Arte Attualita' ed eventi Cultura Moda Musica Rassegne, fiere e sagre
Arezzo, Museo Nazionale d\'Arte Medievale e Moderna Un viaggio dal Medioevo ai Macchiaioli
Arezzo, Museo Nazionale d'Arte Medievale e Moderna. "Dal San Michele Arcangelo del Maestro del San Michele a Via de' Malcontenti di Telemaco Signorini: un viaggio dal Medioevo ai Macchiaioli".

Un viaggio dal Medioevo ai Macchiaioli

"Dal San Michele Arcangelo del Maestro del San Michele a Via de' Malcontenti di Telemaco Signorini: un viaggio dal Medioevo ai Macchiaioli" è un video disponibile sul nuovo canale YouTube del Museo Nazionale d'Arte Medievale e Moderna di Arezzo dedicato ai suoi capolavori in attesa di tornare a visitarli e ammirarli di persona.#laculturanonsiferma

Il museo per la ricchezza delle collezioni d’arte è considerato tra i più rappresentativi della Toscana e testimonia ai massimi livelli la storia artistica di Arezzo.

Il video offre una testimonianza dell’ampiezza e della varietà delle opere d’arte che vi si conservano, con uno sguardo particolare e dettagliato su quelle evidenziate in grassetto in questa presentazione.

Il museo si articola in venti sale secondo un percorso cronologico che dall'alto Medioevo giunge all'Ottocento. Si inizia dalle sculture di epoca alto-medievale e romanica, come la nicchia con San Luca e il toro, il San Michele Arcangelo del Maestro del San Micheleframmenti lapidei come la testa di guerriero, attribuita ad Agostino di Giovannie le statue raffiguranti la Madonna col Bambino e il San Michele Arcangeloanticamente poste a protezione delle porte di accesso alla città. Sono presenti, inoltre, collezioni di manufatti in avorio, di bronzetti e oreficerie sacre. Tra i dipinti si segnalano il San Francesco di Margarito d’Arezzo, il San Michele Arcangelo di Buonamico Buffalmacco, diversi affreschi staccati di Andrea di Nerio, di Spinello Aretino e del figlio Parri, autore anche della raffinata tavola della Madonna della Misericordia, per non dimenticare opere del fiorentino Neri di Bicci, di Bartolomeo della Gatta e di Lorentino d’Andrea. Di grande impatto il maestoso camino del settignanese Simone Mosca, come pure la terracotta con Sant'Antonio Abate, di Michele da Firenze, la terracotta invetriata raffigurante Madonna col Bambino e ss. Sebastiano e Giuliano della Bottega di Andrea della Robbia, il Putto per fontana di Pierino da Vinci e l’urna reliquiario dei santi Lorentino e Pergentino di Niccolò di Giovanni.

Si possono ammirare, inoltre, la collezione di vetri, di armi bianche con spade, alabarde e armature. Nella sezione dedicata alle maioliche, considerata tra le più importanti d’Italia, spicca la Coppa con Galatea di manifattura urbinate del XVI secolo. In altre teche sono esposti esemplari della cospicua collezione di sigilli, medaglie, tessere mercantili e monete. Alla donazione dovuta allo storico dell’arte Mario Salmi sono dedicate due salette, con opere, tra le altre, di Ludovico Carracci, Alessandro Magnasco (Crocifisso con San Francesco) e Adriano Cecioni (la celebre Zia Erminia).

Tra gli altri dipinti del Museo si segnalano quelli della tarda attività di Luca Signorelli e soprattutto di Giorgio Vasari, autore della pala di San Rocco e dell’eccezionale Convito per le nozze di Ester e Assuero. Nelle sale dedicate al Seicento e al Settecento, sono presenti, tra gli altri, Salvator Rosa, Andrea Pozzo, Viviano Codazzi e il Grechetto (La fuga in Egitto).La sala dell’Ottocento, oltre alla pittura di soggetto storico e di genere, con Il bacio di Amos Cassioli, la Scena tragica di Pio Ricci, Il giovane Michelangelo presenta a Lorenzo il Magnifico la sua prima opera di scultura di Tommaso Sebastiani, offre anche una serie di significativi ritratti di personaggi della società aretina del tempo tra cui il poeta Tommaso Sgricci e gli autoritratti di Pietro Benvenuti e Raimondo Zaballi. Alla fine del percorso è esposto un nucleo di piccoli e preziosi dipinti dell’ambito dei Macchiaioli, tra cui opere di Telemaco Signorini (Via de’ Malcontenti) e di Giovanni Fattori.

Buona visione, seguiteci...

Luogo: Arezzo, Museo nazionale d'arte medievale e moderna
Orario: 8-24
Telefono: +39 0575 409040
E-mail: drm-tos.museomedemod@beniculturali.it

Dove:

Museo nazionale d'arte medievale e moderna
Indirizzo: via san Lorentino, 8 52100 - Arezzo (AR)

Arezzo, Museo Nazionale d'Arte Medievale e Moderna
 
Regione
Provincia
Categoria
Reset
Zapping
Indianapolis Cracking Art. Sculture a colori
Dal 9 luglio al 3 ottobre, all’Aia dei Musei di Avezzano giungono le mastodontiche e coloratissime sculture animali firmate dal movimento artistico Cracking Art.
Marcello Lo Giudice Marcello Lo Giudice Sun and Oceans Paintings
Il percorso di un artista che mette in dialogo le sue origini con il proprio divenire e l'ambiente che lo circonda; Palazzo Reale di Milano fino al 29 agosto.
Charlotte Rampling Il portiere di notte - La libertà della perdizione
Dal 17 settembre 2021 al 6 gennaio 2022, nella Sala dei Cervi di Palazzo dei Pio si tiene la mostra Il portiere di notte. Libertà della perdizione. La rassegna è uno degli appuntamenti del programma del festivalfilosofia 2021.
Mondina sulla moto HABITUS. Indossare la libertà
L’esposizione analizza come, nel Novecento, le tappe più significative di innovazione della moda abbiano spesso coinciso con momenti di liberazione del corpo, soprattutto femminile, da costrizioni fisiche e sociali.
Brescia - Villa Feltrinelli La magia di Brescia
Se avesse il mare, Brescia potrebbe candidarsi al perfetto riassunto dell’Italia. E, a essere sinceri, vista la quantità e la qualità dell’acqua in grado di ispirare un autentico clima balneare, non è poi del tutto vero che il mare qui non ci sia.
Pietrabbondante panchinart - credit Francesco Leone È il Molise la meta top del 2020
Itinerario nella regione inserita dal New York Times tra i luoghi più belli da visitare nel mondo. A partire da Castel del Giudice (IS), simbolo di rinascita del Molise e delle aree interne d’Italia.
Copyright © 2004-2021 Supero Ltd, Malta MT 2105-2906 Tutti i diritti riservati.