Il Duomo di Cremona Il Duomo di Cremona
 
Panorama dal Torrazzo con Duomo - foto The Doc La collocazione urbana
Il principale edificio religioso di Cremona ha una lunga complessa storia sia se ne si considera l'epoca di fondazione e le ulteriori varie vicende, sia se si osserva la sua stratificata struttura architettonica, frutto di varie sovrapposizioni.
Immagini Correlate (1)

Il principale edificio religioso di Cremona ha una lunga complessa storia sia se ne si considera l'epoca di fondazione e le ulteriori varie vicende, sia se si osserva la sua stratificata struttura architettonica, frutto di varie sovrapposizioni da cui emergono, secondo Arturo Carlo Quintavalle, “la pelle tardo-gotica” all'esterno e gli interventi nel cinquecento l'interno. D'altro canto anche la sua collocazione all'interno della fitta maggior urbana della città e specialmente del suo nucleo centrale prima, poi medioevale, affonda profondamente le sue radici nella storia cittadina visto che questo settore della città ad ha sempre avuto un suo precipuo utilizzo religioso.Panorama Cremona dall'alto, il Duomo

Qui, infatti, secondo la tradizione, doveva essere collocato il tempio della dea Mefite posto sull'antica “rupere” Il terrazzo fluviale situato a breve distanza dall'alveo principale del fiume Po che all'epoca romana scorreva molto più rasente alla città rispetto ad oggi lambendo circa due lati delle mura; sempre in questa porzione urbana doveva esistere nel quarto quinto secolo una coeva basilica episcopale o, secondo altri, la parte settentrionale di una basilica paleocristiana doppia a cui apparterrebbe il frammento di mosaico pavimentare policromo trovato durante alcuni scavi del 1901 nel cortiletto del Torrazzo; ancora qui viene collocata da vari studiosi la “munitiuncula”, luogo fortificato dell'alto medioevo, che occupava parte della piazza e degli attuali edifici sacri, difeso probabilmente da una torre e da un fossato, segno inequivocabile del potere religioso politico del vescovo il cui importante ruolo era concretamente rappresentato da una serie di edifici quali, oltre alla basilica maggiore, le chiesa di Sant'Ambrogio, San Pietro e San Gregorio, le aree cimiteriali, la canonica e la domus episcopi.

Perché a tutto ciò o quasi tutto, visto quanto sono in parte labili ed in parte ancora controverse oggi le tracce conservatesi fino a noi di questi edifici, si sostituisse l'attuale Duomo bisognerà però attendere gli inizi del 12º secolo e cioè l'epoca per Cremona, ma non solo, della rinascita cittadina ma anche del principiare dei grandi contrasti politici sorti nell'epoca comunale fra potere laico e potere religioso e, successivamente, tra città guelfa epicità ghibelline,

L'epoca di fondazione ed il primo impianto

Secondo la pietra di fondazione, sorretta dai profeti Enoc ed Elia, il cui originale è oggi murato nella sagrestia dei canonici, ma che i visitatori possono vedere nel calco della riproduce esattamente nel nuovo Museo delle pietre romaniche ora suggestivamente allestito nel vicino Battistero, l'attuale chiesa cattedrale venne fondata nel 1107 e la sua erezione proseguì alacremente per 10 anni fino al 1117 quando un disastroso terremoto, che colpì la città il 3 gennaio di quell'anno, ne rovinò gran parte interrompendo drammaticamente la sua costruzione. Su quale fosse la veste architettonica di questa prima versione del Duomo di Cremona si possono, perciò, fare solo ipotesi, ma vari studiosi propendono per un edificio a croce latina con sostegni a sistema alternato e volte esapartite pure con una copertura a capriate retta da archi trasversi almeno per la navata centrale. Nel 1129 i lavori comunque ripresero e l'edificio fu portato a compimento tra il 1160 e il 1170, mentre per la sua consacrazione bisogna attendere l'epoca del Vescovo di Cardo che nel 1196, secondo le cronache, consacrò l'edificio con una solenne cerimonia avvenuta all'altare dei due Santi Patroni dell'edificio: Sant'Archelao e San Timerio.

La Chiesa all'epoca realizzata era però abbastanza diversa dall'attuale, con matronei, cripta e transetti o falsi transetti poco aggettanti e di dimensioni più contenute ed era tutta realizzata in laterizio, il materiale principe del territorio cremonese privo di cave di marmo. Nulla sappiamo sull'identità dei suoi primi costruttori, anonimi maestri di muro che lavoravano per la grazia divina e non per la propria gloria terrena, ma sono stati sottolineati i legami tecnico costruttivi e esistenti tra le realizzazione di Cremona e di Duomo di Modena di Lanfranco così come con le cattedrali di Parma e Piacenza e, loro tramite, con l'architettura anglo normanna e renana.

Si ringrazia il Servizio di Promozione Turistica della Provincia di Cremona per l'autorizzazione alla pubblicazione dei testi tratti dall'opuscolo "La Cattedrale di Cremona"

Cerca le altre Guide Cerca le altre Guide
 
Zapping
Marc Chagall - Anche la mia Russia ti amerà Marc Chagall - Anche la mia Russia ti amerà
Una mostra importante, di preciso impianto museale, che non intende raccontare “di tutto un po’” ma sceglie un tema preciso e lo approfondisce attraverso una selezione dei suoi capolavori imprescindibili.
Mykonos, 1957 © Piergiorgio Branzi Il giro dell’occhio. Fotografie 1950-2010
L’esposizione presenta 60 immagini che documentano oltre cinquant’anni di carriera del fotografo toscano, uno dei più importanti interpreti del nostro tempo, Novara Castello Visconteo, 23 giugno - 6 settembre 2020.
Greensville, Carolina del Sud, 1956 Prima, donna. Margaret Bourke-White
Dal 25 settembre 2020 Palazzo Reale di Milano celebra Margaret Bourke-White (New York, 1904 - Stamford, 1971), tra le figure più rappresentative ed emblematiche del fotogiornalismo, attraverso una selezione inedita delle immagini più iconiche.
Mimmo Jodice, Ercolano, 1999 La rivoluzione siamo noi Collezionismo italiano contemporaneo
Dopo l’emergenza Coronavirus che ne aveva interrotto il cammino, dal 26 settembre 2020 al 10 gennaio 2021, riapre la mostra LA RIVOLUZIONE SIAMO NOI. Collezionismo italiano contemporaneo,ospitata da XNL Piacenza Contemporanea.
Brescia - Villa Feltrinelli La magia di Brescia
Se avesse il mare, Brescia potrebbe candidarsi al perfetto riassunto dell’Italia. E, a essere sinceri, vista la quantità e la qualità dell’acqua in grado di ispirare un autentico clima balneare, non è poi del tutto vero che il mare qui non ci sia.
Isernia Fontana Fraterna - credit Eleonora Mancini È il Molise la meta top del 2020
Itinerario nella regione inserita dal New York Times tra i luoghi più belli da visitare nel mondo. A partire da Castel del Giudice (IS), simbolo di rinascita del Molise e delle aree interne d’Italia.
Copyright © 2004-2020 Supero Ltd, Malta MT 2105-2906 Tutti i diritti riservati.