Arte Attualita' ed eventi Cultura Moda Musica Rassegne, fiere e sagre
Per tutti la morte ha uno sguardo, di Mario Giacomelli Per tutti la morte ha uno sguardo, di Mario Giacomelli
Dal 29 novembre 2017 al 18 giugno 2018 allo spazio Marras saranno esposti oltre cinquanta scatti delle serie più conosciute del fotografo marchigiano che testimoniano la sua indagine sullo strazio della realtà, come La zia di Franco (1981/1983).

Per tutti la morte ha uno sguardo, di Mario Giacomelli

Per tutti la morte ha uno sguardo riprende un verso dalla poesia di Cesare Pavese: Verrà la morte e avrà i tuoi occhi che Mario Giacomelli ha scelto come titolo per la serie fotografica sull'ospizio di Senigallia, con cui instaura un profondo legame sin dal 1954 e dove realizza alcune delle sue serie più famose.
Saranno esposti oltre cinquanta scatti delle serie più conosciute del fotografo marchigiano che testimoniano la sua indagine sullo strazio della realtà, come La zia di Franco (Ospizio) (1981/1983), E io ti vidi fanciulla (Ospizio) (1981/1983), Metamorfosi della terra (Paesaggi) (1955/anni Ottanta), Presa di coscienza sulla natura (Paesaggi) (1976/anni Novanta), Motivo suggerito dal taglio dell’albero (1967/69), Poesie in cerca d’autore (1970/2000).
La mostra si sviluppa a partire dal primo scatto realizzato da Giacomelli: Approdo (1953), una foto scattata sul bagnasciuga, la vigilia di Natale del 1953, che ritrae un’onda dove tutto ciò che è visibile si smaterializza nel bianco della spuma, mentre rimane nitida una ciabatta trasportata dalle onde sulla battigia, con sopra una stella marina: un richiamo all’Uomo e a quello che ne rimane dopo il passaggio del tempo. Emergono qui tutta la tecnica e lo stile fotografico che contraddistingueranno poi Mario Giacomelli: l’immagine bruciata, i forti contrasti e l’ambientazione mossa, completamente sfuocata, che va contro ogni canone fotografico classico di pulizia formale.
Nella serie dei Paesaggi, capitolo cardine della sua opera, gli scatti eliminano l’unico punto di riferimento principale: il cielo. I paesaggi sono materia viva e pura, senza mediazioni né distrazioni. La scomparsa dell’orizzonte, il rifiuto dei mezzitoni, i contrasti nettissimi con il bianco che si innesta profondamente nel nero sono, per l’artista, l’indice di una natura che pulsa, che vive, di cui Giacomelli ritrae i “segni del suo paesaggio”. E nella rugosità di un albero (Motivo suggerito dal taglio dell’albero) o nei solchi dei campi arati Giacomelli rivede i volti segnati dai patimenti dei contadini, degli ospiti della casa di cura, degli anziani.
La libertà della tecnica che la fotografia scopre in quegli anni, è servita a Giacomelli per superare i limiti del neorealismo con il quale si è formato, per approdare a un linguaggio diverso e personale in cui lo spettatore, l’artista e il soggetto raffigurato convivono tutti nella stessa scena, in uno sconfinamento e in uno spazio polidimensionale in cui l’arte si amalgama con la vita. La sua fotografia è lotta con la materia che si svolge sulla superficie: urla sulla carta e si trasforma in forme animate; oppure viene azzerata e resa muta attraverso l’utilizzo del bianco e del nero completamente piatti, abilmente ottenuti nel lavoro di camera oscura.

Inaugurazione: 28 novembre ore 19.00 

Prenotazione: Facoltativa
Luogo: Milano, Nonostante Marras
Indirizzo: via Cola di Rienzo, 8
Città: Milano
Provincia: MI
Regione: Lombardia
Orario: da lunedì a sabato, 10.00 – 19.00; domenica 12.00 – 19.00
Telefono: +39 02 76280991
E-mail: bottega@antoniomarras.it

Per tutti la morte ha uno sguardo, di Mario Giacomelli
 
Regione
Provincia
Categoria
Reset
Zapping
Pordenone Blues Festival 2-7 luglio 2018 Pordenone Blues Festival 2-7 luglio 2018
Dal 2 al 7 luglio 2018, al parco San Valentino di Pordenone un appuntamento con la grande musica: Anastacia, Level 42, Glenn Hughes (ex Deep Purple), Dr Feelgood (unica data in Italia)
Un’estate da Re, la grande musica alla Reggia di Caserta Un’estate da Re, la grande musica alla Reggia di Caserta
27 giugno – 7 agosto, dieci appuntamenti, un inizio travolgente con la Nona di Beethoven diretta da Juraj Valčuha e la chiusura affidata alla star dei palcoscenici lirici, il tenore Jonas Kaufmann, in coppia con il soprano Maria Agresta.
AccademiaNazionaleDanza Progetto Lunga Vita Festival 2018
Dal 13 al 20 luglio, Progetto Lunga Vita Festival porterà il teatro sul grande palcoscenico dell'Accademia Nazionale di Danza sull'Aventino. Fra gli artisti coinvolti, Stefano Benni, Ascanio Celestini, Giorgio Colangeli, Maddalena Crippa.
Legesse,woven-yellow,-2016,-acryl-on-canvas,-110x130-cm_light Territori intrecciati Al di là del mare
La Galleria Mizar apre le porte a Michael Tsegaye e Engdaget Legesse, con l’esposizione Territori intrecciati, dal 19 giugno al 14 luglio, in collaborazione con Monica Cembrola for Art Foundation.
Chiesa dei Catalani - AAST Messina Messina e dintorni
Situata sulla punta settentrionale della Sicilia, nota anche come "città dello stretto", Messina accoglie il viaggiatore che sbarca su questa meravigliosa isola così ricca di profumi, leggende, storia e tutti le sfumature della terra, del sole.
Trento Guida alla città di Trento
Circondata da immense e tranquille vallate punteggiate da castelli e laghi, è meta turistica sia nella stagione estiva che invernale. I vecchi borghi, le chiese ed i castelli, formano un intreccio di itinerari ed atmosfere fantastiche.
Copyright © 2004-2018 MEMOKA P.IVA 08522530966 Tutti i diritti riservati.