Castello di Padernello - Giuliano Mauri - Ponte San Vigilio Il Castello di Padernello, l’autentico maniero ritrovato
Uno scrigno di storia, arte e cultura, in un angolo di natura della Bassa Bresciana. Un viaggio nelle vite di diversi secoli a cui si accede da un vero ponte levatoio sul fossato. Grazie alla Fondazione Castello di Padernello.
Immagini Correlate (17)

Quando si arriva nel piccolo borgo rurale di Padernello, frazione di Borgo San Giacomo (BS), immerso con le sue casette in un angolo di natura della Bassa Bresciana, si rimane subito attratti dall’imponente castello quattrocentesco, che domina austero il fossato, circondato da alberi ed arbusti.

È il Castello di Padernello, autentico maniero scrigno di storia, arte e cultura, frutto di un ostinato intervento di restauro, che dal 2006 l’ha riportato agli antichi splendori grazie ad un accordo pubblico-privato e alle attività di valorizzazione della Fondazione Castello di Padernello.
Per entrare si attende che scenda imponente l’originale ponte levatoio, funzionante ed intatto ancora oggi. Un androne e poi una corte quadrata, porticata su due lati, accolgono i visitatori, pronti a vivere un viaggio nelle diverse epoche ed opere d’arte che vivono nel Castello. Soffitti affrescati, mobili di artigianato, le cucine databili tra il ‘400 e il ‘500, la sala da pranzo di gusto settecentesco, le biblioteche, stupiscono ed incuriosiscono, mentre una guida racconta le origini del maniero, proprietà dei conti Martinengo per 5 secoli e poi della famiglia Salvadego.

Il maniero rimase attivo fino agli anni ’60, quando restò disabitato. Stanze quattrocentesche precedono un elegante scalone del Settecento. E si arriva nelle sale del Ciclo di Padernello, copie delle opere del pittore tardo barocco Giacomo Ceruti. Suggestivo il torrione con scalette in legno, da cui scoprire parte dell’antico borgo agricolo dall’alto. Ogni ambiente è una sorpresa ed è facile ritrovarsi ad immaginare nobili dame e cavalieri popolare il Castello. Come la Dama Bianca, leggenda che racconta le vicende di Biancamaria Martinengo, morta a 14 anni cadendo dalle mura della fortezza per seguire la magia luminosa delle lucciole: si dice che ogni 10 anni torni nel salone d’onore del Castello di Padernello, vestita di bianco e con in mano un libro d’oro, contenente un segreto.

Castello di Padernello - Esterno

Il maniero oggi ospita anche mostre d’arte ed è luogo di laboratori per bambini, eventi culturali, concerti, artigianato, il Mercato di Slow Food ogni terza domenica del mese, con degustazioni di casoncello, pane e salamina, zuppa di farro. Prodotti del territorio, di cui il Castello di Padernello esprime l’originaria identità. Vicino al maniero, inoltre, ci sono i ristoranti di Padernello, occasione per visitare anche il paesino e deliziarsi dei suoi sapori. Passeggiando appena fuori dal maniero, a piedi o in bicicletta, si scopre nel bosco il Ponte di San Vigilio, un’opera d’arte in natura composta di legno di castagno da Giuliano Mauri. Il ponte naturale ha fatto riemergere l’antica strada romana che collegava il castello al paese, la quale era stata sommersa dal bosco e che ora è perfettamente integrata in esso. Il Castello di Padernello è stato a fine 2017 protagonista alla Camera dei Deputati, presentato come esempio virtuoso di generatività sociale.

La Fondazione Padernello è riuscita, tramite la valorizzazione della fortezza, a rigenerare la comunità e il territorio, creando nuove occasioni di lavoro. Il Castello di Padernello si può visitare solo con la guida, tutti i giorni, tranne il lunedì.

 

Orari:

dal Martedì al Venerdì: 9.00 – 12.00 / 14.30 – 17.30

Sabato: 14.30 – 17.30

Domenica: 14.30 – 18.30

Ultimo ingresso un’ora prima della chiusura.

 

Per informazioni e prenotazioni: Fondazione Castello di Padernello

Via Cavour, 1 Padernello

25022 Borgo san Giacomo (BS)

Tel. 030 9408766
E – mail: info@castellodipadernello.it
Sito web: www.castellodipadernello.it

Cerca le altre Guide Cerca le altre Guide
 
Zapping
Lecite Visioni 2024 - Festival lgbtqia+ Lecite Visioni 2024 - Festival lgbtqia+
Dal 6 al 12 maggio 2024, al Teatro Filodrammatici di Milano torna la bella stagione: una primavera arcobaleno accende la undicesima edizione di LECITE VISIONI. Una settimana ricca di spettacoli di prosa, danza, performance.
Chagall - Sogno d’Amore Chagall - Sogno d’Amore
Dal 20 aprile 2024, al Polo Museale – Castello Conti Acquaviva D’Aragona di Conversano, oltre 100 bellissime opere attraverso cui viene raccontata tutta la vita e l’opera di uno degli artisti più noti e amati: Marc Chagall.
Fulvio Roiter, San Marco di Norcia, 1954 Il programma 2024 della Galleria Nazionale dell’Umbria
Presentate dal direttore Costantino D’Orazio le attività che si svolgeranno presso la Galleria Nazionale dell’Umbria e nei Musei statali umbri dalla primavera alla fine dell’anno 2024.
Fiera nei dintorni di Anversa La collezione del principe Eugenio
I Musei Reali di Torino aprono al Pubblico La Collezione del Principe Eugenio di Savoia Soissons e la Pittura Fiamminga e Olandese, Nuovo Allestimento Permanente al Secondo Piano della Galleria Sabauda.
Gnummareddi del Salento Guida per conoscere il Salento
Il Salento, situato nel "tacco dello stivale" italiano, è una terra dal fascino ineguagliabile, dove spiagge meravigliose e arte barocca si fondono alle antiche tradizioni e a sapori antichi.
Brescia - Circolo Vela Gargnano La magia di Brescia
Se avesse il mare, Brescia potrebbe candidarsi al perfetto riassunto dell’Italia. E, a essere sinceri, vista la quantità e la qualità dell’acqua in grado di ispirare un autentico clima balneare, non è poi del tutto vero che il mare qui non ci sia.
Copyright © 2004-2024 Supero Ltd, Malta MT 2105-2906 Tutti i diritti riservati.