Pascale Marthine TAYOU Foresta Urbana
Dal 26 ottobre 2018 al 20 gennaio 2019 a Palazzo Belmonte Riso (Palermo) una mostra per costruire una foresta di interpretazioni della natura attraverso la visione che oggi gli artisti hanno assunto nel nuovo millennio.
Immagini Correlate (11)

Foresta Urbana

Il 26 Ottobre, nel contesto ufficiale di Palermo Capitale della Cultura 2018, in presenza dell‘Assessore ai Beni Culturali della Regione Siciliana Sebastiano Tusa, del Direttore Generale Sergio Alessandro, del Presidente della Fondazione Terzo Pilastro - Internazionale, Prof. Avv. Emmanuele F. M. Emanuele, della Direttrice delPolo Museale regionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Palermo Valeria Patrizia Li Vigni, si è  inaugurata  a Palermo Foresta Urbana, a cura di Paolo Falcone.

La mostra è promossa e realizzata dalla Fondazione Cultura e Arte, emanazione della Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale, in collaborazione con la Città di Palermo, ed è progettata dal Polo Museale d'Arte Moderna e Contemporanea, sedi ospitanti. Organizzazione Civita Sicilia.

Alcuni dei principali protagonisti della scena artistica internazionale sono stati invitati dal curatore Paolo Falcone a esporre grandi opere in situ, collegate tra di loro in maniera tale da creare un percorso e un circuito tra i luoghi espositivi, che interpretino e declinino il concetto di Foresta Urbana, dialogando con le prestigiose sedi di Piazza Bologni, Palazzo Belmonte Riso .

Il progetto vuole costruire una costellazione di espressioni linguistiche, una foresta di interpretazioni della natura attraverso la visione che oggi gli artisti hanno assunto nel nuovo millennio.

La Direttrice del Polo Museale, Valeria Patrizia Li Vigni, dichiara: «Il Polo del Contemporaneo è fermamente convinto che la ricerca del bello non può prescindere dalle condizioni naturalistiche del luogo. Il bello si interpreta nel migliore dei modi in un rimando costante tra natura e cultura. Questo rapporto parte dalla lontana preistoria, quando l'uomo amava stilizzare nelle pareti delle grotte il mondo che lo circondava. Le prime forme di antropizzazione erano finalizzate a regolare la natura in funzione delle esigenze dell'uomo, da lì le prime stilizzazioni artistiche. Un binomio indissolubile, quello di “natura e cultura”, che oggi dobbiamo tutelare per salvaguardare un patrimonio  che sempre più rischia di soffocare. La mostra è un richiamo a focalizzare la nostra attenzione, attraverso le opere di grandi artisti, sul tema della salvaguardia del patrimonio naturalistico>>.

Il Prof. Emmanuele F. M. Emanuele, che ha fortemente voluto e sostenuto questo progetto, afferma : «Il rapporto tra uomo e natura, tra natura e cultura, è sempre stato una costante dell’arte, fin dagli albori delle prime manifestazioni espressive dell’essere umano. I primi uomini hanno rappresentato il mondo circostante in ogni modo, utilizzando le più varie forme espressive a loro disposizione, e così è sempre stato nel corso della Storia. L’arte che oggi definiamo “contemporanea” – benché personalmente io ritenga che l’arte sia un fluire incessante e continuo, che sfugge ad ogni catalogazione o settorializzazione – non fa eccezione, caricando questo indissolubile rapporto tra arte e natura di nuovi, urgenti significati: in un mondo in cui l’ambiente è sempre più maltrattato e minacciato, diviene imprescindibile assumere un nuovo impegno morale, attraverso la forza comunicativa dell’arte, che rinnovi e corrobori il rapporto indissolubile tra uomo e natura. Ecco perché ho voluto con determinazione questa mostra, benché io non possa tacere il mio sincero disappunto per non essere riuscito – a causa dell’inspiegabile, mancata concessione da parte dell’autorità pubblica delle necessarie autorizzazioni – a realizzare in pieno, così come avevo ipotizzato, una mostra diffusa, che portasse nella vecchia Palermo, in particolare nel caratteristico quartiere del Cassaro, una foresta ideale fatta di opere d’arte. Abbiamo dovuto purtroppo rinunciare a molte installazioni esterne, che nella mia idea originaria avrebbero dovuto costellare tutta Via Vittorio Emanuele fino al mare, ma la mostra alla fine ha visto la luce, e dà comunque vita ad una selva post-moderna creata dai maggiori artisti oggi operanti sulla scena internazionale, in un dialogo che vuole essere costruttivo e salvifico non soltanto con l’architettura e la storia della città, ma anche e soprattutto con la nostra tormentata società, con l’umanità smarrita del Terzo Millennio.».

