Porto della Maremma Maremma: Grosseto, Scansano e Castiglione
Scansano, Grosseto, Castiglione della Pescaia: un affresco di paesaggi, colli, campi colorati dal lavoro agricolo, paesi e cittadelle, di mare e di spiagge, che diventano un mosaico traboccante di architetture ed antiche testimonianze senza tempo.
Immagini Correlate (5)

Uno dei volti più belli, umani e sinceri di questa Maremma così magica, riservata e intima. L'entroterra conserva elementi ormai persi ovunque: è prospero e fatto di campagne naturalmente ferili, che donano prodotti di alta genuinità. La pianura antica è ricca di affascinanti zone umide, rari esemplari faunistici e una flora incontaminata.
Un mare aperto che bagna una costa al suo stato naturale con un litorale dove spiagge fiorite, dune sabbiose, pinete e paludi salmastre si susseguono e si interrompono in insenature che ospitano deliziosi porti turistici e spiagge modernamente organizzate. Viaggiando, ciò che incanta l'ospite e spesso lo lega a sé per sempre è la natura, la creatività, la civiltà di questo modo di essere e vivere in Maremma.
La strada del mare, un'escursione nell'antichità, in una terra che come nessun'altra conserva testimonianze della civiltà etrusca e ancora, un viaggio fra borghi e paesi dove il sapore e l'arte del Medioevo restano fortemente radicati.

 

GROSSETO

Grosseto La bella e nobile città è il centro vitale della Maremma. Grosseto si adagia nella verde pianura solcata dal basso Ombrone e le sie origini risalgono alla potente Roselle etrusca e romana.

Passeggiando fra monumenti militari, religiosi e civili, è possibile ripercorrere i dodici secoli di storia individuando, ad uno ad uno, gli strati dei periodi e delle dominazioni che si sono succedute. Indietro nel tempo non è possibile andare e si possono solo immaginare le imbarcazioni etrusche navigare nel pescoso Lago Prile, che dalla costa si estendeva fino alla città di Roselle, sommergendo il territorio grossetano. Originariamente, infatti, intorno a Grosseto vi era un ampio golfo marino che nel corso dei secoli andò trasformandosi in laguna ricca di paludi e canneti.

La città cominciò a svilupparsi, intorno al 935, dopo la devastazione che subì Roselle da parte dei Saraceni e divenne civitas nel 1138 quando Innocenzo II vi trasferì, dall'antica città etrusca, anche la sede vescovile. Dall' XI secolo diventò feudo degli Aldobrandeschi, per passare, poi, sotto il dominio senese seguendone le sorti e cadendo anch'essa, nel 1559, sotto Cosimo dè Medici. La nobile famiglia fiorentina incentivò la ripresa economica grazie ai lavori di bonifica: l'escavazione di canali, la costruzione della cinta muraria e di edifici di pubblica utilità.

Successivamente, l'avvento dei Lorena (XVIII secolo) favorì la definitiva rinascita del capoluogo maremmano. Il centro, con la mirabile cinta muraria esagonale, il Duomo e il Cassero Senese, racconta le diverse anime che hanno abitato la città.   Le Mura Medicee, giunte fino ai nostri giorni praticamente intatte, sono un complesso circuito difensivo dotato di 6 bastioni che fungevano da posti di guardia. Su tutti spicca la Fortezza, una vera e propria cittadella fortificata dominata dall'imponente costruzione del Cassero Senese risalente al 1344 e inglobato, nel '500, all'interno delle mura. Dell' XI-XII secolo rimane la Chiesa di San Pietro lungo il corso Carducci, la via centrale della città. L'edificio conserva una pregevole abside romanica e sulla facciata si possono ammirare alcune pietre scolpite nel periodo altomedievale.

Poco distante si trova l'austera Chiesa di San Francesco, in stile gotico-francescano, con l'altare principale impreziosito dalla maestosa tavola attribuita a Duccio di Buoninsegna. Accanto alla chiesa, il chiostro dell'antico convento incornicia l'antico pozzo rinascimentale, detto “della Bufala”, del 1590.

Nella piazza centrale sorge la cattedrale del 1200 dedicata al patrono San Lorenzo. Il Duomo fu costruito sui resti di una chiesa della fine del XII secolo, di cui furono riutilizzate le quattro bellissime sculture degli evangelisti che ornano la facciata. Altre parti trecentesche residue sono il ballatoio, il bellissimo rosone, due finestroni e il portale del fianco meridionale. All'interno della chiesa meritano una visita il fonte battesimale in marmo, la pila dell'acqua santa e splendida tempera su tavola del XV secolo, attribuita a Matteo di Giovanni, raffigurante la Madonna in trono tra gli Angeli e riconosciuta come una delle opere d'arte più significative presenti in città.

