USA. California. 1956 Elliot Erwitt Personae
21 aprile – 9 settembre 2018 a Lecce, Castello Carlo V. I suoi scatti in bianco e nero sono ormai diventati delle icone della fotografia, esposti con grande successo a livello internazionale, mentre la sua produzione a colori è quasi inedita.
Immagini Correlate (8)

FRANCE. Provence. 1955La mostra Elliott Erwitt Personae è la prima grande retrospettiva delle sue immagini sia in bianco e nero che a colori, allestita nelle sale monumentali del Castello Carlo V di Lecce e aperta al pubblico dal 21 aprile al 9 settembre 2018. I suoi scatti in bianco e nero sono ormai diventati delle icone della fotografia, esposti con grande successo a livello internazionale, mentre la sua produzione a colori è quasi del tutto inedita. Il percorso espositivo mette in evidenza l’eleganza compositiva, la profonda umanità, l’ironia e talvolta la comicità del
grande fotografo americano, tutte caratteristiche che rendono Erwitt un autore amatissimo e inimitabile, non a caso considerato “il fotografo della commedia umana”.

Marilyn Monroe, Che Guevara, Sophia Loren, John Kennedy, Arnold Schwarzenegger, sono alcune delle numerose celebrità colte dal suo obiettivo ed esposte in mostra. Su tutte Erwitt posa uno sguardo acuto e al tempo stesso pieno di empatia, dal quale emerge l’ironia e la complessità del vivere quotidiano. Con lo stesso atteggiamento, d’altra parte, Erwitt rivolge la sua attenzione a qualsiasi altro soggetto.
Con il titolo Personae si allude proprio a questa sua adesione alla vita concreta degli individui e, nello stesso tempo, a un senso della maschera e del teatro, che si manifesta soprattutto in alcune foto che sono una dissacrante parodia del mondo dell’arte contemporanea.

Questa mostra apre una stagione nuova per il Castello di Lecce, che intendiamo rendere una tappa fondamentale per visitatori e turisti. Scegliamo di partire dalla fotografia, con uno dei
più celebri artisti del Novecento, punto di riferimento per i tanti, giovani e meno giovani, che praticano l'arte fotografica o semplicemente ne apprezzano la potenza espressiva. Gli scatti di Erwitt sono entrati nella nostra cultura e tutti possono riconoscerli, per questo consideriamo la mostra una occasione per invitare i leccesi a visitarla e con essa entrare nella più grande opera fortificata di Puglia di cui siamo fortunati custodi. Lecce si apre alle grandi mostre, lo merita per la sua ambizione di città d'arte, lo meritano i tantissimi che attraversano il Salento e la Puglia alla ricerca di esperienze indimenticabili.
Carlo Salvemini - sindaco di Lecce

Elliott Erwitt è nato a Parigi nel 1928, da genitori russi emigrati. Ha trascorso i primi anni di vita a Milano. All'età di dieci anni, a seguito delle leggi razziali, la sua famiglia si trasferì di nuovo a Parigi, l’anno successivo a New York e poi a Los Angeles nel 1941. Mentre frequenta la Hollywood High School, Elliott lavora in un laboratorio di fotografia sviluppando stampe "firmate" per gli appassionati delle stelle del cinema.
Nel 1949 torna in Europa, viaggia e fotografa in Italia e in Francia, iniziando di fatto la sua carriera professionale.

Nel 1953 Erwitt viene invitato a diventare membro di Magnum Photos direttamente dal fondatore, Robert Capa. Nel 1968 diventa presidente della prestigiosa agenzia e ricopre tale carica per tre nomine.

Quando Erwitt inizia la sua carriera, negli anni ’40, la fotografia è sostanzialmente in bianco e nero. Le prime pellicole a colori, appena comparse, sono instabili, hanno costi molto alti, risultati poco fedeli e soprattutto non gestibili nei laboratori personali dei fotografi. Con gli
anni il colore migliora tecnicamente e i giornali lo adottano, imponendolo ai fotografi, che, per comodità e per scelta di linguaggio espressivo, rimangono ancorati al bianco e nero per le foto artistiche. Anche Erwitt vi si mantiene fedele, dedicando il colore solo ai lavori editoriali e pubblicitari: dalla politica al sociale, dall’architettura al cinema e alla moda.
A distanza di decenni, intorno a queste immagini Erwitt ha compiuto un vero e proprio viaggio, durato mesi, posando su di esse uno sguardo critico e contemporaneo. È nata così una raccolta, pubblicata per la prima volta nel 2013 con il volume Kolor edito da teNeues.

La rassegna dimostra così come la sua straordinaria sensibilità passi indifferentemente dal colore al bianco e nero e viceversa, in una totale continuità di stile e di ricerca. Membro dal
1953 della storica agenzia Magnum, Erwitt ha raccontato con piglio giornalistico gli ultimi sessant’anni di storia e di civiltà contemporanea, cogliendo gli aspetti più drammatici ma anche quelli più divertenti della vita che è passata di fronte al suo obiettivo.

