Fiorentini-Civita.
Quella del Rinascimento è stata per l’Italia e per l’Europa intera un’epoca d’oro che ha saputo lasciare un’impronta fortissima anche su borghi, monumenti e strutture di un angolo pulsante di storia e cultura Destinazione Rinascimento
D’arme, d’amori e di moda, un viaggio nelle Corti Rinascimentali di Destinazione Turistica Emilia, tra Parma, Reggio Emilia e Piacenza.
Nel Segno del Giglio Emilia in Fiore
Dal 23 marzo al 19 maggio 2019, nel territorio della Destinazione Turistica Emilia – tra Parma, Piacenza e Reggio Emilia – sbocciano esclusivi eventi dedicati ai fiori, alle piante e ai giardini.
Castel del Giudice - Borgotufi - Esterno Il borgo di Castel del Giudice
Dai terreni in disuso è nato il meleto biologico Melise, da vecchie case l’albergo diffuso Borgotufi, con centro benessere, ristorante e case in legno e pietra che si affacciano sui boschi dell’Alto Molise. Un esempio di turismo sostenibile.
Castello di Carpineti - Foto di Giuseppe Maria Codazzi I Castelli delle Donne
Storie di grandi donne che hanno lasciato il segno, in un viaggio speciale tra i più bei castelli del territorio di Parma, Piacenza e Reggio Emilia. Con Destinazione Turistica Emilia.
Copyright © 2004-2019 MEMOKA P.IVA 08522530966 Tutti i diritti riservati.