Como (Foto Provincia di Como - Settore Turismo) Guida di Viaggio a Como e provincia
Il territorio della provincia di Como si estende sulla riva occidentale del Lago di Como per tutta la sua lunghezza, comprendendo la penisola lariana, un'ampia varietà di tipologie ambientali, paesaggi e testimonianze storiche ed artistiche.
Immagini Correlate (20)

Il Lago di Como

In pochi chilometri si passa dall’alta montagna al lago, dalla vallata alpina selvaggia alla collina brianzola industrializzata, dall’area urbana di Como ai villaggi di poche case, dall’oasi faunistica a nord alle piste da sci a sud.  Si può stare tranquillamente sdraiati sotto un ulivo nella zona della Tremezzina (Centro Lago) ed ammirare le cime innevate delle Grigne.  La massima distanza stradale nella provincia non supera i 100 km., quindi si può passare dal centro città alla “wilderness”, oppure dall’estate all’inverno in un’ora di auto.

Si può dire che la provincia di Como è un concentrato dell’Italia del Nord. A osservare il territorio della provincia dall’alto, si vede che i segni dell’uomo e lo sfruttamento del territorio seguono in modo progressivo la linea nord-sud, con il massimo dell’intensità a sud, in Brianza, e della rarefazione a nord, lungo l’asse del lago fino alla sua sommità. Nonostante una densità media di popolazione piuttosto elevata (436 ab/kmq contro 379 della Lombardia e 189 dell’Italia), il territorio della provincia presenta vaste zone di netta prevalenza della natura.

Panorama della Città di Como

In tutta la parte montana, soprattutto nell’Alto Lario, si trovano intere vallate praticamente senza traccia umana, che nulla hanno da invidiare ai più celebrati parchi nazionali. La Valle Albano, la Val d’Arengo, la Valle del Dosso Liro, la Val Senagra, il Pian di Spagna e altre località danno ospitalità ad una fauna selvatica ricca, varia e prospera. Il cervo, il camoscio, il capriolo sono in aumento, lo stambecco è stato reintrodotto nell’Alto Lario, la starna che era estinta si sta ripopolando, tutti i rapaci sono in crescita, compresa l’aquila reale.

Dalle lepri e fagiani di pianura al gallo forcello di altra montagna le specie selvatiche testimoniano un ambiente in buono stato e una gestione oculata del territorio. Anche la fauna acquatica è ben sviluppata nei 9.800 (!) km. di fiumi e torrenti, e perfino il Lambro nella sua parte alta è ricco di pesci pregiati: a Erba si pescano belle trote Fario!

Como e il lago

Per quanto riguarda l’acqua la provincia di Como ha un primato: è la più ricca di laghi d’Italia con una costellazione di bacini più o meno grandi; se ne possono contare ben nove intorno al grande protagonista: il Lago di Como, con la sua forma caratteristica che ricorda una Y rovesciata. Osservandolo dall’alto se ne intuisce la formazione: un ghiacciaio che scende verso sud scavandosi la strada profondamente tra le montagne e quando incontra il massiccio della penisola lariana è costretto a dividersi in due.

Windsurf sul Lago di Como Il Lago di Como è il più profondo dei tre grandi laghi subalpini italiani (Lago Maggiore e Lago di Garda), raggiunge infatti i 410 metri di profondità. E’ uno dei più profondi d’Europa e con la sua grande massa d’acqua influenza il clima delle sponde.

La zona del Centro Lago ed il promontorio di Bellagio godono di un clima simile a quello della riviera ligure; vi crescono l’alloro e l’ulivo, i giardini ospitano palme e piante tropicali, prospera il florovivaismo.

I tecnici classificano questo clima come temperato subcontinentale perché influenzato sia dalle masse d’aria fredde e asciutte provenienti dal Centro Europa, che da quelle mediterranee umide e più calde. Nella pratica vuol dire che la situazione è estremamente mutevole all’interno di uno standard molto confortevole: a Como la media annuale è di +13° C, mentre nei diversi mesi la media tra minima e massima va dai + 2° di gennaio ai + 22° di luglio, quindi mai troppo freddo né troppo caldo.

 

Testi ed immagini, gentilmente concessi, sono di proprietà della PROVINCIA DI COMO - ASSESSORATO AL TURISMO - SETTORE PROMOZIONE  Piazza Cavour 17 - 22100 Como.

 

Cerca le altre Guide Cerca le altre Guide
 
Zapping
Festival della Lentezza - Foto di Pierangela Flisi Festival della Lentezza 2019
I Produttori Slow, dal 14 al 16 giugno 2019, costruiscono alla Reggia di Colorno (PR) percorsi enogastronomi all’insegna della tutela della biodiversità, al Festival della Lentezza.
5° edizione del Festival della Lentezza 5° edizione del Festival della Lentezza
Dal 14 al 16 giugno 2019 alla Reggia di Colorno (PR) c’è la 5° edizione del Festival della Lentezza, 3 giorni di incontri e contaminazioni per riflettere sul “tempo che aggiusta le cose”.
The Last Supper, 2003 © David LaChapelle David Lachapelle Atti Divini
Arriva alla Reggia di Venaria, dal 14 giugno 2019 al 6 gennaio 2020, la grande mostra di David LaChapelle Atti Divini che invita i visitatori ad immergersi in una coinvolgente visione dei lavori del famoso fotografo americano.
1973 Pino Pinelli, Monocromo (1973-1976)
Dal 20 giugno al 21 settembre 2019 Dep Art Gallery di Milano (via Comelico 40) ospita la personale di Pino Pinelli (Catania, 1938) che presenta una serie di opere realizzate tra il 1973 e il 1976.
Castel del Giudice - Borgotufi - Esterno Il borgo di Castel del Giudice
Dai terreni in disuso è nato il meleto biologico Melise, da vecchie case l’albergo diffuso Borgotufi, con centro benessere, ristorante e case in legno e pietra che si affacciano sui boschi dell’Alto Molise. Un esempio di turismo sostenibile.
Castello di Carpineti - Foto di Giuseppe Maria Codazzi I Castelli delle Donne
Storie di grandi donne che hanno lasciato il segno, in un viaggio speciale tra i più bei castelli del territorio di Parma, Piacenza e Reggio Emilia. Con Destinazione Turistica Emilia.
Copyright © 2004-2019 MEMOKA P.IVA 08522530966 Tutti i diritti riservati.