Arte Attualita' ed eventi Cultura Moda Musica Rassegne, fiere e sagre
Ornamenta Trasparenze tra storia e design Ornamenta Trasparenze tra storia e design
Trasparente come l’acqua di sorgente, come le opere lievi dei maestri vetrai romani, come un monile dai mille trafori che guidano lo sguardo altrove, verso mondi dell’immaginario in cui ognuno, a modo suo, si perde.

Ornamenta trasparenze tra storia e design locandinaTrasparente come l’acqua di sorgente, come le opere lievi dei maestri vetrai romani, come un monile dai mille trafori che guidano lo sguardo altrove, verso mondi dell’immaginario in cui ognuno, a modo suo, si perde.

LA MOSTRA: 12 MAGGIO-14 OTTOBRE 2019

A due anni esatti dal primo appuntamento (nel 2017: Gioielli tra storia e design) ritorna la mostra ORNAMENTA. Trasparenze tra storia e design, promossa da Venice Design Week e dal MiBAC – Polo Museale del Veneto, in collaborazione con l’Associazione Studio D archeologia didattica museologia e il patrocinio dell’Amministrazione Comunale di Adria. Interpreti speciali dell’edizione 2019, gli studenti del Liceo “Bocchi-Galilei” di Adria. Alla mostra è collegato il concorso per opere creative INSTRUMENTADESIGN.
Il dialogo istituito tra passato e futuro in questa seconda edizione della mostra affianca gioielli di designer contemporanei selezionati da Venice Design Week agli splendidi vetri antichi custoditi nei depositi del Museo, solitamente non visibili al pubblico e “portati alla luce” in questa occasione. Nell’allestimento, questo speciale accostamento segue un tema principale comune a tutti gli elementi, quello della trasparenza, declinato secondo diverse suggestioni, rimandi, emozioni e particolari evocativi. Le relazioni tra i gioielli contemporanei e i pregiati e rari reperti del museo contribuiscono così alla lettura degli oggetti stessi e partecipano alla loro valorizzazione.
La piccola esposizione fa parte della rassegna museale #EVASIONI, una serie di mostre iniziata a novembre 2016 e continuata in questi anni con vari contributi, tanto da essere arrivati all’edizione #4 .

Il contemporaneo
I lavori dei designer contemporanei presentati in mostra sono selezionati tra i partecipanti al concorso internazionale Jewelry Venice Design Week Selection con tema "Acqua", edizione 2017 e "Oltre lo sguardo" edizione 2018. I designer Elisabetta Carozzi, Špela Čuk (Slovenia), Francesca Di Virgilio, Susanne Elstner (Germania), Anna Fanigina (Lettonia), Bruno Micolano, Maria Luisa Palazzo, Andreia Popescu (Romania), Cristiana Turano presentano gioielli raffinati e particolari. I materiali utilizzati spaziano da carta, argento, resina, colore acrilico della spilla di Cristiana Turano Campello, al linoleum e inchiostro per xilografia della spilla di Bruno Micolano, all'oro, pietre preziose e diamanti dei gioielli presentati da Maria Luisa Palazzo e Andreia Gabriela Popescu. Anna Fanigina, ha vinto il premio dedicato all'archeologia nel 2017, ed ha scelto dai depositi del museo alcuni vetri romani con cui relazionarsi per creare un'installazione particolare, rafforzata semanticamente dal fatto che la sua collezione, quest’anno, è ispirata al grande poeta romano Ovidio.

L’antico
Ai vetri antichi del Museo di Adria la Direzione del museo, la Dirigenza scolastica del Liceo “Bocchi-Galilei”e i docenti coinvolti hanno dedicato uno dei moduli attivati con i progetti dei fondi strutturali europei PON del MiUR, associato ad attività di alternanza scuola-lavoro. Gli studenti, guidati dalla direttrice del museo, dalle archeologhe dell’associazione culturale Studio D e dal tutor scolastico, hanno partecipato alla selezione di reperti vitrei, suddivisi per classi tipologiche: bottiglie, balsamari, olle, coppe, bicchieri e piatti. Una sezione è dedicata inoltre alle tecniche di lavorazione del vetro.
La valenza dell’attività si è sviluppata su più piani, in quanto i ragazzi hanno redatto su due livelli di lettura le didascalie degli oggetti in mostra, accompagnandole con lavori di ricerca specialistica sfociati nell’elaborazione di approfondimenti tematici e di un vero e proprio racconto, uno storytelling, avente per protagonisti tre “reperti speciali”, per le quali hanno anche composto musica originale. Questo percorso sarà fruibile in mostra da ciascun visitatore sul proprio dispositivo semplicemente per mezzo di QR code associati alle descrizioni analitiche dei reperti e a curiosità legate alle quattro classi rappresentate.