Risalendo la vallata si arriva a centri ricchi di monumenti storici e d'arte come l'area archeologica di Roselle, una delle principali dodecapoli etrusche, ben segnalata con pannelli esplicativi in quattro lingue, famosa per i commerci, le terracotte che si producevano nelle sue botteghe e per il raro esempio di fortificazione etrusca che è rimasto.

Arrichiscono il territorio frazioni come Montepescali, un piccolo borgo arroccato sulla cima di un colle cinto da mura medioevali, caratteristico per le sue strutture trecentesche e per il panorama che offre, tanto da essere ricordato come “il balcone della Maremma”.

Interessanti sono anche centri come il pittoresco borgo di Istia d'Ombrone, Batignano, che conserva resti di mura e un cassero, Braccagni, un moderno paese in via di sviluppo e, poco distante da Grosseto, Marina di Grosseto, un esteso e moderno centro balneare allineato lungo una grande spiaggia a ridosso di una magnifica e profonda pineta.

Infine Alberese, regno di Butteri, con uno degli ingressi al Parco Ragionale della Maremma, dove la macchia mediterranea, la fauna che vive allo stato libero, i villaggi preistorici, etruschi e medioevali, tra cui, interessantissimi, l'Abbazia di San Rabano, si fondono a tal punto che resta difficile distinguere l'opera della natura da quella dell'uomo.

Museo Archeologico e d'Arte della Maremma
Il museo, nato grazie alla donazione del canonico Giovanni Chelli nel 1865, illustra l'archeologia della Maremma dalla preistoria al Medioevo. Il percorso espositivo si articola in 5 sezioni.
La prima raccoglie materiali propri della collezione del canonico Chelli, fra i quali si distingue ke nota “ciotola di bucchero” con alfabetario arcaico. Nella seconda sezione, dedicata ai risultati degli scavi di Roselle condotti fino ad oggi, i materiali sono esposti cronologicamente (dalla fondazione della città al Medioevo) e per tematismi in base all' analisi dei singoli complessi monumentali; in questa sede molto importanti sono i reperti delle case orientalizzanti ed arcaiche, i cicli statuari della “Domus degli Augustali”, e della “Basilica dei Bassi”. La terza sezione illustra le realtà storico-archeologiche dei principali centri antichi della provincia di Grosseto. Nelle ultime due sezioni sono ospitati rispettivamente il Museo di Arte Sacra della Diocesi di Grosseto, con opere di scuola senese dal XIII secolo in poi, e documenti archeologici relativi al Medioevo in Maremma, con particolare attenzione alla storia del capoluogo.

Museo Civico di Storia Naturale della Maremma
Fondato nel 1960, illustra le caratteristiche dell'ambiente naturale della zona, esponendo circa 1000 oggetti fra materiale paleontologico, raccolte di botanica, di minerali, di coleotteri e di mammiferi naturalizzati. In particolare sono presenti ossa di animali preistorici e di animali come tigri, elefanti e leoni, che sono vissuti in questi territori prima dell'affermarsi dell'uomo.

Acquario Comunale
L'acquario è stato realizzato in una troniera delle mura medicee della città e permette di conoscere i numerosi esemplari di flora e fauna del Mar Tirreno raccolti lungo le coste e intorno alle isole del mare grossetano e conservati in numerose vasche. Completano la visita un'ampia collezione di conchiglie e numerose immagini che completano la documentazione del panorama marino.

Museo Civico di Storia Locale “Ildebrando Imberciadori”
La struttura si compone di un piazzale antistante l'ingresso dove sono esposte antiche macchine agricole (seminatrici, falciatrici, aratri, carri e calessi) e di 5 locali interni con oltre 1000 pezzi fra oggetti e documenti storici. 

 

Castiglione CASTIGLIONE DELLA PESCAIA

Castiglione della Pescaia è una fra le rinomate e attrezzate località balneari della Maremma, che ha saputo diventare una meta turistica fra le più efficienti e attraenti della Toscana. L'antico centro si sviluppa su uno sprone del Monte Petriccio e domina, con i suoi torrioni, uno dei più dolci panorami maremmani. Le possenti mura con 11 torri, 3 portali e il castello del XV secolo conservano inalterato il loro fascino medioevale, insieme a piccole vie di pietra viva, gli antichi portali, nicchie e arcate che si susseguono in ogni angolo. Originariamente, ad est del paese, si estendeva l'antico Lago Prile, possedimento etrusco, poi divenuto Portus Traianus sotto i Romani, che con il passare dei secoli andò prosciugandosi lasciando una vasta palude che fu sanata dalla grande opera di bonifica del Granduca Leopoldo. Di quell'area oggi rimane la Riserva Naturale della Diaccia Botrona, considerata la più significativa zona umida d'Italia e di importanza internazionale per il raro ecosistema che possiede. Il paese è un antico borgo di pescatori, come tramanda l'appellativo della Pescaia, e nel pittoresco porto-canale trovano posto imbarcazioni da riporto e ogni sera attraccano le barche da pesca con il loro carico.

