Guida alle Isole Eolie Guida alle Isole Eolie
 
Isole Eolie - Strombolicchio La storia delle Eolie
Quando si parla di storia, cioè della presenza dell'uomo sulle Eolie, la parte del leone spetta a Lipari. Stando ai ritrovamenti, i primi uomini sbarcarono qui, utilizzando imbarcazioni primitive, circa 6000 anni fa...
Immagini Correlate (1)

 .... si trattava di pastori, agricoltori o commercianti, ma soprattutto di artigiani abili nel lavorare e decorare la ceramica nonché nell'affilare la selce. Perché, viene da domandarsi, si fermarono qui?Tholos micenea
Perchè su queste isole avevano rinvenuto l'ossidiana, minerale a quell'epoca preziosissimo. L'ossidiana, durissima roccia vulcanica vetrosa, nera e rilucente, non viene prodotta da tutti i vulcani. Essa ha decretato uno straordinario sviluppo della civiltà neolitica nell'arcipelago, con la nascita dei villaggi e l'intensificarsi di scambi commerciali via mare. Con l'ossidiana infatti si ricavavano richiestissimi utensili, raschiatoi, punte di freccia e lame meno resistenti della selce ma più dure.

Ossidiana di Lipari è stata trovata in grande abbondanza nei villaggi neolitici della Sicilia e della penisola, ma ha pure raggiunto le coste della Francia meridionale e della Dalmazia.

Altro prodotto vulcanico è la pomice, una varietà porosa dell'ossidiana, di cui ha la stessa composizione; ha un colore grigio biancastro ed è leggerissima al punto da galleggiare sull'acqua. Nella preistoria veniva impiegata soprattutto come pietra abrasiva sulla quale venivano rifiniti gli utensili. Oggi viene utilizzata come abrasivo industriale, come calcestruzzo e come isolante acustico. Le grandi miniere di pietra pomice che hanno sventrato e imbiancato i fianchi del monte Pilato hanno dato lavoro a generazioni di liparoti, ma l'attività estrattiva negli ultimi anni è in forte calo.

I primi abitanti di Lipari si insediarono, stando almeno a quanto rinvenuto, sugli altipiani del Castellaro Vecchio. Solo in seguito però, parliamo del IV millennio a.C., nasceva il primo vero e proprio nucleo abitato, organizzato sulla rocca del Castello di Lipari. Il boom del commercio dell'ossidiana si tradusse in un'espansione demografica e conseguentemente “urbanistica”, così che il centro abitato si estese dalla rocca al sottostante pianoro della contrada Diana.Anello ritrovato alle isole eolie
 

Alla fine del III millennio a.C., con l'inizio dell'età del Bronzo, giungono a Lipari e nelle Eolie nuovi gruppi etnici, garantendo un risveglio economico e civile. Questo risveglio è dovuto ai regolari contatti che si vennero a stabilire con i principati della Grecia micenea, i quali, con ardite navigazioni, esplorarono mari occidentali, alla ricerca di quelle materie prime che erano necessarie per la loro potenza e la loro sopravvivenza. Le isole vennero allora frequentate da genti micenee di stirpe eolica, già saldamente radicate a Metaponto e per le quali diventarono degli avamposti per il controllo delle vie commerciali attraversanti lo stretto di Messina. Da queste genti eoliche le isole trassero il nome che ancora conservano: ad esse si riportano le leggende del mitico re Eolo, signore dei venti, citato nell'Odissea di Omero.

Nel corso del XIII secolo a.C. nelle isole si insediarono, provenienti dalle coste della Campania, genti ausonie con le quali si connette la leggenda del re Liparo, da cui trasse nome la città. Spopolate alla fine del X secolo a.C., forse a causa di rivalità tra diverse genti per la supremazia marittima del basso Tirreno, le isole restarono per alcuni secoli pressoché deserte.

Nella 50° Olimpiade (580-576 a.C.) Lipari venne colonizzata da un gruppo di Greci di stirpe dorica, di Cnido e di Rodi, comandati dall'eraclide Pentatlo, superstiti di un infelice tentativo di fondare una colonia sul sito dell'attuale Marsala. I nuovi coloni si trovarono innanzitutto nella necessità di difendersi dalle incursioni degli Etruschi (Tirreni). Dovettero quindi allestire una potente flotta, con la quale riportarono contro di loro grandi vittorie, assicurandosi la supremazia sul mare. Col bottino conquistato eressero, nel santuario di Apollo, a Delfi, splendidi monumenti votivi (in complesso oltre quaranta statue di bronzo), dei cui basamenti restano ancora testimonianze.

