Arte Attualita' ed eventi Cultura Moda Musica Rassegne, fiere e sagre
Portfolio – Wild Thought. Johannes Brus, Ottmar Hörl Portfolio – Wild Thought. Johannes Brus, Ottmar Hörl
Alla Biblioteca Nazionale Marciana dal 12 maggio al 28 luglio la mostra “Portfolio – Wild Thought. Johannes Brus, Ottmar Hörl” con il contributo di Dierk Maass, in concomitanza con la 58. Esposizione Internazionale d’Arte de La Biennale di Venezia.

Johannes Brus HirschLa Biblioteca Nazionale Marciana ospiterà dal 12 maggio al 28 luglio prossimi la mostra “Portfolio – Wild Thought. Johannes Brus, Ottmar Hörl” con il contributo di Dierk Maass, in concomitanza con la 58. Esposizione Internazionale d’Arte de La Biennale di Venezia. La mostra è organizzata e curata da Manfred Möller, Minerva Edition.

Johannes Brus espone grandi sculture: un rinoceronte, una composizione con leone, una testa d’elefante e un cavallo. Le sue opere vengono arricchite da degli unicum e da scatti fotografici elaborati fotochimicamente.

Ottmar Hörl, che è conosciuto in tutto il mondo per le sue esposizioni in luoghi pubblici di opere realizzate in serie, espone dipinti di grandi dimensioni, sculture-diamante (due grandi sculture nere), l’Ensamble für Enthusiasten – Ensamble per entusiasta, un omaggio al naturalista Alexander von Humboldt e la scultura a grandezza naturale Mann mit Fernglas - Uomo con binocolo.

In occasione della mostra la casa editrice d’arte Edition Minerva ha realizzato il portfolio “Mappenwerk”: una custodia di grande formato contenente degli unicum di alta qualità e arricchita di opere grafiche. Ogni custodia, rilegata in pelle, contiene relativamente 10 o 11 grafiche di formato 50x68 cm, in pregiata carta realizzata a mano. Gli esemplari contenuti nella “Mappenwerk” verranno esposti in mostra, per la prima volta, nelle vetrine espositive della Biblioteca Nazionale Marciana in concomitanza con la 58° Esposizione Internazionale d’Arte, La Biennale di Venezia.

Concept

Il pensiero guida della mostra si sviluppa a partire dal concetto coniato dall’etnologo francese Claude Lévi-Strauss (1908-2009): “pensiero selvaggio”. Lévi-Strauss definì le strutture di pensiero delle culture primitive e illetterate come strutture mentali facenti parte ancora oggi delle società industrializzate dei nostri tempi.

Il “pensiero selvaggio” viene determinato, in maniera significativa, da un incessante richiesta di ordine. Da questa richiesta scaturiscono le inclinazioni, le essenze, gli oggetti e i fenomeni di ogni tipo che si collegano l’uno con l’altro attraverso un contesto globale e “magico”. Come sostiene Lévi questo pensiero non-empirico si fonda su un “bricolage”, una combinazione improvvisata di singole impressioni dei sensi e di eventi passati che, con l’aiuto della fantasia, vanno a comporre immagini concrete e storie.

Le voluminose ricerche di comparazione culturale, condussero Lévi alla conclusione che la struttura logica del (presunto) primitivo “pensiero selvaggio” e il pensiero dei moderni, in fondo, non abbiano una così grande differenza qualitativa.

In questo modo il concetto del “pensiero selvaggio” trova applicazione anche nell’arte moderna.

Gli artisti

Johannes Brus
Lo scultore e fotografo Johannes Brus è nato nel 1942 a Gelsenkirchen. Ha studiato dal 1964 al 1971 alla Staatlichen Kunstakademie in Duessldorf. Dal 1986 al 2007 è stato Professore alla Hochschule fuer Bildende Kuenste in Braunschweig. Insieme ad altri è stato insignito nel 1979 del Premio Villa Romana a Firenze. Le sue opere sono state presentate in numerose mostre in Germania e all’estero.

