©Roberto Cotroneo Roberto Cotroneo - Nel teatro dell’arte
Riapre finalmente al pubblico, dopo i mesi di chiusura dovuti all’emergenza sanitaria, la mostra “Roberto Cotroneo. Nel teatro dell’arte” dal 28 maggio sino al 26 luglio.
Immagini Correlate (9)

©Roberto Cotroneo

Riapre finalmente al pubblico, dopo i mesi di chiusura dovuti all’emergenza sanitaria, la mostra “Roberto Cotroneo. Nel teatro dell’arte” dal 28 maggio sino al 26 luglio, visitabile con ingresso gratuito e prenotazione obbligatoria, nell’appartamento dei Principi di Palazzo Reale, curata da Denis Curti e promossa da Comune di Milano|Cultura, Palazzo Reale e organizzata da Civita Mostre e Musei.

La mostra riapre al pubblico con nuovi giorni e orari, accesso contingentato solo su prenotazione e con nuove disposizioni volte a tutelare la sicurezza dei visitatori.

Le oltre 50 foto esposte sono il risultato di un lungo lavoro durato cinque anni, dal 2015 al 2019, dello scrittore e saggista Roberto Cotroneo, che da alcuni anni ha affiancato al suo lavoro di scrittura quello della fotografia, osservando e fotografando il pubblico nei suoi movimenti, nelle posture, nelle espressioni, nella capacità di attraversare gli spazi, le soglie, i luoghi. Da questi scatti è nato prima un libro, “Genius loci”, edito da Contrasto.

Sono tanti e importanti i fotografi che hanno scattato immagini nei musei o nelle gallerie d’arte, ma Cotroneo utilizza un approccio assolutamente originale, ribaltando il rapporto tra opera d’arte e visitatore e sommando il tutto in un’intenzione fotografica.

Come nel teatro dell’arte, protagonista della scena è il pubblico, che interagendo con l’opera d’arte, in sostanza “fa”, crea il museo. Il palcoscenico della rappresentazione si sposta quindi dal piedistallo dell’opera allo spazio abitato dal pubblico, senza il quale il museo perde senso e significato. Una rivoluzione copernicana della concezione museale, che classicamente immagina gli spazi espositivi come luoghi perfetti, con un pubblico che guarda le opere.

Le fotografie di Cotroneo invece invitano il visitatore in una sorta di teatro in cui gli attori entrano sul palcoscenico dell’arte: il baricentro si sposta, e avremo un pubblico che osserva un pubblico.

“Queste fotografie di Roberto Cotroneo assomigliano a un lungo abbraccio e l’effetto, è quello di chi è riuscito a definire un contesto, lontano dalla documentazione e a favore delle emozioni. Penso che in questi scatti ci sia una notevole quantità umana. Ci sono armonia e poesia, silenzio e passione, talento e competenza. Roberto, da grande narratore di storie quale è, riesce a mettere in immagine la differenza tra il vedere e il guardare, tra il sentire e l’ascoltare, tra il nutrirsi e il gustare. Il suo, più che un reportage, sembra un esercizio militante dedicato alla resistenza della memoria”, afferma Denis Curti.

“In questo teatro dell’arte su cui ho lavorato per cinque anni, tra il 2015 e il 2019, c’è la storia, ci sono le linee, c’è l’attesa, l’osservazione dei movimenti, spesso c’è lo spazio. Ma è come scommettere contro le opere. Si tratta di riportare al centro, come un evento irripetibile, un visitatore che non si somma agli spazi ma ora cambia le regole: un capovolgimento. L’opera, il capolavoro artistico, è diventata un pubblico che vuole nuovi attori sul palcoscenico del suo teatro. Un paradosso, un capovolgimento, in questo nostro tempo nuovo”, dichiara Roberto Cotroneo.

