Arte Attualita' ed eventi Cultura Moda Musica Rassegne, fiere e sagre
Joan Miró: Materialità e Metamorfosi Joan Miró: Materialità e Metamorfosi
La mostra riunisce ben ottantacinque tra quadri, disegni, sculture, collages e arazzi, tutti provenienti dalla straordinaria collezione di opere del maestro catalano di proprietà dello Stato portoghese. Dal 10 marzo al 22 luglio a Padova.

MiròLa mostra riunisce ben ottantacinque tra quadri, disegni, sculture, collages e arazzi, tutti provenienti dalla straordinaria collezione di opere del maestro catalano di proprietà dello Stato portoghese.

Nella sua esplorazione della materialità, Miró fu eguagliato forse solo da Paul Klee. Di certo Miró allargò in maniera decisiva i confini delle tecniche di produzione artistica del Ventesimo secolo.
E il percorso espositivo, focalizzandosi sulla trasformazione dei linguaggi pittorici che l'artista catalano iniziò a sviluppare nella prima metà degli anni Venti, documenta le sue metamorfosi artistiche nei campi del disegno, pittura, collage e opere di tappezzeria.
L’emozionante sequenza di opere proposta dalla mostra, evidenzia il pensiero visuale di Miró, il modo in cui egli ha saputo lavorare con tutti i sensi, dalla vista al tatto, ed esplora, al contempo, i processi di elaborazione delle sue creazioni.

L’importante Collezione Miró che debutta a Padova ha una storia recente piuttosto fortunosa. Le opere, furono di proprietà del Banco Português de Negociós, che tra il 2004 e il 2006 le aveva acquistate da una importante collezione privata giapponese. Il Banco nel 2008 venne nazionalizzato dallo Stato portoghese che, in fase di forti difficoltà economiche, decise di mettere sul mercato la prestigiosa Collezione. Incaricata della vendita fu Christie’s che, nel 2014, decise di porla all’asta presso la sua sede di Londra.

Ciò ha portato a una protesta immediata, e l'asta è stata prima rinviata e poi cancellata, così le opere di Miró sono rimaste in Portogallo. Sono state esposte pubblicamente per la prima volta al Museo Serralves di Porto, tra ottobre 2016 e giugno 2017, in una mostra che ha avuto oltre 240.000 visitatori, un evento che si è dimostrato essere una delle mostre di maggior successo della recente stagione espositiva portoghese. Prima di raggiungere Padova, la collezione è stata ospitata anche dal Palazzo Nazionale Ajuda a Lisbona con lo stesso titolo, Joan Miró: Materialità e Metamorfosi.

La mostra che Palazzo Zabarella propone al suo pubblico, copre un periodo di sei decenni della carriera di Joan Miró, dal 1924 al 1981. Concentrandosi in particolare sulla trasformazione dei linguaggi pittorici che l'artista catalano iniziò a sviluppare nella prima metà degli anni Venti. Documenta le sue metamorfosi artistiche nei campi del disegno, pittura, collage e opere di tappezzeria. Il pensiero visuale di Miró, il modo in cui lavora con i sensi, dalla vista al tatto, e i processi di elaborazione delle sue opere si osservano nel dettaglio.
Nel corso della carriera, Joan Miró (1893-1983) ribadì sempre l'importanza della materialità come fondamento della propria pratica artistica. Ciò non significa che i materiali gli imponessero tutti gli aspetti della raffigurazione: in diversi momenti egli produsse elaborati bozzetti preparatori anche per le opere più spartane e apparentemente spontanee. Ma è fuor di dubbio che il rapporto tra mezzo e tecnica abbia influito su tutti gli aspetti della sua produzione, dai primi quadri e collages fino agli ultimi lavori sotto forma di sculture e arazzi.
Nel duplice ruolo di artefice e trasgressore della forma del modernismo del Ventesimo secolo — pittore e antipittore al tempo stesso — Miró sfidò il concetto stesso di specificità del mezzo, come questa ampia rassegna ha il merito di evidenziare in modo spettacolare

 

 

Costo del biglietto: 13,00 €; Riduzioni: 11,00 €; 7,00 € ragazzi dai 6 ai 17 anni
Prenotazione:Facoltativa
Luogo: Padova, Palazzo Zabarella
Indirizzo: via Zabarella, 14
Città: Padova
Provincia: PD
Regione: Veneto
Orario: Dal martedì alla domenica: 9.30-19.00;la biglietteria chiude alle 18.15.Chiuso il lunedì; (lunedì 2 aprile e lunedì 30 aprile aperto)
Telefono: +39 049 8753100
E-mail: info@palazzozabarella.it

Joan Miró: Materialità e Metamorfosi
 
Regione
Provincia
Categoria
Reset
Zapping
Sebastião Salgado - Genesi Sebastião Salgado - Genesi
Genesi è l’ultimo grande lavoro di Sebastião Salgado, il più importante fotografo documentario del nostro tempo in mostra alla Venaria Reale di Torino dal 22 marzo al 16 settembre 2018.
Archimede a Siracusa Archimede a Siracusa
Apre al pubblico il prossimo 26 maggio presso la Galleria Civica Montevergini di Siracusa, visitabile fino al 31 dicembre 2019, per conoscere da vicino una delle più geniali figure dell’intera storia dell’umanità.
I  Musei  Vaticani  visti  dalla  Cupola  di  San  Pietro In Piena Luce - Nove fotografi interpretano i Musei Vaticani
A Palazzo Reale di Milano dal 24 maggio al 1° luglio 2018 nove voci di spicco della fotografia internazionale interpretano la preziosa, classica e contemporanea unicità dei Musei Vaticani. La mostra fa parte del programma di Milano PhotoWeek 2018.
Bocuse d\'Or Europe 2018 Torino Bocuse d'Or Europe 2018 Torino
Bocuse d’Or Europe si svolgerà in l’Italia, per la prima volta nella sua storia, a Torino. La finale, l’11 e il 12 giugno 2018, vedrà la sfida tra venti giovani chef, vincitori delle selezioni nazionali, nel Gourmet ExpoForum 2018 a Lingotto Fiere
La Badiazza - AAST Messina Messina e dintorni
Situata sulla punta settentrionale della Sicilia, nota anche come "città dello stretto", Messina accoglie il viaggiatore che sbarca su questa meravigliosa isola così ricca di profumi, leggende, storia e tutti le sfumature della terra, del sole.
Trento Guida alla città di Trento
Circondata da immense e tranquille vallate punteggiate da castelli e laghi, è meta turistica sia nella stagione estiva che invernale. I vecchi borghi, le chiese ed i castelli, formano un intreccio di itinerari ed atmosfere fantastiche.
Copyright © 2004-2018 MEMOKA P.IVA 08522530966 Tutti i diritti riservati.