Curata da Biba Giacchetti con il progetto grafico di Fabrizio Confalonieri, la mostra comprende oltre 120 scatti, che Elliott Erwitt ha selezionato personalmente, con Biba Giacchetti nel suo studio di New York, traendoli dal suo vastissimo archivio. Le foto, nel formato di cm.70 x 100 e di cm. 50x60cm, sono stampate con particolare cura e allestite con cornici fine art e vetro antiriflesso. Una accurata audioguida in italiano e in inglese è disponibile per tutti i visitatori, inclusa nel biglietto di ingresso. La mostra è peraltro accessibile con un biglietto unico, che comprende tutti gli spazi visitabili del Castello Carlo V.

Elliott Erwitt Personae è promossa dal Comune di Lecce ed è prodotta da Civita Mostre con la collaborazione di SudEst57 e di Theutra.
Media Partner: Radio Monte Carlo e COOLCLUB

SCHEDA INFORMATIVA

Titolo: ELLIOTT ERWITT PERSONAE

Periodo: 21 aprile – 9 settembre 2018

Sede: Lecce, Castello Carlo V Viale XXV Luglio

A cura di Biba Giacchetti

Orari
Aprile, maggio, giugno e settembre
dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 – 21.00
Sabato, domenica e festivi dalle ore 9.30 – 21.00
Luglio e agosto
dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 – 23.00
Sabato, domenica e festivi dalle ore 9.30 – 23.00
La biglietteria chiude un’ora prima

Biglietti
Tutti i biglietti includono la visita al Castello e all’audioguida della mostra, disponibile in italiano e in inglese.
Intero € 10,00
Ridotto € 8,00 per residenti a Lecce, gruppi di almeno 12 persone, studenti universitari, titolari di apposite convenzioni.
Ridotto speciale € 5,00 per scuole e minori di 18 anni
Gratuito per minori di 6 anni, un accompagnatore per gruppo, due insegnanti accompagnatori per classe, disabili, un accompagnatore per disabile, giornalisti con tesserino, guide turistiche con tesserino, tesserati ICOM.

Visite guidate riservate a gruppi composti da minimo 10, massimo 25 partecipanti
Partenza fissa ore 12.00 e ore 18.30 in italiano e inglese
€ 5,00 a persona da aggiungere al costo del biglietto di ingresso
Per info: tel. 3335452927; mail: castellocarlov@gmail.com e info@theutra.it

Informazioni
Tel. 0832246517 (Cooperativa Theutra)
mostre@civita.it www.mostraerwitt.it

 
Zapping
Alphonse Mucha, Sarah Bernhardt, 1897 © Arwas Archives Art nouveau - Il trionfo della bellezza
Con manifesti, dipinti, sculture, mobili e ceramiche, la mostra - con un corpus di 200 opere - racconta la straordinaria fioritura artistica che ha travolto e cambiato il gusto tra la fine dell'Ottocento e i primi anni del Novecento.
Battistero degli Ariani, la cupola a mosaico Un Cielo d'Oro - Visite guidate gratuite di Primavera
Dal 21 aprile al 1 maggio 2019 visita gratuita a un monumento UNESCO da non trascurare: il Battistero degli Ariani, fatto costruire alla fine del V secolo durante il regno di Teodorico.
Busto d’uomo di profilo con studio di proporzioni Leonardo da Vinci: l’uomo modello del mondo
Per celebrare i cinquecento anni dalla morte di Leonardo da Vinci (1519-2019), le Gallerie dell'Accademia di Venezia presentano, dal 17 aprile al 14 luglio 2019, la mostra “Leonardo da Vinci. L'uomo modello del mondo”.
Justine Emard – La notte dei tempi – Co(AI)xistence. 2019 Legami - Intimità, relazioni, nuovi mondi
Dal 12 aprile al 9 giugno 2019, Reggio Emilia ospita la XIV edizione di Fotografia Europea, il festival promosso e organizzato dalla Fondazione Palazzo Magnani insieme al Comune di Reggio Emilia e alla Regione Emilia-Romagna.
Castel del Giudice - Borgotufi - Esterno Il borgo di Castel del Giudice
Dai terreni in disuso è nato il meleto biologico Melise, da vecchie case l’albergo diffuso Borgotufi, con centro benessere, ristorante e case in legno e pietra che si affacciano sui boschi dell’Alto Molise. Un esempio di turismo sostenibile.
Castello di Carpineti - Foto di Giuseppe Maria Codazzi I Castelli delle Donne
Storie di grandi donne che hanno lasciato il segno, in un viaggio speciale tra i più bei castelli del territorio di Parma, Piacenza e Reggio Emilia. Con Destinazione Turistica Emilia.
Copyright © 2004-2019 MEMOKA P.IVA 08522530966 Tutti i diritti riservati.