Arte Attualita' ed eventi Cultura Moda Musica Rassegne, fiere e sagre
Moataz Nasr – The Barzakh - Lo spazio liminale Moataz Nasr – The Barzakh - Lo spazio liminale
Il Polo Museale della Puglia, insieme all’Impresa Leopizzi 1750 e in collaborazione con il concessionario NovaApulia, presenta la grande mostra dell’artista egiziano Moataz Nasr (Alessandria d’Egitto, 1961) invitato a dialogare con gli spazi del castello federiciano più affascinante e misterioso.

Moataz Nasr – The Barzakh - Lo spazio liminale

Castel del Monte rappresenta non soltanto un esempio di grande architettura del passato, ma piuttosto per la sua singolarità sembra poter sempre più diventare il teatro espositivo d’incontro tra diverse culture, afferma Achille Bonito Oliva.
È in quest’ottica che il Polo Museale della Puglia, insieme all’Impresa Leopizzi 1750 e in collaborazione con il concessionario NovaApulia, presenta la grande mostra dell’artista egiziano Moataz Nasr (Alessandria d’Egitto, 1961) invitato a dialogare con gli spazi del castello federiciano più affascinante e misterioso.
Con la curatela di Achille Bonito Oliva, opere site specific e nuove produzioni danno vita al progetto dal titolo The Barzakh / Lo spazio liminale da giugno a novembre 2019. Lo spazio liminale, dalla radice latina limen = soglia, è il concetto che indica l’attraversamento di uno spazio di transizione che genera trasformazione, metamorfosi sino a una nuova coscienza e identità. Riportato a Castel del Monte definisce questo particolare spazio architettonico come la soglia tra due diversi mondi, quello Occidentale e Orientale, che si fondono nell’evidente scambio di conoscenza, citazione e contaminazione. L’artista si è a lungo documentato e interrogato sulla filosofia che può aver ispirato la costruzione del castello. “Il suo attraversamento mi ha posto più domande che risposte – ha dichiarato – ho deciso così di lasciare che l’edificio mi parlasse. Già nel cortile interno, che è il cuore del castello, circondato dalla pietra che delimita la visione del cielo ho percepito la sensazione di una soglia che divideva due mondi. È il concetto di spazio liminale, centrale anche nella cultura Sufi che lo chiama “Barzakh”. Può essere stata questa l’ispirazione? Può essere stato concepito Castel del Monte come uno spazio di trasformazione e metamorfosi?”.
L’artista ha così puntato l’attenzione sull’articolazione degli spazi, osservando la sequenza di finestre, scale, volte. La celebrazione del dettaglio diventa la strategia creativa di Moataz Nasr che propone nuove forme in una serie di sculture in legno e intarsi di madreperla e conchiglie progettate per il primo piano del castello. Mentre nel grande vuoto ottagonale dell’atrio centrale, l’artista rende omaggio alla relazione culturale tra le religioni attraverso la scultura “Minaret” che richiama nella sua astrazione alla spiritualità della propria origine, nella forma di un minareto di legno e vetro. La magnificenza dell’esterno viene celebrata dell’opera “Maze”, un percorso di prato, realizzato sulla geometria di parole dell’antico carattere cufico che porta al suo interno un messaggio di estrema attualità: “No religione in politica e politica in religione”. Moataz Nasr, artista di fama internazionale, nel suo lavoro multimediale e interdisciplinare e lo sconfinamento dei linguaggi realizza un felice corto circuito tra culture e civiltà.
L’intera mostra è un percorso iniziatico che dall’esterno porta all’interno, in un rapporto di scala con l’architettura e la storia, la natura e la memoria che celebra la coesistenza delle differenze.

Le attività espositive e didattiche rientrano nell’ambito del Progetto “Il Grande Racconto” a cura di Nova Apulia e all’avviso pubblico della Regione Puglia relativo alle attività Culturali di cui il Polo Museale è partner.