Molto esteso è il polmone verde che lo circonda, dove convivono armoniosamente la componente animale, caratterizzata da un'interessante e spettacolare avifauna, ed una variegata flora. All'interno del suo territorio è anche possibile compiere passeggiate a piedi a cavallo o in bicicletta lungo strade asfaltate o sentieri che si addentrano nel sottobosco tra il muschio e gli aghi di pino. Il mare è incontaminato e le lunghissime spiagge di sabbia fine e chiara si estendono sino ai margini della pineta. Qui il turista può trovare tutto quello che desidera per praticare sport velici e godersi una vita balneare intensa, ricca di innumerevoli possibilità di svago e di divertimento; ma si possono anche trovare ampi spazi di litorale dove contemplare la natura incontaminata lontano dal rumore e dll' affollamento degli stabilimenti balneari. Meritano una visita anche i dintorni di Castiglione della Pescaia ricchi di località affascinanti come: Vetulonia, una delle più importanti città etrusche, dove è visitabile l'importante necropoli e il museo archeologico.; Tirli, un borgo dove è facile capire com'era la vita nelle Maremma di un tempo, famoso per la cucina rustica e genuina; l'antichissimo Buriano, con il suo castello medioevale e una vista panoramica di grande ampiezza sulla Maremma; infine, a circa 15 km da Castiglione della Pescaia, Punta Ala, una località turistica con attrezzature balneari e alberghiere di alto livello, famosa per il suo porto dotato di attrezzature fra le più complete e all'avanguardia del Mediterraneo.

Museo Civico Archeologico “Isidoro Falchi”
Il Nuovo Museo Archeologico, intitolato al medico condotto Isidoro Falchi, che alla fine dell'800 riscoprì nelle vestigia archeologiche di Colonna di Buriano i resti dell'antica città etrusca di “VETLUNA”,ospita oggi una discreta quantità di reperti recuperati nelle necropoli e nei resti dei quartieri abitativi della Vetulonia etrusca romana. L'”Antiquarium” riveste un interesse singolare si aper la presenza di pezzi di notevole pregio storico-archeologico, sia per la documentazione delle varie facies culturali del Paese che servono ad integrare e completare la visita agli Scavi della Città e alla Necropoli. Gli oggetti, esposti lungo un percorso cronologico e topografico nelle sei sale dedicate alla mostra permanente, consentono al visitatore di recuperare l'immagine e la storia di un centro che, vissuto tra il x e il I secolo a. C., rappresentò una delle principali città delle “dodecapoli” etrusca.

 

SCANSANO

Scansano nasce nell'entroterra collinare maremmano lungo una fascia di terra fra la costa e le pendici del Monte Amiata. Chi per la prima volta giunge in questa zona ne rimane affascinato e al tempo stesso stupito per la particolarità dei paesaggi e l'insolita armonia che li concilia.  Se ampi tratti restano selvaggi e rudi dove l'uomo sembra non essere ancora arrivato e dove gli ambienti naturali offrono intatta la loro selvaggia bellezza, altri ricordano subito una storia collinare dalla secolare vocazione vinicola, oggi produttrice di quel vino rosso chiamato Morellino che è diventato fra le DOC Botti
 italiane più conosciute e apprezzate nel mondo.

I filari di viti e gli ulivi rigano le colline, mentre le greggi punteggiano le campagne e i cavalli pascolano nei prati: scenari veri di un mondo rurale autentico che caratterizza in modo indelebile il panorama. Scansano però non è soltanto un'immersione nella natura e nei sentieri della macchia mediterranea fiorita di ginestre, cisto e corbezzolo, è anche un centro storico ricchissimo di testimonianze monumentali risalenti all'Alto Medioevo e al '400 toscano.