Ottmar Hörl
Ottmar Hörl, nato nel 1950 a Nauheim, è un artista concettuale, scultore che si occupa di installazioni, arte d’azione e arte oggettuale. Dal 1975 al 1979 ha studiato alla Staedelschule a Francoforte sul Meno. È stato Professore all’Akademie der Bildende Knste di Norimberga e presidente dal 2005 al 2018. In più di oltre 100 grandi mostre, come per esempio la Biennale d’Architettura di Venezia del 2014, le opere di Hörl sono state presentate ad un pubblico internazionale.

Dierk Maass
Il fotografo Dierk Maass, nato nel 1943 a Hildesheim, Germania, ora residente a Salenstein in Svizzera, contribuisce con una sua opera fotografica.

Informazioni

Annalisa Bruni
Tel. 041.2407238
bruni@marciana.venezia.sbn.it

Luigi Romano Riccardini
Tel. 327.5368143
uff_stampa.stagista@marciana.venezia.sbn.it

Costo del biglietto:
Prenotazione: Nessuna
Luogo: Venezia, Sale monumentali della Biblioteca nazionale Marciana
Indirizzo: Piazza San Marco (Ala napoleonica: ingresso dal Museo Correr) 30124 - Venezia (VE)
Orario: 10.00-19.00 (biglietteria 10.00-18.00)
Telefono: +39 041 2407211
Fax: +39 041 5238803
E-mail: biblioteca@marciana.venezia.sbn.it

Portfolio – Wild Thought. Johannes Brus, Ottmar Hörl
 
Regione
Provincia
Categoria
Reset
Zapping
Pellizza da Volpedo - Sul fienile Pellizza da Volpedo - Sul fienile
Volpedo, paese natale di Giuseppe Pellizza, in provincia di Alessandria, è teatro di un’operazione culturale dal grande significato storico e artistico, dal 2 al 30 giugno 2019.
Notte Europea dei Musei a Napoli Notte Europea dei Musei a Napoli
E’ “Festa dei Musei” nei siti archeologici vesuviani. Il 18 maggio, le aree archeologiche di Pompei, la Villa San Marco a Stabia, la Villa di Poppea ad Oplontis e l’Antiquarium di Boscoreale saranno aperti, in via straordinaria, per la “Notte Europea dei Musei”, dalle 20,30 alle 22,30.
3 giugno 2019 Giornata Mondiale della Bicicletta 3 giugno 2019 Giornata Mondiale della Bicicletta
Percorrere circuiti di montagna, conquistando le vette attraverso salite vertiginose, oppure pedalare tranquillamente, respirando l’aria salubre in riva al mare. Ce n’è davvero per tutti i gusti, e per tutte le velocità, il 3 giugno 2019.
Gonçalo Mabunda - senza titolo Gonçalo Mabunda - Il Creatore nascosto
Dal 19 maggio al 30 giugno 2019, la sede di Pietrasanta (LU) della Galleria Giovanni Bonelli ospita la personale di Gonçalo Mabunda (Maputo, 1975).
Castel del Giudice - Borgotufi - Esterno Il borgo di Castel del Giudice
Dai terreni in disuso è nato il meleto biologico Melise, da vecchie case l’albergo diffuso Borgotufi, con centro benessere, ristorante e case in legno e pietra che si affacciano sui boschi dell’Alto Molise. Un esempio di turismo sostenibile.
Castello di Carpineti - Foto di Giuseppe Maria Codazzi I Castelli delle Donne
Storie di grandi donne che hanno lasciato il segno, in un viaggio speciale tra i più bei castelli del territorio di Parma, Piacenza e Reggio Emilia. Con Destinazione Turistica Emilia.
Copyright © 2004-2019 MEMOKA P.IVA 08522530966 Tutti i diritti riservati.