Canal Grande dall’Accademia. Venezia, 1880 ca. La prossima immagine
Albumine del Fondo Antonetto e elaborazioni digitali di Bill Armstrong per tornare a vedere il paesaggio. Milano 30 settembre – 18 dicembre 2020.
Immagini Correlate (11)

Apre mercoledì 30 settembre 2020 alle ore 15 a Forma Meravigli, Milano, La prossima immagine, un progetto espositivo prodotto da Contrasto in collaborazione con Fondazione Forma per la Fotografia e Contrasto Galleria. La mostra, che resterà aperta fino al 18 dicembre, raccoglie e mette a confronto una serie di antiche e pregiate albumine dell’Ottocento, provenienti dal Fondo Antonetto di Fondazione Forma per la Fotografia, con le recenti, insolite, colorate elaborazioni digitali del fotografo americano Bill Armstrong.

11.	After Francis Frith, Piramide II, 2016

Forma Meravigli è un’iniziativa di Fondazione Forma per la Fotografia in collaborazione con la Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi e Contrasto.

Henri Cartier Bresson definiva il cinema l’image d’après, l’immagine che viene dopo o la prossima immagine; quella che è complicato arrestare nella sequenza cinematografica, nel suo scorrimento. Ma anche quella che aspettiamo, che sappiamo arriverà e trasformerà l’immagine precedente dandole nuova vita e nuovo significato.

Potremmo prendere a prestito la stessa formula per questa mostra che raccoglie e mette a confronto le immagini esposte a Forma Meravigli. Le prime visioni d’Italia che la fotografia ci ha regalato, il Duomo di Milano, la Piazza San Marco di Venezia o il Colosseo ripresi nella seconda metà dell’Ottocento, sono difatti confrontate con le visioni contemporanee di un fotografo artista come Bill Armstrong che proprio su una serie di celebri immagini ha lavorato per fornire una nuova interpretazione, un gioco colorato e profondo per ripensare il territorio e insieme, la storia della fotografia.

Oltre quaranta immagini per tornare a vedere il paesaggio, con una riflessione che parte dall’accuratezza della fotografia storica per arrivare a visioni oniriche e moderne.

Da un lato, così, le fotografie storiche di fine ‘800 raccontano di una Piazza della Scala da poco terminata a Milano, con il monumento dedicato a Leonardo da Vinci di fronte al Teatro, oppure il Colosseo, meta di viaggiatori diretti nella città

eterna sin dagli anni del Grand Tour. Ma la storia della fotografia vista da qui mostra una realtà che, a ben vedere, è priva di un dettaglio, quello del colore.

Di questa “distrazione”, come lui stesso la definisce, si è accorto e ha posto rimedio Bill Armstrong, con la sua serie After: Dreaming in color con cui interpreta la storia della fotografia come un sogno, intervenendo con pattern di colore nelle più iconiche fotografie del XIX secolo.

Ecco così “la prossima immagine”: Armstrong trasforma le originali visioni attraverso iniezioni di colore, digitali o manuali, utilizzando filtri e un tavolo illuminato. Le facciate delle piramidi di Giza si ricoprono di una cascata di pixel colorati, mentre in India, in una veduta dal palazzo Chatzil Manzil spicca il giallo canarino dell’imbarcazione del sovrano, sulle sponde del fiume Gumti. Lo stesso Colosseo riscopre il colore grazie ad un gioco di accostamenti e sovrapposizioni.

La storia e il sogno, immagini antiche ed elaborazioni contemporanee: due tipi di rappresentazione tanto lontane nel tempo e diverse nella tecnica, quanto affini nella loro capacità di farci vedere il paesaggio con occhi sempre nuovi.

In mostra nella Printroom, a cura di Contrasto Galleria, un omaggio alla tradizione dei grandi fotografi della storica rivista Life, con una selezione dei suoi autori più conosciuti e amati.

LA PROSSIMA IMMAGINE
Albumine del Fondo Antonetto e elaborazioni digitali di Bill Armstrong per tornare a vedere il paesaggio

Anteprima stampa 30 settembre ore 11-13

Apertura al pubblico 30 settembre ore 15

Fino al 18 dicembre 2020

Lunedì dalle 14.00 alle 18.00
Da martedì a venerdì dalle 11.00 alle 18.00
Sabato e domenica chiuso

Ultimo ingresso 17.30

Ingresso libero e gratuito in linea con il contingentamento e le linee di sicurezza previste per l’emergenza Covid-19

 
Zapping
Adelisa Selimbasic, Maria Perché siamo come tronchi nella neve
Nel Chiostro dei Glicini, una mostra e un’asta dal titolo Perché siamo come tronchi nella neve con opere di ventuno artiste in favore dell’Associazione Praevenus. Sabato 19 e sabato 26 giugno, visite senologiche di prevenzione gratuite in Umanitaria
MIA Photo Fair 2020 MIA Photo Fair 2020
Anche MIA PHOTO FAIR, la più importante fiera di fotografia del nostro Paese, sposta a settembre l’edizione 2020. La Fiera internazionale di fotografia si terrà dal 10 al 13 settembre in contemporanea con Milano ArtWeek.
Renato Corsini, 1980 Ritratti, sequenze fotografiche e scatti di ambientazione: omaggio a Joseph Beuys
 1921/2021. OMAGGIO A JOSEPH BEUYS Ritratti, sequenze fotografiche e scatti di ambientazione Brescia, Spazio Contemporanea (Corsetto Sant’Agata, 22) 16 giugno – 31 luglio 2021
Richard de Tscharner - Il canto della terra: un poema fotografico Richard de Tscharner - Il canto della terra: un poema fotografico
Dal 12 giugno al 22 agosto 2021, a Todi (PG) nelle tre sedi della Sala delle Pietre e del Museo Pinacoteca in Palazzo del Popolo, e del Torcularium nel Complesso delle Lucrezie, si terrà la mostra di Richard de Tscharner (Berna, 1947.
Brescia - Ponte di Legno - Sleddog La magia di Brescia
Se avesse il mare, Brescia potrebbe candidarsi al perfetto riassunto dell’Italia. E, a essere sinceri, vista la quantità e la qualità dell’acqua in grado di ispirare un autentico clima balneare, non è poi del tutto vero che il mare qui non ci sia.
Riserva UNESCO Alto Molise - Credit Massimo Palmieri È il Molise la meta top del 2020
Itinerario nella regione inserita dal New York Times tra i luoghi più belli da visitare nel mondo. A partire da Castel del Giudice (IS), simbolo di rinascita del Molise e delle aree interne d’Italia.
Copyright © 2004-2021 Supero Ltd, Malta MT 2105-2906 Tutti i diritti riservati.