Castel del Giudice - Borgotufi - Esterno Il borgo di Castel del Giudice
Dai terreni in disuso è nato il meleto biologico Melise, da vecchie case l’albergo diffuso Borgotufi, con centro benessere, ristorante e case in legno e pietra che si affacciano sui boschi dell’Alto Molise. Un esempio di turismo sostenibile.
Immagini Correlate (43)

Castel del Giudice (IS) è uno dei piccoli borghi che costellano l’Appennino centrale, ma la sua storia è speciale. Si trova in Alto Molise, ad 800 metri di altitudine, al confine con l’Abruzzo, e rappresenta il simbolo di un territorio che vuole resistere allo spopolamento, trovando nel ritorno alla terra, nella tutela dell’ambiente, nell’agricoltura come mestiere da riscoprire, nella partecipazione condivisa e nel turismo sostenibile, i motivi di un nuovo sviluppo.

Castel del Giudice - Borgo di sera -  Credit Emanuele Scocchera

Sembra che il paese prenda il nome dal castello della famiglia Del Giudice, che tenne in feudo il paese, castello oggi non più presente.
In epoca medievale, dopo la caduta dell'Impero romano d'Occidente, la contea era chiamata Castellum Iudicis, mentre in epoca normanna fu tenuto da un certo Guglielmo di Agnone. Nei secoli successivi il paese non subì eventi storici di rilievo se non la nascita del condottiero Jacopo Caldora, avvenuta nel 1369.
Nel Novecento il paese fu interessato dal fenomeno dell'emigrazione, con flussi diretti verso l'America e l'Europa settentrionale.

Vicino a Castel di Sangro e Roccaraso (AQ), d’inverno località ambita per gli amanti dello sci, l’antico borgo è immerso tra boschi e scenari montani rigogliosi ideali per praticare escursioni e passeggiate in una bellezza naturale primitiva. Sono attraversati per lunghi tratti dal fiume Sangro in cui è possibile praticare rafting. È anche a pochi chilometri dalle principali località turistiche dell’Alto Molise, come Agnone – cittadina artigiana nota per le campane, il Caciocavallo, le eccellenze enogastronomiche e la lavorazione del rame -, Capracotta, il comune molisano più ad alta quota, dove il pianoro di Prato Gentile diventa un reticolato di sentieri per il trekking e piste di sci di fondo, Pietrabbondante con l’importante area archeologica sannitica. Castel del Giudice, con la sua comunità attiva guidata dal sindaco Lino Gentile, è un emblema a livello nazionale per le pratiche virtuose e sostenibili di rilancio delle aree interne. Dai terreni abbandonati, grazie ad un progetto pubblico-privato, che ha visto in prima linea il Comune e la popolazione, è nato il meleto biologico Melise, 40 ettari di campi che garantiscono produzioni di qualità. Tra le mele coltivate, anche antiche colture autoctone recuperate, come la mela zitella, la gelata e la limoncella. Case e stalle in disuso sono state trasformate nell’albergo diffuso Borgotufi: esempio di strutture ricettive in legno e pietra locale perfettamente integrate con il paesaggio, a cui si affiancano interventi di architettura contemporanea. Un piccolo borgo nel borgo, che tra le sue casette, che si affacciano sul verde dei boschi, custodisce il ristorante Ocrà Favola Molisana, in cui giovani chef formati dalla scuola di Niko Romito (3 stelle Michelin) propongono menu basati sulla tradizione dell’Alto Molise reinterpretati in chiave moderna. Non mancano alimenti caratteristici della zona come i formaggi e il tartufo bianco, e i piatti basati sulla lavorazione delle mele biologiche. La struttura principale di Borgotufi ospita, inoltre, un intimo centro benessere che si affaccia sui boschi, con piscina idromassaggio riscaldata, cascate a getto, sauna, bagno turco, docce emozionali con cromo e aromaterapia, sala massaggi.

Diversi sono i progetti innovativi in cantiere portati avanti a Castel del Giudice, il cui comune ha ricevuto il Premio Angelo Vassallo nel 2014, per aver favorito lo sviluppo locale nel rispetto dell’ambiente e della legalità, il Premio Fabbrica nel Paesaggio 2014 e il Premio Comuni Virtuosi 2015 per la gestione del territorio, il Premio Biennale Spazio Pubblico per le “buone pratiche” di rigenerazione urbana sempre nel 2015 e nel 2016 il Cresco Award per la categoria “sostenibilità economica”. Tra gli ultimi, la prima Cooperativa di comunità agricola del Molise, Artemisia, che dà lavoro a giovani under 35 e che ha recuperato altri terreni in stato di abbandono per far crescere piante di frutti di bosco. Castel del Giudice si distingue, con la resilienza oggi necessaria per restituire futuro ai piccoli preziosi borghi montani del cuore dell’Italia.

