Duomo di Cremona: la facciata Il Duomo di Cremona
Il principale edificio sacro della città, è frutto della religiosità e della fede di innumerevoli generazioni che in esso hanno riconosciuto e rappresentato la città e la sua comunità sociale in tutti i suoi vari aspetti.
Immagini Correlate (3)

I cremonesi, quindi, per secoli si sono identificati nella loro chiesa cattedrale ed in essa hanno profuso parte delle loro ricchezze realizzando di una innumerevole serie di interventi che miravano, quasi sempre, ad aggiornare l'edificio secondo i dettami dello stile e dell'estetica propria dei vari momenti storici lasciando, di conseguenza, un segno identificabile della loro epoca e della storia che questa stessa epoca contrassegnava; per il Duomo di Cremona e per i suoi 1000+ artefice, dal famoso artista all'oscuro muratore o taglia pietre, vale perciò la seguente frase del grande studioso Giulio Carlo Argan secondo il quale “ raramente una cattedrale romanica, con il suo apparato plastico e pittorico, e l'opera di una sola generazione, mai l'espressione di una singola personalità creativa. E' l'espressione creativa E corale di una società che non vuole definirsi soltanto nel presente, ma nel passato che la precede e nel futuro che la prepara. La generazione che eredita il monumento, sia esso finito o ancora in costruzione,Venera in esso l'opera dei padri e vuole tramandarlo ai figli con la propria impronta.Cremona dal Torrazzo

Non è, perciò, un caso che anche la presente guida alla visita del Duomo di Cremona parta proprio dal ricordo di una importante personalità del panorama culturale cittadino purtroppo scomparso dalla scena 16 anni fa nel 1994, col Monsignor Franco Voltini che, con la sua solerte ed approfondita attività di studio e ricerca in campo storico-artistico, ha contribuito, insieme ad altri studiosi, a far meglio conoscere la lunga e complessa storia di questo edificio. Si deve infatti alla sua precisa e puntuale penna la stesura nel 1989, nelle ultime pagine del suo testo “Cremona la cattedrale” Realizzato insieme a Valerio Guazzoni, di un sintetico ma ancora efficacissimo itinerario di visita che riusciva a illustrare in meno di 10 pagine le complesse è plurisecolari vicende storiche di questo edificio rendendo nel contempo per mano il visitatore e guidandolo, con precisione, davanti a tutte le varie emergenze artistiche, dalle maggiori e più eclatanti alle minori e più nascoste.

Dalla fondamentale lettura di quelle pagine nasce perciò il presente scritto, un tentativo, speriamo efficace, di seguire le orme di uno studioso ancora indimenticabile per tanti, riproponendo di quella sua passata esperienza specialmente il taglio scientifico, ma nel contempo piano e divulgativo. Queste pagine vogliono, perciò, offrire la possibilità di compiere una visita del Duomo di Cremona rapida, ma il più esaustiva possibile ed aggiornata con tutte quelle novità di ordine storico e documentario svelate in questi ultimi 15 anni le varie complessi interventi compiuti su questo monumento, restauri che testimoniano sicuramente quanto anche l'attuale generazione di cremonesi, che questo monumento hanno fortunatamente ereditato dei loro padri, continui ad adoperarsi in modo corale.

(La foto del Duomo di Cremona vista dal Torrazzo è di Sailko)

CREMONA: GUIDA ALLA CITTA'

Si ringrazia il Servizio di Promozione Turistica della Provincia di Cremona per l'autorizzazione alla pubblicazione dei testi tratti dall'opuscolo "La Cattedrale di Cremona"

Cerca le altre Guide Cerca le altre Guide
 
Zapping
Alphonse Mucha, “Job”, 1896. © Arwas Archives Art nouveau - Il trionfo della bellezza
Con manifesti, dipinti, sculture, mobili e ceramiche, la mostra - con un corpus di 200 opere - racconta la straordinaria fioritura artistica che ha travolto e cambiato il gusto tra la fine dell'Ottocento e i primi anni del Novecento.
Battistero degli Ariani, la cupola a mosaico Un Cielo d'Oro - Visite guidate gratuite di Primavera
Dal 21 aprile al 1 maggio 2019 visita gratuita a un monumento UNESCO da non trascurare: il Battistero degli Ariani, fatto costruire alla fine del V secolo durante il regno di Teodorico.
Busto d’uomo di profilo con studio di proporzioni Leonardo da Vinci: l’uomo modello del mondo
Per celebrare i cinquecento anni dalla morte di Leonardo da Vinci (1519-2019), le Gallerie dell'Accademia di Venezia presentano, dal 17 aprile al 14 luglio 2019, la mostra “Leonardo da Vinci. L'uomo modello del mondo”.
Justine Emard – La notte dei tempi – Co(AI)xistence. 2019 Legami - Intimità, relazioni, nuovi mondi
Dal 12 aprile al 9 giugno 2019, Reggio Emilia ospita la XIV edizione di Fotografia Europea, il festival promosso e organizzato dalla Fondazione Palazzo Magnani insieme al Comune di Reggio Emilia e alla Regione Emilia-Romagna.
Castel del Giudice - Borgotufi - Esterno Il borgo di Castel del Giudice
Dai terreni in disuso è nato il meleto biologico Melise, da vecchie case l’albergo diffuso Borgotufi, con centro benessere, ristorante e case in legno e pietra che si affacciano sui boschi dell’Alto Molise. Un esempio di turismo sostenibile.
Castello di Carpineti - Foto di Giuseppe Maria Codazzi I Castelli delle Donne
Storie di grandi donne che hanno lasciato il segno, in un viaggio speciale tra i più bei castelli del territorio di Parma, Piacenza e Reggio Emilia. Con Destinazione Turistica Emilia.
Copyright © 2004-2019 MEMOKA P.IVA 08522530966 Tutti i diritti riservati.