PerPaolo Falcone, curatore della mostra, Foresta Urbana è mettere in relazioni le diverse e molteplici declinazioni dell’opera d’arte, per la realizzazione di una foresta ideale, simbolica, metaforica quale formulario botanico concettuale, e descrive così il progetto: «La foresta vista come illusione. L'entrata in un mondo magico quale metafora alle sfide poste dall’omologazione, mette in mostra le connessioni artificiali, le diversità delle identità individuali e culturali atte a produrre un dialogo visivo e poetico per la realizzazione di un progetto artistico fra esperimento scientifico, poetica della relazione e romanticismo “naturale”».

La selezione degli artisti si è focalizzata su coloro per i quali l’interpretazione della natura e la sua manipolazione hanno fornito elementi compositivi originali nel formulare nuovi codici estetici e di rappresentazione.

Fra i principali artisti selezionati:

Ai Weiwei, Doug Aitken, Francesco De Grandi, Nathalie Djurberg & Hans Berg, Jimmie Durham, Olafur Eliasson, Bill Fontana, Goldschmied & Chiari, Carsten Höller, Ann Veronica Janssens, Koo Jeong A, Richard Long, Ernesto Neto, Benedetto Pietromarchi, Tomás Saraceno, Astrid Seme, Conrad Shawcross, Andreas Slominski, Pascale Marthine Tayou, Luca Vitone.

SCHEDA TECNICA

Titolo FORESTA URBANA
Periodo 27 Ottobre - 20 gennaio 2019
Patrocinata da Assessorato dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana / Palermo Capitale della Cultura 2018
Realizzata e Promossa da Fondazione Cultura e Arte / Fondazione Terzo Pilastro - Internazionale
Progettazione Polo Museale Regionale d'Arte Moderna e Contemporanea di Palermo, Museo Riso
A cura di: Paolo Falcone
Artisti Ai Weiwei, Doug Aitken, Francesco De Grandi, Nathalie Djurberg & Hans Berg, Jimmie Durham, Olafur Eliasson, Bill Fontana, Goldschmied & Chiari, Carsten Höller, Ann Veronica Janssens, Koo Jeong A, Richard Long, Ernesto Neto, Benedetto Pietromarchi, Tomás Saraceno, Astrid Seme, Conrad Shawcross, Andreas Slominski, Pascale Marthine Tayou, Luca Vitone.

Links: www.poloartecontemporanea.it .
www.fondazioneterzopilastrointernazionale.it
www.palermocapitalecultura.it
www.civita.it

INFORMAZIONI AL PUBBLICO

Sede
Palermo
Piazza Bologni , Palazzo Belmonte Riso
Orari Museo Riso da martedì a domenica 10-20; giovedì, venerdì, sabato, 10-24; lunedì chiuso eccetto festivi (la biglietteria chiude trenta minuti prima).
Piazza Bologni tutti i giorni
Ingresso
Piazza Bologni gratuito
Museo Riso biglietteria - https://www.poloartecontemporanea.it/orari-e-tariffe/
Organizzata da
Civita Sicilia

 
Zapping
Marc Chagall - Anche la mia Russia ti amerà Marc Chagall - Anche la mia Russia ti amerà
Una mostra importante, di preciso impianto museale, che non intende raccontare “di tutto un po’” ma sceglie un tema preciso e lo approfondisce attraverso una selezione dei suoi capolavori imprescindibili.
Mykonos, 1957 © Piergiorgio Branzi Il giro dell’occhio. Fotografie 1950-2010
L’esposizione presenta 60 immagini che documentano oltre cinquant’anni di carriera del fotografo toscano, uno dei più importanti interpreti del nostro tempo, Novara Castello Visconteo, 23 giugno - 6 settembre 2020.
Giorgio Milani, …SE L’UNIVERSO PRIA NON SI DISSOLVE, 2015 Giorgio Milano, la scrittura come enigma
Dal 25 ottobre 2020 al 6 gennaio 2021, Volumnia, lo spazio dedicato all’arte e al design, all’interno di una chiesa sconsacrata nel centro di Piacenza, ospita la personale di Giorgio Milani, La scrittura come enigma.
Manolo Valdés Reina Mariana, 1997 Manolo Valdés. Le forme del tempo
Manolo Valdés, artista spagnolo di fama internazionale, torna a Roma dopo ben 25 anni (Galleria Il Gabbiano, 1995), con una ampia mostra personale ospitata nelle magnifiche sale del Museo di Palazzo Cipolla.
Brescia - Lago d\'Iseo - Piramidi di Erosione di Zone - Credit Michele Rossetti La magia di Brescia
Se avesse il mare, Brescia potrebbe candidarsi al perfetto riassunto dell’Italia. E, a essere sinceri, vista la quantità e la qualità dell’acqua in grado di ispirare un autentico clima balneare, non è poi del tutto vero che il mare qui non ci sia.
Capracotta - Credit Giorgio Paglione È il Molise la meta top del 2020
Itinerario nella regione inserita dal New York Times tra i luoghi più belli da visitare nel mondo. A partire da Castel del Giudice (IS), simbolo di rinascita del Molise e delle aree interne d’Italia.
Copyright © 2004-2020 Supero Ltd, Malta MT 2105-2906 Tutti i diritti riservati.