Arte Attualita' ed eventi Cultura Moda Musica Rassegne, fiere e sagre
Il Re Nuovo, Carlo Alberto e il Palazzo Reale di Genova Il Re Nuovo, Carlo Alberto e il Palazzo Reale di Genova
Carlo Alberto fu il committente dell’Appartamento dei Principi Ereditari, la nobile suite di sale che ospita un’esposizione per ricordare il sovrano piemontese, promotore di fondamentali evoluzioni della reggia genovese fino al 29 luglio 2018.

Carlo Alberto fu il committente dell’Appartamento dei Principi Ereditari, la nobile suite di sale che ospita un’esposizione che intende ricordare il sovrano piemontese, promotore di fondamentali evoluzioni della reggia genovese, a conclusione di una trilogia di mostre che, tra il 2016 e il 2017, Palazzo Reale di Genova ha voluto dedicare a memorie legate a Casa Savoia.

Primo re di Sardegna del ramo dei Savoia-Carignano, egli fu figura chiave nella storia del palazzo genovese e nel suo storico passaggio da residenza patrizia a grande reggia. La maggior parte delle trasformazioni degli interni del palazzo si deve infatti a lui, ai suoi funzionari e agli artisti che gravitavano attorno alla sua corte.

Sarà in particolare Carlo Alberto a commissionare il riallestimento di alcuni degli ambienti più importanti, soprattutto in occasione delle nozze dei duchi di Savoia Vittorio Emanuele e Maria Adelaide nel 1842. Nei primi anni quaranta dell’Ottocento è ripensata, ad esempio, la grande anticamera centrale del secondo piano nobile per ottenere l’attuale Salone da Ballo, interamente disegnato da Michele Canzio che ne decora la volta insieme a Giuseppe Isola. Le pareti sono impreziosite dagli stucchi di Santo Varni, scultore poi prediletto anche da Vittorio Emanuele II. Profonde varianti riguardano l’antica Sala del Giordano, trasformata in Sala del Trono grazie a opulenti apparati in legno dorato ideati da Michele Canzio, realizzati a Torino da Gabriele Capello e trasferiti a Genova nella primavera del 1846. Sullo stesso piano, due dei quattro salotti degli Elementi sono riuniti a formare l’odierna Sala delle Udienze, progettata da Giacomo Varese con pitture di Giuseppe Isola e Giuseppe Frascheri, stucchi dorati, lampassi di seta e una serie di arredi di sapore eclettico.

Il Museo di Palazzo Reale ricorda dunque con una mostra il re che più di ogni altro contribuì a questa sua evoluzione cruciale, in una delle fasi più delicate della sua storia, coinvolgendo il complesso architettonico, le sue collezioni, gli arredi e gli apparati decorativi. Lo fa con opere d’arte, memorie e cimeli provenienti da collezioni private e pubbliche, esposti nell’appartamento dei principi ereditari, allestito e arredato per ordine di Carlo Alberto nel 1842, in occasione delle nozze dei duchi di Savoia Vittorio Emanuele e Maria Adelaide d’Asburgo-Lorena. Ritratti su tela, su cammei e miniature, avori e porcellane, si alternano a busti in marmo e bronzo dorato, stampe e disegni, documenti e libri, arredi e oggetti preziosi. Si vuole fissare in questo modo l’iconografia del sovrano, sia quella ufficiale, sia quella più intima e familiare, fermando i punti salienti della biografia del re, della regina Maria Teresa e dei figli, sullo sfondo della storia della nazione nascente, ma soprattutto attraverso i suoi rapporti con Genova e la reggia genovese. Un itinerario che lega dunque le opere provenienti da gallerie pubbliche e raccolte private (spesso inedite o esposte qui per la prima volta) alle collezioni permanenti del Palazzo Reale di Genova.