Le navi liparesi dominavano il basso Tirreno e nel 393 a.C., intercettarono una nave romana che portava a Delfi un grande vaso d'oro rappresentante la decima parte del bottino della conquista di Veio. Ma il loro supremo magistrato Timasiteo lo fece restituire, trattandosi di un'offerta sacra al dio Apollo, che i Liparesi veneravano. Nel 427 a.C., durante la prima spedizione ateniese in Sicilia, sotto Lache, i liparesi strinsero alleanza con i siracusiani, forse per la loro comune origine dorica. Subirono attacchi, come afferma Tucidide, da parte della flotta ateniese e reggina, ma senza gravi conseguenze.

Nella spedizione cartaginese del 408-406 Lipari fu di nuovo in relazioni amichevoli con Siracusa. Venne perciò attaccata dal generale cartaginese Imilcone che, impadronitosi della città, estorse agli abitanti una indennità di 30 talenti. Partiti i cartaginesi, Lipari tornò nel pieno godimento della sua indipendenza.
Durante la dominazione di Dionisio il Vecchio, Lipari rimase al fianco di Siracusa e, successivamente, di Tindari. Nel 304 l'isola venne aggredita da Agatocle che le impose un tributo di 50 talenti, perduto durante la traversata verso la Sicilia, per una tempesta attribuita alla collera di Eolo.

Successivamente Lipari cadde sotto il giogo cartaginese, nel quale si trovava quando scoppiò la prima guerra punica. Per i suoi eccellenti porti e per la sua posizione di alto valore strategico, l'arcipelago divenne una delle migliori stazioni navali cartaginesi. Nel 262 il console romano Cn. Cornelio Scipione, illudendosi di potersi impadronire agevolmente di Lipari, venne ivi bloccato da Annibale e catturato con tutta la sua squadra. Nel 258 Atilio Calatino cingeva Lipari di assedio. Nel 257 le acque delle Eolie furono teatro di un'accanita battaglia fra la flotta cartaginese e quella romana. Lipari fu conquistata dai Romani nel 252 a.C. Rasa al suolo con “inumane stragi” perse con l'indipendenza la prosperità economica. Iniziò per essa un periodo di grave decadenza.

Continuò per altro a trarre vantaggi economici notevoli dall'industria dell'allume, che probabilmente fin dall'età del Bronzo si estraeva nell'Isola di Vulcano, del quale Lipari aveva nel mondo antico il monopolio. Molto frequentate erano anche le eccellenti acque termali di Vulcano e di Lipari, che ebbero una notevole rinomanza anche nella Roma imperiale. Cicerone ricorda Lipari e parla dei soprusi che essa subì da parte di Verre.

Le isole Eolie ebbero una grande importanza strategica durante la guerra civile tra Ottaviano e Sesto Pompeo. Lipari, fortificata da Sesto Pompeo, fu conquistata nel 36 a.C. Da Agrippa, ammiraglio di Ottaviano, che fece dell'isola di Vulcano la base della sua flotta per le operazioni che precedettero la battaglia navale di Milazzo e per il successivo sbarco in Sicilia. Lipari subì in questa occasione nuove devastazioni e nuovi disastri.

Sembrerebbe che successivamente abbia potuto godere dello stato giuridico di municipium: Plinio la definì oppidum civium romanorum. Non abbiamo notizie relative a Lipari per tutta l'età imperiale romana (I-V secolo d.C), sappiamo solo che l'imperatore Caracalla, dopo avere fatto uccidere il suocero Plauziano, vi relegò la moglie Plautilla e il cognato Plauzio che morirono in esilio.

In età cristiana (forse dal IV secolo) Lipari fu sede Vescovile e almeno fin dal VI secolo erano venerate nella sua cattedrale le reliquie dell'apostolo San Bartolomeo che, secondo le tradizioni tramandateci da scrittori bizantini, vi sarebbero giunte miracolosamente dall'Armenia.

Nei secoli dell'alto Medioevo Lipari fu quindi meta di pellegrinaggi che, qui convenivano da paesi vicini e lontani. Intorno alle isole Eolie, in particolare a Lipari e Vulcano, fiorisce, nell'alto Medioevo, una ricca e variopinta messe di tradizioni. Il cratere di Vulcano veniva considerato allora come la bocca dell'inferno, in cui bruciavano le anime dei reprobi. E' nota la leggenda racconta da San Gregorio Magno dell'eremita che il giorno stesso della morte di Teodorico avrebbe visto l'anima del re goto gettata nel cratere da papa Giovanni e dal patrizio Simmaco, che egli aveva fatto uccidere.

