Arte Attualita' ed eventi Cultura Moda Musica Rassegne, fiere e sagre
Editoria e cultura nella Napoli spagnola della prima metà del ‘500 Editoria e cultura nella Napoli spagnola della prima metà del ‘500
In esposizione alla Biblioteca Nazionale di Napoli fino al 10 gennaio, il più bel libro napoletano del Quattrocento, l’Esopo di Francesco Del Tuppo del 1485, perfettamente conservato, rilegato stupendamente, con coperta in marocchino rosso.

PalladiaIn occasione del Convegno di Studi “In onore di Pallade : La Propalladia di Torres Naharro per Ferrante d’Ávalos e Vittoria Colonna Celebrazioni del V Centenario dell’editio princeps (Napoli, 1517) “ che si tiene a Napoli il 1 e 2 dicembre, la Biblioteca Nazionale inaugura la mostra "Editoria e cultura nella Napoli spagnola della prima metà del ‘500 "( a cura di M. G. Mansi, S. Pignalosa e D. Bacca).

In esposizione (fino al 10 gennaio), il più bel libro napoletano del Quattrocento, l’Esopo di Francesco Del Tuppo del 1485, perfettamente conservato, rilegato stupendamente, con coperta in marocchino rosso, a fregi d' oro, insieme ad altri rari testi della fortunata stagione dell’incunabulistica aragonese a Napoli ed a preziosi manoscritti esemplati a Napoli, come le Sentenze di Plutarco del 1485 e il De terremotu di Gianniozzo Manetti .

In mostra, le opere di Sannazaro, di Nifo e di altri esponenti della cultura cinquecentesca e quasi tutte le edizioni di Giovanni Pontano stampate da Sigismondo Mayr, lo stampatore che diede inizio alla vicenda della tipografia napoletana del Cinquecento. Mayr giunse a Napoli quando Gonzalo de Cordoba assunse la carica di viceré nel 1503 dando impulso alla pubblicazione di opere di autori dell’umanesimo napoletano . Nella città partenopea Mayer si legò instaurando un lungo sodalizio con l’umanista Pietro Summonte discepolo di Giovanni Pontano, esponente di spicco dell'umanesimo napoletano che appunto nel 1503 assunse la guida dell’ Accademia Pontaniana, carica che resse fino al 1526, quando la presidenza dell'accademia passò a Jacopo Sannazaro. Alla morte di Mayr nel 1517 la vedova Caterina de Silvestro (che in seguito sposa Evangelista Presenzani ) continuò a portare avanti la stamperia del marito, che sarà una delle quattro officine tipografiche che fino al 1526 lavoreranno a Napoli, insieme a quella di Giovanni Antonio de Canneto, quella di Giovanni Pasquet de Sallò, ed a quella di Antonio Frezza .

La Propalladia di Torres Naharro, si inserisce in questo contesto, appare a Napoli il 16 marzo del 1517, l’anno seguente la morte di Ferdinando il Cattolico e segna una nuova tappa della storia tipografica e culturale della città. l’edizione in lingua castigliana è tra le principali opere in spagnolo stampate a Napoli per favorire l’integrazione tra la città e la dinastia regnante.

 

 

Costo del biglietto: evento gratuito
Prenotazione: Nessuna; Telefono prenotazioni: +39 081 7819231 (visite guidate)
Luogo: Napoli, Biblioteca nazionale 'Vittorio Emanuele III'
Indirizzo: piazza Plebiscito, 1 80132 - Napoli (NA)
Telefono: +39 0817819111 Fax: +39 081403820
E-mail: bn-na@beniculturali.it;mbac-bn-na@mailcert.beniculturali.it
Orario: lunedì-venerdì: 9.00-19.00; sabato: 9.00-13.30 inaugurazione sabato 2 dicembre: 11.00 chiusa sabato 9 dicembre

Editoria e cultura nella Napoli spagnola della prima metà del ‘500
 
Regione
Provincia
Categoria
Reset
Zapping
Pordenone Blues Festival 2-7 luglio 2018 Pordenone Blues Festival 2-7 luglio 2018
Dal 2 al 7 luglio 2018, al parco San Valentino di Pordenone un appuntamento con la grande musica: Anastacia, Level 42, Glenn Hughes (ex Deep Purple), Dr Feelgood (unica data in Italia)
Un’estate da Re, la grande musica alla Reggia di Caserta Un’estate da Re, la grande musica alla Reggia di Caserta
27 giugno – 7 agosto, dieci appuntamenti, un inizio travolgente con la Nona di Beethoven diretta da Juraj Valčuha e la chiusura affidata alla star dei palcoscenici lirici, il tenore Jonas Kaufmann, in coppia con il soprano Maria Agresta.
AccademiaNazionaleDanza Progetto Lunga Vita Festival 2018
Dal 13 al 20 luglio, Progetto Lunga Vita Festival porterà il teatro sul grande palcoscenico dell'Accademia Nazionale di Danza sull'Aventino. Fra gli artisti coinvolti, Stefano Benni, Ascanio Celestini, Giorgio Colangeli, Maddalena Crippa.
Tsegaye,Layers-of-movement-II,-2017,-digital-photography-(Platinum-Baryta-300-paper),-50x50-cm_light Territori intrecciati Al di là del mare
La Galleria Mizar apre le porte a Michael Tsegaye e Engdaget Legesse, con l’esposizione Territori intrecciati, dal 19 giugno al 14 luglio, in collaborazione con Monica Cembrola for Art Foundation.
Altare Santuario Sant\'Antonio - AAST Messina Messina e dintorni
Situata sulla punta settentrionale della Sicilia, nota anche come "città dello stretto", Messina accoglie il viaggiatore che sbarca su questa meravigliosa isola così ricca di profumi, leggende, storia e tutti le sfumature della terra, del sole.
Trento Centro dall\'alto Guida alla città di Trento
Circondata da immense e tranquille vallate punteggiate da castelli e laghi, è meta turistica sia nella stagione estiva che invernale. I vecchi borghi, le chiese ed i castelli, formano un intreccio di itinerari ed atmosfere fantastiche.
Copyright © 2004-2018 MEMOKA P.IVA 08522530966 Tutti i diritti riservati.