L’invito è anche quello di riscoprire gli ambienti intimamente connessi alla figura di Carlo Alberto, alla sua tormentata epoca e ai suoi passaggi genovesi fino a quello estremo, il feretro giunto in mare dal Portogallo, approdato nel porto genovese per l’ultimo viaggio verso Superga. Dalle effigi che lo ritraggono giovane, bello, elegante, promesso a un brillante avvenire, ai ritratti in maestà, circondati dai simboli del potere assoluto. Dalla tela dipinta dai giovani pittori del Regio Istituto dei Sordomuti di Genova sostenuto dal sovrano, agli stucchi di Santo Varni del Gran Salone da Ballo che riaccendono i fasti delle feste genovesi per il reale matrimonio del 1842. Dalle volte affrescate dai migliori pittori dell’Accademia Ligustica, alla carrozza commissionata dopo il 1831 e tuttora esposta nell’atrio del palazzo.

Idealista e romantico, ultimo difensore della regalità di antico regime e padre dello Statuto Albertino, travolto da rivolgimenti storici spesso traumatici, Carlo Alberto, Re Nuovo per la circostanza in gran parte inaspettata di salire al trono all’esaurirsi della genealogia principale di Casa Savoia, primo rappresentante di un ramo cadetto che avrà in destino il trono d’Italia, Nuovo per essere il primo della dinastia a orientarne la politica in una prospettiva tutta italiana, e Nuovo infine, nel caso particolare, per aver rinnovato in modo indelebile e irreversibile l’aspetto e le funzioni del Palazzo Reale di Genova.

Orari: giovedi, venerdì e sabato 11-18; domenica 14-18.
Biglietti: 3 euro 

 

Costo del biglietto: 3,00 euro; Per informazioni +39 010.2710236
Prenotazione:Nessuna; Telefono prenotazioni: +39 010.2710236
Luogo: Genova, Museo Palazzo Reale di Genova
Indirizzo: Via Balbi, 10 16126 - Genova (GE)
Orario: giovedi, venerdì e sabato 11.00-18.00; domenica 14.00-18.00
Telefono: +39 0102710236
E-mail: pal-ge@beniculturali.it

Il Re Nuovo, Carlo Alberto e il Palazzo Reale di Genova
 
Regione
Provincia
Categoria
Reset
Zapping
Inycon Wine Fest Inycon Wine Fest
A Menfi, dal 22 al 24 giugno 2018, Inycon Wine Fest è la festa del vino di Menfi e del suo territorio. Al centro della manifestazione il vino, eccellenza produttiva riconosciuta nel mondo, insieme alle varietà gastronomiche tipiche locali.
Festival della Lentezza Per una letteratura lenta
Per l’edizione 2018, il Festival della Lentezza indice un premio letterario dedicato al tema “Coltivare. Un’idea di futuro”. La premiazione a giugno presso la Reggia di Colorno (PR) dal 15 al 17 giugno 2018.
Tsegaye,Layers-of-movement-III,-2017,-digital-photography-(Platinum-Baryta-300-paper),-50x50-cm_light Territori intrecciati Al di là del mare
La Galleria Mizar apre le porte a Michael Tsegaye e Engdaget Legesse, con l’esposizione Territori intrecciati, dal 19 giugno al 14 luglio, in collaborazione con Monica Cembrola for Art Foundation.
Bocuse d\'Or Europe 2018 Torino Bocuse d'Or Europe 2018 Torino
Bocuse d’Or Europe si svolgerà in l’Italia, per la prima volta nella sua storia, a Torino. La finale, l’11 e il 12 giugno 2018, vedrà la sfida tra venti giovani chef, vincitori delle selezioni nazionali, nel Gourmet ExpoForum 2018 a Lingotto Fiere
Santuario Montalto - AAST Messina Messina e dintorni
Situata sulla punta settentrionale della Sicilia, nota anche come "città dello stretto", Messina accoglie il viaggiatore che sbarca su questa meravigliosa isola così ricca di profumi, leggende, storia e tutti le sfumature della terra, del sole.
Trento Guida alla città di Trento
Circondata da immense e tranquille vallate punteggiate da castelli e laghi, è meta turistica sia nella stagione estiva che invernale. I vecchi borghi, le chiese ed i castelli, formano un intreccio di itinerari ed atmosfere fantastiche.
Copyright © 2004-2018 MEMOKA P.IVA 08522530966 Tutti i diritti riservati.