L’esposizione e gli accostamenti

Tutti oggetti in vetro che ricordano le trasparenze dell’acqua, cioè il primo tema del concorso di Venice Design Week, e sono in grado di evocare anche il secondo: il tema/metafora di una trasparenza che va “oltre lo sguardo”.
Il senso dell’accostamento dei reperti antichi ai gioielli creati dai designer è quindi più esplicito per alcuni pezzi e più nascosto, intrigante e legato a giochi di rimando culturale o letterario per altri.
Ecco allora, solo per un esempio, che alla grande cascata di colore dell’opera Fragilia (Francesca di Virgilio), che ricorda i capelli scomposti di una grande Gorgone, vengono associate sia bottiglie romane con plastiche anse a nervature, evocative dello scroscio di una cascata, sia una bottiglia mercuriale, con la quale veniva conservato un "pharmakon" (φάρμακον), che significa “succo curativo”, o, anche, veleno. E, così, si ritorna ai capelli di Medusa...
Oppure, l’imponente collana Charcoal (Susanne Elstner) realizzata dalla designer con carbone di larice e frammenti d’ambra, che viene accostata in mostra non solo alla spilla di Bruno Micolano per grafismi e cromie, ma anche a due preziosi contenitori da Kohl, un ombretto nero per gli occhi, opera forse di officina egiziana del IV sec. a.C., rinvenuti in una tomba che conteneva anche una splendida collana in ambra. E, anche qui, si ritorna così ai due gioielli contemporanei…
Giochi di rimandi intessono anche le relazioni per gli altri oggetti/gioielli: il motivo a meandro di un balsamario rimanda a quello di una spilla di carta che si apre a ventaglio come un libro, opera di Cristiana Turano Campello; la collana a spirale e la parure di gioielli di Andreia Popescu dialogano con i portaprofumi preromani e romani, espressione della beltà femminile; il pendente a bolle di Špela Čuk ricorda le mille iridescenze dell’orlo di un’olla antica.
E così anche per gli altri gioielli in mostra, per arrivare infine all’accostamento, esplicito e potente, dei vetri antichi con l’anello dal sapore antico di Maria Luisa Palazzo, con le opere in vetro della designer Elisabetta Carozzi e con i gioielli di Anna Fanigina, recanti frasi in latino.

→ Prossimo speciale appuntamento, l’APERTURA STRAORDINARIA SERALE DEL MUSEO CON VISITE GUIDATE ALLA MOSTRA, che si
terrà in occasione della Notte Europea dei Musei SABATO 18 MAGGIO, dalle ore 19.30 alle 22.30.

Co-organizzazione: www.venicedesignweek.it
Arte e Design Venezia Associazione culturale

Media partner: GioielloContemporaneo.it VicenzaJewellery.com


Attività Didattica
www.studiodarcheologia.it

Partner tecnici www.vetrateartistichetomanin.it www.cantinacreativa.it www.design33.it

Coordinamento scientifico e artistico
Lisa Balasso Alberta Facchi

Curatela della sezione antica
Alessandra Cuchetti Stefania Paiola

Coordinamento concorso Gioiello
Alice Menegaldo Giulia Cottica

Allestimento Lisa Balasso Alberta Facchi
Leonardo Di Simone

Fotografie reperti archeologici
Olivo Bondesan

Didascalie e apparato multimediale:
Liceo “Bocchi-Galilei”:
Anna Amidei, Iris Ascari, Federico Ballarin, Luca Bardelle, Valeria Bordina, Alisea Bovo, Lorenzo Callegaro, Benedetta Casotto, Giulia Ferro, Selli Fusetto, Francesca Garbin, Greta Gibbin, Benedetta Pietrella, Silvia Rossi, Alessandro Sgobbi, Sara Vallese, Elisa Zanatta, Nicola Zanellato, Milla Zendri Tutor scolastico: Antonio Fabris