Scheda informativa

Titolo
Roberto Cotroneo Nel teatro dell’arte

Luogo
Milano, Palazzo Reale
Appartamento dei Principi

Apertura
28 maggio – 26 luglio 2020
A cura di
Denis Curti
Una mostra
Comune di Milano – Cultura
Palazzo Reale
Civita Mostre e Musei
Volume di mostra
Roberto Cotroneo. Genius loci
Contrasto
Info mostra
199.15.11.21
(dal lunedì al venerdì 9.00-18.00; il sabato 9.00 - 12.00)
Dall’estero:  02.89096942
mostre@civita.it
www.palazzorealemilano.it

INGRESSO GRATUITO
Nuovi Orari
Giovedì 11.00 – 22.30
Venerdì, sabato e domenica: 11.00 - 19.30
2 giugno 11.00 - 19.30
Ultimo ingresso un’ora prima della chiusura
Chiuso lunedì, martedì e mercoledì.
Accesso solo su prenotazione – anche per le categorie gratuite – e preacquisto del biglietto.
Servizio prenotazioni
www.palazzorealemilano.it

Modalità di accesso al palazzo
La prenotazione è obbligatoria ed è necessario il preacquisto (la biglietteria in sede è chiusa).
Presentarsi a Palazzo Reale all’orario prenotato, sono consentiti non più di 5 minuti d’anticipo rispetto all’orario di prenotazione.
È necessario indossare la mascherina e sanificare le mani con le soluzioni igienizzanti presenti, per accedere ad ogni area del Palazzo.
All'ingresso verrà rilevata la temperatura corporea. Se il valore è pari o superiore a 37,5 gradi non sarà consentito l’accesso.
Al momento non è possibile prenotare visite per gruppi o scolaresche.
Prima di prenotare o raggiungere Palazzo Reale consultare le regole di accesso:
https://www.palazzorealemilano.it/nuove-regole-di-accesso              

 
Zapping
Mykonos, 1957 © Piergiorgio Branzi Il giro dell’occhio. Fotografie 1950-2010
L’esposizione presenta 60 immagini che documentano oltre cinquant’anni di carriera del fotografo toscano, uno dei più importanti interpreti del nostro tempo, Novara Castello Visconteo, 23 giugno - 6 settembre 2020.
Monza Visionaria, sottocasa Monza Visionaria, sottocasa
Musicamorfosi non si ferma e lancia, in tutta sicurezza, l'ottava edizione del festival Monza Visionaria dal 21 al 28 giugno 2020 nel capoluogo brianzolo.
mento sulla mia verità Mento al niente - Manifesti di William Xerra
L’esposizione, curata da Lorena Giuranna, responsabile del Dipartimento educativo del MA*GA, presenta per la prima volta la serie di manifesti della serie “Mento”, realizzati dall’artista piacentino nel 2003, ora nella collezione del museo.
Dante Gabriel Rossetti - Regina Cordium, 1860 © Johannesburg Art Gallery Il sogno di Lady Florence Phillips
Siena, Santa Maria della Scala 24 luglio 2020 – 10 gennaio 2021 una selezione di circa sessanta opere, tra olii, acquerelli e grafiche, ripercorrerà oltre un secolo di storia dell’arte internazionale.
Visit Brescia - Strada Colli dei Longobardi - Cantina San Michele - Montenetto - Elena Danesi A Brescia, il vino è rosa
Un itinerario targato Visit Brescia tra le migliori cantine a conduzione femminile nei terroir della provincia; un percorso tra degustazioni, visite in cantina e passeggiate nelle vigne alla scoperta delle grandi donne capaci di dettare il destino.
Agnone - credit Emanuele Scocchera È il Molise la meta top del 2020
Itinerario nella regione inserita dal New York Times tra i luoghi più belli da visitare nel mondo. A partire da Castel del Giudice (IS), simbolo di rinascita del Molise e delle aree interne d’Italia.
Copyright © 2004-2020 Supero Ltd, Malta MT 2105-2906 Tutti i diritti riservati.