San BartoloAltre leggende fiorirono intorno al santo vescovo Agatone e all'eremita San Calogero che liberava l'isola dai diavoli e faceva sgorgare le acque salutari che portano il suo nome. 
Nell'alto Medioevo si ebbe un improvviso risveglio (dopo molti decenni di quiescenza) dell'attività vulcanica nell'isola di Lipari. Si aprirono allora il nuovo cratere del monte Pelato, che eruttò immense masse di pomici, e quello, più vicino alla città, della Pirrera, che eruttò una colata di ossidiana.

Nell'839 Lipari fu aggredita e distrutta da un'incursione di musulmani che massacrarono e deportarono in schiavitù la popolazione e profanarono le reliquie di San Bartolomeo. Queste, piamente raccolte da alcuni vecchi monaci scampati all'eccidio, furono l'anno seguente trasportate a Salerno e da lì a Benevento. Lipari rimasse per alcuni secoli quasi totalmente deserta, fino alla conquista della Sicilia da parte dei Normanni, che nel 1083 installarono a Lipari l'abate Ambrogio con un nucleo di monaci benedettini. Intorno al monastero, di cui restano vestigia a fianco della cattedrale, tornò a formarsi un nucleo urbano.

Nel 1131 fu ricostruita la sede vescovile di Lipari unita a quella di Patti. Roberto I re di Napoli, nel 1340, si impadronì di Lipari. Nel 1540 la città fu saccheggiata dal feroce corsaro Ariadeno Barbarossa, che portò via gli infelici abitanti, come schiavi. Lipari venne successivamente riedificata e ripopolata da Carlo V e da allora seguì le sorti della Sicilia e del reame di Napoli.



Ringraziamo SAGEP Libri & Comunicazione S.r.l. di Genova per aver gentilmente concesso la pubblicazione dei testi dell'opuscolo "ISOLE EOLIE" e l'AAST Eolie per la pubblicazione di testi ed immagini

Cerca le altre Guide Cerca le altre Guide

Argomenti Correlati

 

Alicudi

 

Arrivare alle Eolie

 

Cosa vedere a Lipari

 

Filicudi

 

La storia delle Eolie

 

Lipari

 

Panarea

 

Salina

 

Stromboli

 

Vulcano
 
Zapping
Van Gogh Multimedia & Friends Van Gogh Multimedia & Friends
Dal 31 gennaio al 26 aprile 2020, la mostra multimediale a Palazzo Dalla Rosa Prati, arricchita da dipinti di Renoir, Monet e Degas, svela a Parma l’universo del geniale pittore olandese.
Fumetti nei Musei Fumetti nei Musei
Ventidue albi raccontano i musei italiani attraverso l’arte del fumetto, a Roma dal 12 dicembre 2019 al 16 febbraio 2020.
La Festa del Papà non è mai stata così speciale La Festa del Papà non è mai stata così speciale
Il 19 marzo 2020 è l’occasione per concedersi un’avventura con i figli: in auto d’epoca, in un museo, sulle piste da sci o in un centro benessere. Le idee più originali per vivere la festa del papà.
Taddeo di Bartolo alla Galleria Nazionale dell’Umbria Taddeo di Bartolo alla Galleria Nazionale dell’Umbria
Dal 7 marzo al 7 giugno 2020, la Galleria Nazionale dell’Umbria di Perugia sarà teatro di un eccezionale evento espositivo. L’esposizione presenterà 100 tavole del pittore senese, una delle più significative presenze artistiche dell'epoca.
Capracotta Giardino di Flora Appenninica - credit Carmen Giancola È il Molise la meta top del 2020
Itinerario nella regione inserita dal New York Times tra i luoghi più belli da visitare nel mondo. A partire da Castel del Giudice (IS), simbolo di rinascita del Molise e delle aree interne d’Italia.
Castello di Brescia Scoprire Brescia
Gli itinerari e le idee di viaggio presentate in questa guida si propongono come uno strumento per esplorare Brescia e il suo territorio, osservandoli da diversi punti di vista.
Copyright © 2004-2020 MEMOKA P.IVA 08522530966 Tutti i diritti riservati.