Ringraziamenti
Fabrizio Boscarato, Rosa Damiano, Fabiano Fabbri, Giovanna Furlanetto, Romeo Giribuola, Maurizio Malengo, Luciana Nicoletto, Susanna Ruzza, Roberto Sanavio, Silvana Villani, Antonio Zandonà, Daniele Zanirato, Enrico Benetti.

SEI UN CREATIVO? IL CONCORSO INSTRUMENTADESIGN 

Venice Design Week e la Direzione del Museo archeologico nazionale di Adria, con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale, hanno voluto quest’anno affiancare alla esposizione, che ha carattere internazionale per i designer intervenuti, un concorso creativo rivolto a designer locali e internazionali: artisti, artigiani designer di prodotto che dovranno ispirarsi ad uno dei reperti esposti nel Museo archeologico. Ciò nell’intento di rendere gli appuntamenti ideati con Venice Design Week un volano di riflessione continua tra antico e contemporaneo, di creatività, di nuove idee per oggetti o per gioielli ispirati ai mille temi dell’antico. Dalle ceramiche attiche, ai corredi funebri, alle lucerne romane, al vasellame colorato, ai giochi da tavolo antichi, agli splendidi vetri: mille ispirazioni che aspettano di essere sviluppate.
Informazioni su: www.venicedesignweek.com

INSTRUMENTADESIGN
tra antico e contemporaneo – Museo Archeologico Nazionale di Adria

Dove: Museo Archeologico Nazionale di Adria
scadenza concorso: 25 giugno 2019
esposizione: 2019-2020
bando del concorso: www.venicedesignweek.com

Ornamenta Trasparenze tra storia e designOrnamenta Trasparenze tra storia e designOrnamenta Trasparenze tra storia e designOrnamenta Trasparenze tra storia e design
 
Regione
Provincia
Categoria
Reset
Zapping
Michele Riondino & Revolving Bridge Michele Riondino & Revolving Bridge
Dai Clash agli Stray Cats passando per Elvisi e Chuck Berry un viaggio a ritroso nel tempo tra Garage, Surf, Punk, Rockabilly, la banda tarantina capitanata da Michele Riondino.
Fonte Aretusa, Siracusa Fonte Aretusa, Siracusa
La Fonte Aretusa apre al pubblico il prossimo 6 agosto con un percorso di visita che consente di ammirarne dall’interno la bellezza, accompagnati dalle voci italiane di Isabella Ragonese, Sergio Grasso e Stefano Starna.
Ferrara Buskers Festival - David Owens - Foto di Marco Tamburrini Il Ferrara Buskers Festival® ritrova le sue origini
Il Ferrara Buskers Festival® si rinnova, tornando alle origini che nel 1987 hanno reso quell’idea di libertà e di apertura verso la musica e le culture del mondo il cardine su cui costruire la manifestazione.
Tartufo Nero Sapori d'autunno in Emilia Romagna
Quando arriva l’autunno, le manifestazioni, le feste e le sagre spuntano letteralmente come funghi, facendo dei paesi compresi nell’area tra Parma, Piacenza e Reggio Emilia autentici avamposti dei prodotti del sottobosco.
San Francesco del Prato - Abside - Credit Giuseppe Bigliardi San Francesco del Prato
Tutta Parma, e non solo, si stringe intorno al progetto di restauro di San Francesco del Prato, con una raccolta fondi e da un ricco programma di eventi per sostenere la rinascita di un simbolo della “Capitale Italiana della Cultura” per il 2020.
Il Castello di Milazzo Il Castello di Milazzo
La città fortificata di Milazzo, comunemente nota come “il Castello”, sorge sui luoghi dei primitivi insediamenti greci, romani, bizantini, musulmani, ma i primi documenti risalgono al periodo normanno quando viene edificato il Mastio.
Copyright © 2004-2019 MEMOKA P.IVA 08522530966 Tutti i diritti riservati.