Guida alle Isole Eolie Guida alle Isole Eolie
 
Alicudi - AAST Isole Eolie Alicudi
Alicudi era chiamata Ericusa, a causa delle bosaglie di eriche di cui è ammantata buona parte dell'isola. L'isola è costituita da un vulcano a strato complesso; nella parte sud-occidentale esso è coperta da alcuni vulcanelli con cupole di ristagno.
Immagini Correlate (2)

Ad Alicudi non si manifestano fenomeni vulcanici endogeni né si riscontrano tracce di attività recente.
Alicudi ha forma di tronco di cono e culmina col Filo dell'Arpa o Timpone della Montagnola (662 metri). Il pendio occidentale dell'isola è ripido e disabitato; quello orientale è costituito da ripiani e disseminato di case tra le quali si leva, in pittoresca posizione, la chiesa di San Bartolomeo. Caratteristici il Serro della Farcona, cinto da alti precipizi e il Timpone delle Femmine, ubicato anche in località impervia: qui si rifugiavano le donne durante le scorrerie saracene.

Circumnavigando l'isola, si ammirano pendici terrazzate coperte da cespugli e da fichi d'India, alte coste con stratificazioni di rocce nere e di conglomerato rossastro; forre, valloni e un susseguirsi di alti precipizi.
Un abitato delle fasi iniziali della cultura di Capo Graziano (XXIX – XXVII secolo a.C.) doveva estendersi vicino al porto, in contrada Pantalucci fino al torrione della contrada Fucile. Frammenti ceramici di età romana si trovano sparsi sulla costa orientale dell'isola.

Alucudi Escursioni

Parlare di escursioni, nel caso della isoletta di Alicudi, appare se non paradossale quanto meno limitativo. Non esiste, qui, altra possibilità di spostarsi (eccezion fatta, ovviamente, per le imbarcazioni), per cui l'escursione non rappresenta necessariamente un momento di svago, di osservazione, di sport, ma una necessità. Muoversi a piedi, per il turista, significa dunque, spesso, unire l'utile al dilettevole. Alicudi e i suoi silenzi; Alicudi e la sua natura, burbera ed intatta; Alicudi e la mano dell'uomo, non così lunga da potere arrivare fin qui a stravolgere scenari ed abitudini. Alicudi ed i suoi sentieri, non tutti agevoli e però solcati dal vento, tracciati dalla quiete, incorniciati dal mare. Percorrerli è prima ancora di un rito, una necessità: qui l'asfalto non è arrivato, l'unico suono di motori che si conosce è quello delle imbarcazioni che approdano, ripartono, oppure passano in lontananza. Prima ancora che di sentieri è il caso di parlare di scalinate, composte dalla fatica dell'uomo che ha levigato la pietra lavica per poi disporla a scalini, offrendo un'inconsueta geometria della natura in un contesto arruffato e dal fascino profondamente selvaggio.

Si arriva in porto, e subito si affacciano le scale: una necessità, prima ancora che un piacere, il piacere dell'escursione. Oltre le case che circondano il piccolo approdo, ecco aggrapparsi al territorio scosceso un universo di coltivazioni a terrazza. Più in alto è il villaggio abbandonato. Perchè fu costruito quassù? Per limitare i danni in caso (reale e frequente) di invasione saracena. Più in alto, la Fossa Gerbia, il piano dell'Arpa. Quindi l'antico cratere, la vetta, e finalmente l'occhio può rilassarsi e scrutare il panorama che si estende fino all'orizzonte.

Non tutte le scale conducono qui. Si può ad esempio salire a Pianicello, altro minuscolo borgo, questa volta abitato da turisti, per proseguire fino alla contrada Tonna, le cui costruzioni rivelano il fascino originario e intatto delle pareti in nuda pietra. Solo dalla barca è invece possibile avvistare i “fili”: sottili colate di lava ormai rappresa che disegnano lunghe strisce sulle pareti del vulcano; oppure ancora le “sciare”, cioè le pietraie di materia lavica raffreddata. L'imbarazzo della scelta, per quanto riguarda il soggiorno, non è di casa, qui.
L'albergo è quello, il ristorante pure.
L'alternativa migliore è affittare un'abitazione (o una stanza) e rifornirsi nei negozietti di alimentari giù al porto.

 

Ringraziamo SAGEP Libri & Comunicazione S.r.l. di Genova per aver gentilmente concesso la pubblicazione dei testi dell'opuscolo "ISOLE EOLIE" e l'AAST Eolie per la pubblicazione di testi ed immagini

Cerca le altre Guide Cerca le altre Guide
 
Zapping
Marc Chagall - Anche la mia Russia ti amerà Marc Chagall - Anche la mia Russia ti amerà
Una mostra importante, di preciso impianto museale, che non intende raccontare “di tutto un po’” ma sceglie un tema preciso e lo approfondisce attraverso una selezione dei suoi capolavori imprescindibili.
Mykonos, 1957 © Piergiorgio Branzi Il giro dell’occhio. Fotografie 1950-2010
L’esposizione presenta 60 immagini che documentano oltre cinquant’anni di carriera del fotografo toscano, uno dei più importanti interpreti del nostro tempo, Novara Castello Visconteo, 23 giugno - 6 settembre 2020.
La bambina con il pallone, Quartiere La Cala, 1980 Letizia Battaglia: Storie di strada
Arriva ad Ancona la mostra  "Letizia Battaglia. Storie di strada", in programma alla Mole Vanvitelliana, dal 25/07/2020  al 15/01/2021, retrospettiva con 300 fotografie che ricostruiscono per tappe e temi la vita professionale di Letizia Battaglia.
Dante Gabriel Rossetti - Regina Cordium, 1860 © Johannesburg Art Gallery Il sogno di Lady Florence Phillips
Siena, Santa Maria della Scala 24 luglio 2020 – 10 gennaio 2021 una selezione di circa sessanta opere, tra olii, acquerelli e grafiche, ripercorrerà oltre un secolo di storia dell’arte internazionale.
Brescia - Villa Feltrinelli La magia di Brescia
Se avesse il mare, Brescia potrebbe candidarsi al perfetto riassunto dell’Italia. E, a essere sinceri, vista la quantità e la qualità dell’acqua in grado di ispirare un autentico clima balneare, non è poi del tutto vero che il mare qui non ci sia.
Castel del Giudice - Borgo di sera -  Credit Emanuele Scocchera È il Molise la meta top del 2020
Itinerario nella regione inserita dal New York Times tra i luoghi più belli da visitare nel mondo. A partire da Castel del Giudice (IS), simbolo di rinascita del Molise e delle aree interne d’Italia.
Copyright © 2004-2020 Supero Ltd, Malta MT 2105-2906 Tutti i diritti riservati.