Abbazia San Vincenzo in Volturno in provincia di Isernia Guida ad Isernia e provincia
Chiese, castelli, rovine e scavi archeologici convivono nella provincia di Isernia con le tradizioni popolari, il folklore e l'artigianato locale, il tutto immerso in una natura incontaminata e meravigliosa.
Immagini Correlate (5)

ISERNIA

Seconda provincia molisana dal 1970, Isernia è una città antichissima, le cui origini si perdono addirittura nella preistoria. Il centro storico rivela, nel suo intrico di vicoli, la sua matrice medievale, sull'insediamento della colonia latina del III secolo a.C.Arco di San Pietro Isernia

La città si distende sul crinale di uno sperone di travertino, tra i fiumi Carpino e Sordo. Molte delle piazze più ampie che si aprono nel centro storico sono squarci aperti dal grave bombardamento subìto da Isernia nel 1943 e per la quale la città è stata fregiata della Medaglia d'Oro al Valore Civile.

I monumenti più significativi sono la Cattedrale dei SS. Pietro e Paolo, eretta sul basamento di un antico tempio dedicato a Giove, l'Arco di San Pietro (nella foto) con le statue di epoca romana, la Chiesa di Santa Chiara e la Fontana Fraterna, simbolo della città, eretta nel XIII secolo utilizzando elementi provenienti da un antico mausoleo.

Degna di menzione è anche la Chiesa dei SS. Cosma e Damiano: sembra fosse in origine un tempio pagano propiziatorio della fertilità, poi intitolato ai due Santi medici, la cui fama di guaritori ne ha reso molto popolare il culto. Meritano inoltre una visita l'ex convento di Santa Maria delle Monache che ospita oggi l'omonimo Museo, la Biblioteca Comunale e la Chiesa di Sant'Antonio, affiancata dall'antico convento ed oggi sede del Comune.

Le feste della tradizione isernina

Tra le ricorrenze più sentite in città ci sono: quella in onore di San Pietro Celestino che qui ebbe i natali (19 maggio), con la processione accompagnata da cavalli bardati a festa, quella dei SS. Pietro e Paolo (28 e 29 giugno) nel corso della quale si tiene la Fiera delle Cipolle (la sua istituzione è certa già dal XV secolo) e la festa dei SS. Cosma e Damiano (26 settembre).

Molto seguita anche la Processione del Cristo Morto, che si tiene ogni anno il Venerdì Santo: è una sacra rappresentazione legata ai riti della Settimana Santa che si realizza in forma di dramma rievocativo. La processione del Venerdì Santo di Isernia ha come principale caratteristica quella della presenza degli Incappucciati, fedeli a capo coperto che trasportano le statue della Mater Dolorosa e del Cristo Morto, oltre che i busto degli Ecce Homo, le Croci Calvario e le Croci della Via Crucis.

Durante l'ultimo fine settimana di luglio, inoltre si svolge a Scapoli la Mostra Mercato ed il Festival Internazionale della Zampogna: nato nel 1975, il festival offre un programma ricco di eventi, musica, spettacoli e divertimento lungo le vie del paese, abbinando riti e tradizioni locali con elementi di culture di tutto il mondo, il cui punto di contatto è l'amore per la musica.  

 

Si ringrazia il Presidio Turistico Provinciale di Isernia per la concessione di testi ed immagini

Cerca le altre Guide Cerca le altre Guide
 
Zapping
Piatto figurato tardo, Montelupo 1610-30, Firenze, Museo Stibbert Di tutti i colori, nove secoli di ceramica
Dal 16 marzo al 28 luglio 2019, oltre 160 opere ceramiche prodotte a Montelupo, dal 1200 a oggi; la rassegna, arricchita di interventi multimediali e materiali d’archivio, offre inoltre un’esplorazione sulle manifatture tra l’800 e il ‘900.
Immagini allestimento mostra Leonardo da Vinci: Visions
Arriva al Museo Civico di Sansepolcro, dal 14 marzo 2019 fino al 24 febbraio 2020, la mostra Leonardo da Vinci: Visions. Le sfide tecnologiche del genio universale, promossa dal Comune di Sansepolcro e allestita da Opera Laboratori Fiorentini-Civita.
Nel Segno del Giglio Emilia in Fiore
Dal 23 marzo al 19 maggio 2019, nel territorio della Destinazione Turistica Emilia – tra Parma, Piacenza e Reggio Emilia – sbocciano esclusivi eventi dedicati ai fiori, alle piante e ai giardini.
Quella del Rinascimento è stata per l’Italia e per l’Europa intera un’epoca d’oro che ha saputo lasciare un’impronta fortissima anche su borghi, monumenti e strutture di un angolo pulsante di storia e cultura Destinazione Rinascimento
D’arme, d’amori e di moda, un viaggio nelle Corti Rinascimentali di Destinazione Turistica Emilia, tra Parma, Reggio Emilia e Piacenza.
Castel del Giudice - Borgotufi - Esterno Il borgo di Castel del Giudice
Dai terreni in disuso è nato il meleto biologico Melise, da vecchie case l’albergo diffuso Borgotufi, con centro benessere, ristorante e case in legno e pietra che si affacciano sui boschi dell’Alto Molise. Un esempio di turismo sostenibile.
Castello di Carpineti - Foto di Giuseppe Maria Codazzi I Castelli delle Donne
Storie di grandi donne che hanno lasciato il segno, in un viaggio speciale tra i più bei castelli del territorio di Parma, Piacenza e Reggio Emilia. Con Destinazione Turistica Emilia.
Copyright © 2004-2019 MEMOKA P.IVA 08522530966 Tutti i diritti riservati.