La festa patronale si svolge il 6 dicembre (Patrono: San Nicola di Bari).
Il 15 di agosto, in occasione dell'Assunzione di Maria, si celebra la Santa Messa presso il Santuario della Madonna in Saletta, seguita da una processione che conduce la statua della Vergine Maria fino al centro del paese.
Ogni anno, il primo venerdì di agosto, si svolge la Sagra della Pallotta, tipica polpetta fritta di formaggio stagionato e uovo, giunta nel 2018 alla sua XXIX edizione.

Per informazioni:

Comune di Castel del Giudice
angela.mosesso@hotmail.it
Angela Mosesso: 3472308907
Melise
Alessio Gentile: 3895512404
www.biomelise.it

 

A BORGOTUFI

Sapori e Benessere

La proposta di Borgotufi “Sapori e Benessere” per 2 persone, inclusa la colazione a buffet, drink di benvenuto, notte negli appartamenti matrimoniali, ingresso al centro benessere, cena con menu di 4 portate, suggerimenti su itinerari storico-artistici e naturalistici è da 190 euro per 2 persone al giorno.

Total Wellness

Il soggiorno a Borgotufi per una pausa di totale relax. La proposta comprende una notte in una delle casette matrimoniali, colazione a buffet, ingresso nel centro benessere, massaggio rilassante di 30 minuti, cena con speciale menu di 4 portate al ristorante. Prezzo di 250 euro per 2 persone.

Luxury Relax

L’offerta per 2 persone per soggiornare in camera suite su due livelli e doppio bagno privato. Include la colazione con prodotti artigianati, ingresso alla Spa, drink di benvenuto, massaggio rilassante total body con oli ed estratti di prodotti naturali, cena con menu di 4 portate al ristorante, late check out alle 14.00. Prezzo di 320 euro per 2 persone.

 

Per informazioni: Borgotufi Albergo Diffuso

Via Borgo Tufi, 80
86080 Castel del Giudice (IS)
Tel. 0865 946820
Email: info@borgotufi.it
Sito web: www.borgotufi.it

 

Cerca le altre Guide Cerca le altre Guide
 
Zapping
Notte Europea dei Musei a Napoli Notte Europea dei Musei a Napoli
E’ “Festa dei Musei” nei siti archeologici vesuviani. Il 18 maggio, le aree archeologiche di Pompei, la Villa San Marco a Stabia, la Villa di Poppea ad Oplontis e l’Antiquarium di Boscoreale saranno aperti, in via straordinaria, per la “Notte Europea dei Musei”, dalle 20,30 alle 22,30.
1° Festival Alpe-Adria dell\'Archeologia Pubblica \ 1° Festival Alpe-Adria dell'Archeologia Pubblica "senzaConfini"
Il 18 maggio debutta presso il Museo Archeologico di Aquileia, nell’ambito del 1° Festival Alpe-Adria dell'Archeologia Pubblica "senzaConfini", la nuova perfomance Bassilla- La decima musa, ideata e diretta dal coreografo Francesco Collavino.
Gonçalo Mabunda - senza titolo Gonçalo Mabunda - Il Creatore nascosto
Dal 19 maggio al 30 giugno 2019, la sede di Pietrasanta (LU) della Galleria Giovanni Bonelli ospita la personale di Gonçalo Mabunda (Maputo, 1975).
3 giugno 2019 Giornata Mondiale della Bicicletta 3 giugno 2019 Giornata Mondiale della Bicicletta
Percorrere circuiti di montagna, conquistando le vette attraverso salite vertiginose, oppure pedalare tranquillamente, respirando l’aria salubre in riva al mare. Ce n’è davvero per tutti i gusti, e per tutte le velocità, il 3 giugno 2019.
Castel del Giudice - Borgotufi - Esterno Il borgo di Castel del Giudice
Dai terreni in disuso è nato il meleto biologico Melise, da vecchie case l’albergo diffuso Borgotufi, con centro benessere, ristorante e case in legno e pietra che si affacciano sui boschi dell’Alto Molise. Un esempio di turismo sostenibile.
Castello di Carpineti - Foto di Giuseppe Maria Codazzi I Castelli delle Donne
Storie di grandi donne che hanno lasciato il segno, in un viaggio speciale tra i più bei castelli del territorio di Parma, Piacenza e Reggio Emilia. Con Destinazione Turistica Emilia.
Copyright © 2004-2019 MEMOKA P.IVA 08522530966 Tutti i diritti riservati.