Guida a Trapani e provincia Guida a Trapani e provincia
 
Valderice: il porticciolo di Bonagia – (ph Walter Leonardi) (Archivio fotografico dell’Azienda Provinciale Turismo di Trapani) L'Agro Ericino: un sentiero tra mare, terra e natura
L'ampia vallata sovrastata dalla vetta, è disposta come una porta d'accesso ad aree incontaminate, in cui l'ambiente terrestre e quello marino si intrecciano e si confondono, tra discese in piccole cale e antichi borghi, tra il passato ed il presente
Immagini Correlate (2)

Qui comincia un itinerario affascinante...

Il trapanese

Partendo da Valderice, posta in collina quasi come un gradino per raggiungere il mare, ci si trova nel verde di una pineta che in estate si anima di eventi culturali nello splendido teatro all'aperto, creato in una cava dismessa.
Raggiunto il litorale, l'antica torre della Tonnara di Bonagia, oggi divenuta museo, testimonia di precedenti attività industriali legate alla pesca ed alla lavorazione del tonno.

Proseguendo lungo la costa, a picco sul mare, si innalza imponente Monte Cofano, sulle cui pendici si trova la Grotta paleolitica di Scurati, che a Natale si trasforma in un suggestivo Presepe Vivente.

Più in alto Custonaci, centro di produzione marmifera tra i più importanti d'Italia, sembra vegliare sulla vallata dal suo bellissimo Santuario della Madonna.  Nell'entroterra si trova il paesino di origine bizantina di Buseto Palizzolo, antico casale di Erice, il cui nome deriva dall'arabo Busit (terra) e dalla famiglia Palizzolo cui venne assegnato nel 1563 da Carlo V.

Nell'estrema punta omonima si spiega la spiaggia di San Vito lo Capo, il cui borgo, di tradizione marinara, si è sviluppato intorno all'antica fortezza saracena, successivamente trasformata in santuario dedicato a San Vito. Oggi l'attività principale è il turismo. Il suo clima, la spiaggia, il mare, le viuzze ornate di fiori, il pesce fresco, i profumi intensi e i suoi panorami, offrono al turista l'occasione per una vacanza indimenticabile.

Tra San Vito lo Capo e Castellammare del Golfo i declivi collinari che degradano fino al mare, in una  miriade di piccole baie, annunciano l'inizio della Riserva naturale orientata dello Zingaro.  

Piccoli sentieri opportunamente disegnati sui dirupi, che finiscono nel mare o si inerpicano sui monti, consentono di attraversare uno degli ambienti più integri del mediterraneo.
In questa zona nidificano decine di specie di uccelli tra cui il falco pellegrino, l'aquila del Bonelli, poiane, gheppi, nibbi reali ed altri volatili inclusi nella lista rossa delle specie in via di estinzione, in un ambiente ricco di piante endemiche e rare che fanno della riserva una vera oasi di biodiversità. Ma è la palma nana, simbolo della riserva, che cresce spontanea punteggiando ogni pendio ed ogni anfratto dello Zingaro.

Costa del trapanese

Situata al centro della Riserva, la grotta preistorica dell'Uzzo racconta dei primi insediamenti umani in quest'area.

Dal piccolo borgo di Scopello, che si sviluppa attorno alla corte di Baglio, è possibile iniziare un percorso variegato, tra la visita tonnara che si apre sulla vista degli splendidi faraglioni, e le botteghe di artigiani che lavorano la ceramica. La spiaggia bianca di ciotoli a Baia di Guidaloca prolunga lo sviluppo costiero, a forma di anfiteatro, del Golfo di Castellammare.

Il golfo, che si estende da Capo San Vito a Capo Rama, ai piedi dei declivi rocciosi che ne definiscono la visuale a sud, ospita l'omonima cittadina.  Le sue principali attività sono legate alla posizione e allo sviluppo del porto che sorge sul luogo dell'antico emporium segestano.  In età medioevale la città si è sviluppata intorno al castello a mare, il primo nucleo del centro storico, ancora oggi riconoscibile, collegato originariamente all'abitato da un ponte levatoio.

Allontanandosi di poco dal mare, Alcamo, alle falde del Monte Bonifato, merita una sosta per ammirare il Castello dei Conti di Modica, la Chiesa Madre, la splendida Chiesa di SS. Paolo e Bartolomeo e la sontuosa Basilica di Maria Santissima Assunta, oltre che per gustare il famoso vino doc Bianco d'Alcamo ed ancora per rintemprarsi passeggiando per i sentieri del Bosco d'Alcamo.

 

I testi e le immagini sono pubblicati per gentile concessione dell' A.P.T. di Trapani

 

 

Cerca le altre Guide Cerca le altre Guide
 
Zapping
Indianapolis Cracking Art. Sculture a colori
Dal 9 luglio al 3 ottobre, all’Aia dei Musei di Avezzano giungono le mastodontiche e coloratissime sculture animali firmate dal movimento artistico Cracking Art.
Marcello Lo Giudice Marcello Lo Giudice Sun and Oceans Paintings
Il percorso di un artista che mette in dialogo le sue origini con il proprio divenire e l'ambiente che lo circonda; Palazzo Reale di Milano fino al 29 agosto.
Liliana Cavani_ foto Mario Tursi Il portiere di notte - La libertà della perdizione
Dal 17 settembre 2021 al 6 gennaio 2022, nella Sala dei Cervi di Palazzo dei Pio si tiene la mostra Il portiere di notte. Libertà della perdizione. La rassegna è uno degli appuntamenti del programma del festivalfilosofia 2021.
Let\'s Go Water Skiing HABITUS. Indossare la libertà
L’esposizione analizza come, nel Novecento, le tappe più significative di innovazione della moda abbiano spesso coinciso con momenti di liberazione del corpo, soprattutto femminile, da costrizioni fisiche e sociali.
Brescia - Parco naturale Adamello Brenta - Credit Christian Martelet La magia di Brescia
Se avesse il mare, Brescia potrebbe candidarsi al perfetto riassunto dell’Italia. E, a essere sinceri, vista la quantità e la qualità dell’acqua in grado di ispirare un autentico clima balneare, non è poi del tutto vero che il mare qui non ci sia.
Capracotta Giardino di Flora Appenninica - credit Carmen Giancola È il Molise la meta top del 2020
Itinerario nella regione inserita dal New York Times tra i luoghi più belli da visitare nel mondo. A partire da Castel del Giudice (IS), simbolo di rinascita del Molise e delle aree interne d’Italia.
Copyright © 2004-2021 Supero Ltd, Malta MT 2105-2906 Tutti i diritti riservati.