CHIESA DEL TORRESINO - (C)Archivio Fotografico Turismo Padova Terme Euganee/fotografo:Mattoschi Guida alla città di Padova
Padova, nota come città di Sant'Antonio, e la sua Provincia, situate al centro della pianura Veneta, tra laguna, colli e prealpi, costituiscono uno dei centri culturalmente ed economicamente più vivi e dinamici del Nord-est d'Italia.
Immagini Correlate (22)

Più nota, forse, come città di Sant'Antonio, Padova è una delle maggiori città d'arte italiane, segnata da 3000 anni di storia.
L'itinerario classico include la visita ai più importanti monumenti della città, specialmente quelli realizzati fra il XIII ed il XV secolo, il periodo più fiorente dal punto di vista culturale e economico, che lasciò un marchio indelelebile sulla città: le mura medievali, le imponenti costruzioni civili e religiose, la fondazione dell'Università, avvenuta nel 1222, la seconda in Italia, che attrasse professori e studenti dall'Europa intera, il magnifico ciclo di affreschi realizzato da Giotto e dai suoi allievi, Guariento, Altichiero, Giusto de' Menabuoi e più tardi le opere di Andrea Mantegna e Donatello.

GIOCARE A GOLF NEI DINTORNI DI PADOVA - Inseriti nell’ameno paesaggio dei colli Euganei tutti i campi da golf della provincia di Padova sono ben disegnati e comprendono attrezzature di alto livello. Essendo situati a pochi chilometri sia dalla città di Padova che dal bacino termale di Abano Montegrotto e Galzignano Terme, non avrete difficoltà a trovare la sistemazione ideale per il vostro soggiorno e raggiungere i campi in breve tempo. Il Golf Club Padova è il primo campo da golf di tutta la provincia, essendo stato fondato nel 1962. Il percorso, disegnato dall'architetto inglese John Harris, comprende 18 buche par 72 situate ai piedi dei Colli Euganei in un terreno di 70 ettari confinante con la seicentesca Villa Barbarigo. Il campo è un vero e proprio orto botanico con 8000 alberi e cespugli scelti secondo criteri paesaggistici e tecnici: nasce così un percorso da campionato che si snoda tra specchi d'acqua e ostacoli di sabbia strategicamente distribuiti.

Il Golf Club della Montecchia, uno dei pochi campi a 27 buche del Triveneto, è situato nell'affascinante comprensorio dell'antico castello appartenuto alla famiglia nobile Emo Capodilista, a pochi chilometri da Padova. Il percorso è stato realizzato dal progettista irlandese Tom Macauley e si estende su un'area di 820,000 metri quadrati: grazie alla natura pianeggiante del territorio, presenta un disegno libero e moderno.
Il Golf Club Frassanelle è inserito in un meraviglioso parco progettato verso la metà dell'800 dal famoso architetto veneziano Giuseppe Jappelli con l'intento di portare il fascino della campagna inglese in terra veneta: grandi spazi aperti, boschi ed un magnifico lago sono lo sfondo di questo campo di 18 buche.
Inaugurato nel 1999, il Golf Club Terme di Galzignano rappresenta il quarto percorso situato nell'incantevole cornice dei Colli Euganei. E' stato creato dall'architetto Marco Croze in 1.850 metri di lunghezza e 9 buche. La progettazione tecnica offre numerosi giochi d'acqua e laghetti collocati in modo da rendere vario e divertente il percorso immerso nel verde rigenerante proprio di queste zone.

ENOGASTRONOMIA - La secolare tradizione gastronomica padovana affonda le sue radici nei prodotti semplici dell'orto, del cortile, della vigna, nella "pertica" degli insaccati, nei frutti di stagione e, in alcune zone, nelle erbette spontanee.
Il ricettario trae le sue origini storiche all'epoca degli Obizzi, dei Carraresi e dei Contarini, che hanno saputo creare e valorizzare dei piatti prelibati, riscattando la semplicità degli ingredienti. E' però pressochè impossibile parlare di omogeneità nella cucina padovana, poichè il territorio della provincia nelle sue diversificazioni lagunari e vallive, collinari, fluviali e di pianura, offre alla cucina una gran varietà di ingredienti, che si diversificano da zona a zona.
Pochi sono i piatti distribuiti uniformemente: tra questi, forse il più famoso è il "bollito alla padovana" nella versione codificata nel Seicento dall'alemanno Mattia Giegher.
Altri piatti sono i "risi e bisi" e la sostanziosa "pasta e fasoi".  Le proposte della cucina si abbinano ai generosi vini padovani: noti da tempo e già esaltati dal Petrarca e dal Ruzante, sono oggi garantiti dalla serietà e competenza dei vignaioli riuniti nel Consorzio vini D.O.C. dei Colli e di Bagnoli.
Grazie al costante impegno degli operatori, la cucina veneta,e padovana, viene tramandata mantenendo le delicate peculiarità degli antichi piatti pur non rinunciando ad attuali rivisitazioni secondo i canoni più moderni.

Per gentile concessione dell'Azienda Turismo Padova - Terme Euganee

Cerca le altre Guide Cerca le altre Guide

Argomenti Correlati

 

Arte e storia a Padova
 
Zapping
Marc Chagall - Anche la mia Russia ti amerà Marc Chagall - Anche la mia Russia ti amerà
Una mostra importante, di preciso impianto museale, che non intende raccontare “di tutto un po’” ma sceglie un tema preciso e lo approfondisce attraverso una selezione dei suoi capolavori imprescindibili.
Mykonos, 1957 © Piergiorgio Branzi Il giro dell’occhio. Fotografie 1950-2010
L’esposizione presenta 60 immagini che documentano oltre cinquant’anni di carriera del fotografo toscano, uno dei più importanti interpreti del nostro tempo, Novara Castello Visconteo, 23 giugno - 6 settembre 2020.
Giorgio Milani, …SE L’UNIVERSO PRIA NON SI DISSOLVE, 2015 Giorgio Milano, la scrittura come enigma
Dal 25 ottobre 2020 al 6 gennaio 2021, Volumnia, lo spazio dedicato all’arte e al design, all’interno di una chiesa sconsacrata nel centro di Piacenza, ospita la personale di Giorgio Milani, La scrittura come enigma.
Festival del Parco di Monza Festival del Parco di Monza, IV Edizione
Domenica 25 ottobre 2020, ritorna il Festival del Parco di Monza, giunto alla sua quarta edizione, la prima caratterizzata da una programmazione interamente on line, a causa della diffusione della pandemia.
Brescia - Ponte di Legno - Sleddog La magia di Brescia
Se avesse il mare, Brescia potrebbe candidarsi al perfetto riassunto dell’Italia. E, a essere sinceri, vista la quantità e la qualità dell’acqua in grado di ispirare un autentico clima balneare, non è poi del tutto vero che il mare qui non ci sia.
Isernia Cattedrale di San Pietro - credit Eleonora Mancini È il Molise la meta top del 2020
Itinerario nella regione inserita dal New York Times tra i luoghi più belli da visitare nel mondo. A partire da Castel del Giudice (IS), simbolo di rinascita del Molise e delle aree interne d’Italia.
Copyright © 2004-2020 Supero Ltd, Malta MT 2105-2906 Tutti i diritti riservati.