Moataz Nasr nasce ad Alessandria d’Egitto nel 1961. Ha rappresentato l’Egitto alla 57 ° Biennale di Venezia nel 2017 e partecipato ad appuntamenti internazionali di massimo prestigio come le Biennali di Seoul, San Paolo, Bogotà. In allegato immagini e biografia espositiva. Tra le mostre collettive, ricordiamo la partecipazione nel 2010 a “Intramoenia Extra Art” nel Castello Aragonese di Brindisi, con la direzione scientifica di Achille Bonito Oliva e la curatela generale di Giusy Caroppo. E tra le più recenti: “The See Is My Land”, a cura di Francesco Bonomi ed Emanuela Mazzonis (MAXXI, Roma, 2013); “Metropoli. Afriques Capitales “, a cura di Simon Njami (La Villette, Parigi, 2017); “Sensi del tempo: video e film d’arte africana” (LACMA e The Smithsonian National Museum of African Arts, Washinton, 2017). Nel 2018 è stato invitato a partecipare alla Biennale di Yinchuan, Cina, a cura di Marco Scotini e alla Mostra Internazionale d’Arte Contemporanea (ICAE2018), a Yarevan, in Armenia, a cura di Mazdak Faiznia. Le mostre personali più recenti sono: “The Tunnel”, Galleria Continua / Beijing, 2012 e”Avalanche” Galleria Continua / Les Moulins, 2016. Nel 2017 è stato selezionato per rappresentare l’Egitto durante la 57 ° Biennale di Venezia con l’installazione “The Mountain”. Nel 2018, è stato invitato a partecipare ad “Abu Dhabi Art 2018 Beyond” e a creare un’opera site specific nei siti storici di Al Ain. Tra gli impegni del 2019 la mostra personale in settembre da Galleria Continua a San Gimignano, progetti per Art Dubai Contemporary negli Emirati Arabi, la Cape Town Art Fair in Sudafrica, partecipazioni alla Biennale de L’Havana a Cuba e San Paolo in Brasile.

Costo del biglietto: 10 €; Riduzioni: 3,50 €; Per informazioni 388 3026000
Prenotazione: Facoltativa; Telefono prenotazioni: 388 3026000
Luogo: Andria, Castel del Monte
Indirizzo: località Castel del Monte 70031 - Andria (BT)
Orario: 1 ottobre – 31 marzo: 9.00 – 18.30; 1 aprile – 30 settembre: 10.15 – 19.45. Chiuso 25 dicembre e 1 gennaio
Telefono: 388 3026000
E-mail: casteldelmonte@novaapulia.it

Moataz Nasr – The Barzakh - Lo spazio liminale
 
Regione
Provincia
Categoria
Reset
Zapping
Marc Chagall - Anche la mia Russia ti amerà Marc Chagall - Anche la mia Russia ti amerà
Una mostra importante, di preciso impianto museale, che non intende raccontare “di tutto un po’” ma sceglie un tema preciso e lo approfondisce attraverso una selezione dei suoi capolavori imprescindibili.
Mykonos, 1957 © Piergiorgio Branzi Il giro dell’occhio. Fotografie 1950-2010
L’esposizione presenta 60 immagini che documentano oltre cinquant’anni di carriera del fotografo toscano, uno dei più importanti interpreti del nostro tempo, Novara Castello Visconteo, 23 giugno - 6 settembre 2020.
Tomás Saraceno, Se 60 Flying Garden, 2006 La rivoluzione siamo noi Collezionismo italiano contemporaneo
Dopo l’emergenza Coronavirus che ne aveva interrotto il cammino, dal 26 settembre 2020 al 10 gennaio 2021, riapre la mostra LA RIVOLUZIONE SIAMO NOI. Collezionismo italiano contemporaneo,ospitata da XNL Piacenza Contemporanea.
Lyst Restaurant, 2019, Vejle, Denmark The Design of Collaboration
Dal 19 settembre 2020 al 17 gennaio 2021, KUNST MERAN MERANO ARTE ospiterà la prima mostra in uno spazio pubblico italiano dello Studio Other Spaces (SOS).
Brescia - Circolo Vela Gargnano La magia di Brescia
Se avesse il mare, Brescia potrebbe candidarsi al perfetto riassunto dell’Italia. E, a essere sinceri, vista la quantità e la qualità dell’acqua in grado di ispirare un autentico clima balneare, non è poi del tutto vero che il mare qui non ci sia.
Capracotta Giardino di Flora Appenninica - credit Carmen Giancola È il Molise la meta top del 2020
Itinerario nella regione inserita dal New York Times tra i luoghi più belli da visitare nel mondo. A partire da Castel del Giudice (IS), simbolo di rinascita del Molise e delle aree interne d’Italia.
Copyright © 2004-2020 Supero Ltd, Malta MT 2105-2906 Tutti i diritti riservati.