Raeghn-D.-1-Chicago-2017-scaled L’Altra di Altre. Le donne di Sandro Miller tra serialità e identità
L’esposizione presenta trenta fotografie dell’artista statunitense, tratte da tre dei suoi progetti più celebrati - Crowns, Atropa, Malkovich Malkovich Malkovich – che esplorano l’universo femminile da diverse angolazioni e prospettive.
Immagini Correlate (9)

L’esposizione, dal titolo L’Altra di Altre. Le donne di Sandro Miller tra serialità e identità, realizzata in collaborazione con Gallery Fifty One, è uno degli eventi del Milano Photo Festival, e presenta trenta opere del fotografo statunitense, tratte da tre dei suoi progetti più celebrati - Crowns, Atropa, Malkovich Malkovich Malkovich - che esplorano l’universo femminile da diverse angolazioni e prospettive.

Con i suoi lavori, Sandro Miller approfondisce un’ontologia femminile che elimina somiglianze analogie a vantaggio della differenza e della molteplicità.

Nella serie Crowns, ad esempio, ritrae donne di colore acconciate con splendide pettinature, attraverso le quali affermano la loro libertà di scegliere come abbellirsi ed esprimono la loro creatività attraverso i tagli dei loro capelli. Sono fotografie connotate anche da un grande significato storico e sociale. Se, in generale, gli afroamericani sono stati sottoposti a secoli di odio razziale e oppressione negli Stati Uniti, in particolare, le donne di colore non hanno sempre goduto della libertà di portare i capelli a loro piacimento.

Nel ciclo Atropa, invece, Miller, riuscendo a ricreare, dopo mesi di sperimentazioni, l’effetto sbiadito e degradato tipico delle fotografie invecchiate, ritrae dei corpi femminili che sembrano trasformarsi in sculture primitive, che prendono la forma della dea Pomona, di busti ellenistici o ancora di reperti pompeiani.

In Malkovich Malkovich Malkovich, si avvale della complicità dell’amico John Malkovich che interpreta alcuni dei ritratti femminili più riconoscibili della storia della fotografia; ecco allora il grande attore trasformarsi nelle gemelle di Diane Arbus, in una improbabile Marilyn di Andy Warhol, nella Meryl Streep di Annie Leibovitz o nella modella dell’opera Larmes de Verre di Man Ray.

Sandro Miller (Elgin, Illinois, 1958). Note biografiche

All’età di sedici anni, dopo aver visto i lavori di Irving Penn, Sandro Miller sapeva di voler diventare fotografo. Perlopiù autodidatta, Miller si è affidato ai libri dei maestri della fotografia. Attraverso le loro immagini ha imparato l’arte della composizione, dell’illuminazione e del ritratto.

Più di trent’anni dopo Sandro è uno dei più affermati fotografi pubblicitari degli Stati Uniti.

Tra le sue campagne citiamo: Adidas, Allstate Insurance, American Express, Anheuser-Busch, BMW, Champion, Coca-Cola, Dove, Gatorade, Honda, Milk, Microsoft, Miller/Coors, Motorola, Nike, Nikon, Pepsi, Pony, UPS US Army, l’Esercito degli Stati Uniti d’America.

Le donne di Sandro Miller

L’Altra di Altre.

Le donne di Sandro Miller tra serialità e identità

Milano, Galleria Expowall (via Curtatone 4, MM Porta Romana - Crocetta)

30 settembre – 17 dicembre 2021

Inaugurazione: mercoledì 29 settembre 2021, ore 16.00 - 21.00 (su invito)

Per informazioni e appuntamenti:

T. +39 02 87287961; M. +39 338 8684605

www.expowallgallery.com

Orari: mercoledì - giovedì - venerdì dalle 15.00 alle 19.00 e su appuntamento

Agli spazi espositivi si accede presentando il Green pass

 
Zapping
Indianapolis Cracking Art. Sculture a colori
Dal 9 luglio al 3 ottobre, all’Aia dei Musei di Avezzano giungono le mastodontiche e coloratissime sculture animali firmate dal movimento artistico Cracking Art.
Marcello Lo Giudice Marcello Lo Giudice Sun and Oceans Paintings
Il percorso di un artista che mette in dialogo le sue origini con il proprio divenire e l'ambiente che lo circonda; Palazzo Reale di Milano fino al 29 agosto.
Gustav Klimt Giuditta, 1901 Klimt - La Secessione e l’Italia
Dal 27 ottobre 2021 al 27 marzo 2022, il Museo di Roma a Palazzo Braschi ospiterà la mostra Klimt - La Secessione e l’Italia dedicata al più amato artista della secessione viennese .
Ferdinando Scianna, Spagna, 1984 Ferdinando Scianna - Non chiamatemi maestro
“Non chiamatemi maestro”, il titolo della mostra di Ferdinando Scianna (Bagheria, Sicilia, 1943) in programma a STILL Fotografia (Via Zamenhof 11, Milano) dal 27 ottobre 2021 al 22 gennaio 2022.
Brescia - Ponte di Legno - Sleddog La magia di Brescia
Se avesse il mare, Brescia potrebbe candidarsi al perfetto riassunto dell’Italia. E, a essere sinceri, vista la quantità e la qualità dell’acqua in grado di ispirare un autentico clima balneare, non è poi del tutto vero che il mare qui non ci sia.
Pietrabbondante - Dettaglio Teatro - credit Adelina Zarlenga È il Molise la meta top del 2020
Itinerario nella regione inserita dal New York Times tra i luoghi più belli da visitare nel mondo. A partire da Castel del Giudice (IS), simbolo di rinascita del Molise e delle aree interne d’Italia.
Copyright © 2004-2021 Supero Ltd, Malta MT 2105-2906 Tutti i diritti riservati.