Abitato sin dall'antichità dagli etruschi e dai romani, come testimonia il sito archeologico di Ghiaccio Forte, fu dominato dagli Aldobrandeschi e poi dai conti di Santa Fiora, nel XVI secolo. Dopo una fase di stasi politico-sociale nel periodo mediceo, il paese registrò un crescente sviluppo demografico ed urbanistico sotto i Granduca di Lorena, quando venne instituita la cosiddetta “estatura”, ovvero il periodo estivo durante il quale vi si trasferivano gli uffici pubblici di Grosseto, e il borgo assunse l'assetto che tutt'oggi lo caratterizza.   Diversi edifici quattro e cinquecenteschi si affacciano sulla via principale, come l'interessante Palazzo Vaccarecci, riconoscibile dallo stemma della famiglia posto sulla facciata, la romanica Chiesa di San Giovanni Battista e la piazzetta del Pretorio con l'omonimo palazzo che fu sede dei pubblici uffici grossetani durante “l'estatura”.  All'esterno del centro storico si trovano la chiesa della Madonna delle Grazie, denominata anche “chiesa della Botte”, ampliamente rimaneggiata nel 1862, il Convento del Patrero, già Castello Aldobrandesco e l'interessante Castello di Montepò, una massiccia e intatta fortezza della prima metà del '500 cinta da un alto muro con quattro torrioni d'angolo di rinforzo. Molto caratteristici sono anche i dintorni di Scansano. A Montorgiali è degna di attenzione la Chiesa di San Biagio, di origine romanica, e il possente edificio del Cassero, con finestre ad arco tondo, feritoie e resti delle mensole dei piombatoi; ma anche gli altri agglomerati urbani quali Murci, Pancole., Poggioferro, Polveraia e Cotone sono antichissime origini e tutti da scoprire.

Museo Archeologico
Il museo offre una panoramica sul percorso storico che ha interessato questa area, dalle frequentazioni preistoriche fino alle testimonianze del santuario, dell'abitato fortificato etrusco di Ghiaccio Forte e della villa romana di Aia Nova. Accompagnano l'esposizione dei reperti archeologici, dove, fra i tanti, molto interessanti sono gli oggetti sacri, ricostruzioni plastiche e ambientali nonché un approfondito sistema di immagini e pannelli esplicativi.

Museo delle Vite del Vino 
Gli ambienti del museo ripercorrono la storia passata e presente delle vite e del vino con l'intenzione di valorizzare la cultura e le tradizioni del territorio e di fornire informazioni sui vini prodotti nel comprensorio. L'allestimento è suddiviso in 5 aree diverse: storica (archeologia del vino); della produzione; del ciclo della vite e del vino; delle tradizioni (laboratorio del gusto); dell'informazione.

  

Testi ed immagini sono pubblicati per gentile concessione dell' APT Maremma, proprietaria del materiale.

Cerca le altre Guide Cerca le altre Guide

Soggetti Correlati

 

Golf (5)

 

Outlet e spacci aziendali (2)

 

Terme (1)
 
Zapping
Milano fashion week 2019 Milano fashion week 2019
Dal 19 al 25 febbraio a Milano i più grandi marchi della moda italiana presentano le collezioni per l'autunno inverno 2019 2020
Chagall, Sogno d’amore Chagall, Sogno d’amore
Per la prima volta a Napoli, la poetica magia di Marc Chagall raccontata attraverso l’esposizione di 150 opere presso la Basilica della Pietrasanta – Lapis Museum di Napoli dal 15 Febbraio al 30 Giugno 2019.
La Boldini e la moda La Boldini e la moda
Dal 16 febbraio al 2 giugno 2019, Palazzo dei Diamanti, la mostra indagherà, per la prima volta, il lungo e fecondo rapporto tra Boldini e il sistema dell'alta moda parigina e il riverbero che questo ebbe sulla sua opera di ritrattista.
Nel Segno del Giglio Emilia in Fiore
Dal 23 marzo al 19 maggio 2019, nel territorio della Destinazione Turistica Emilia – tra Parma, Piacenza e Reggio Emilia – sbocciano esclusivi eventi dedicati ai fiori, alle piante e ai giardini.
Castello di Carpineti - Foto di Giuseppe Maria Codazzi I Castelli delle Donne
Storie di grandi donne che hanno lasciato il segno, in un viaggio speciale tra i più bei castelli del territorio di Parma, Piacenza e Reggio Emilia. Con Destinazione Turistica Emilia.
Interno del Duomo - AAST Messina Messina e dintorni
Situata sulla punta settentrionale della Sicilia, nota anche come "città dello stretto", Messina accoglie il viaggiatore che sbarca su questa meravigliosa isola così ricca di profumi, leggende, storia e tutti le sfumature della terra, del sole.
Copyright © 2004-2019 MEMOKA P.IVA 08522530966 Tutti i diritti riservati.