Arte Attualita' ed eventi Cultura Moda Musica Rassegne, fiere e sagre
Segni di Resistenza Segni di Resistenza
Voci e storie della Resistenza: otto giovani artisti interpretano il ruolo delle donne nella stampa clandestina, Bologna dall'8 al 29 marzo 2019.

la voce delle donneLa Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio di Bologna sposa il progetto di Accademia di Belle Arti e ANPI Bologna, Segni di Resistenza, esponendo sei opere di giovani artisti dedicate al ruolo delle donne nella produzione e diffusione della stampa clandestina

Voci e storie della Resistenza: otto giovani artisti interpretano il ruolo delle donne nella stampa clandestina.

Presentazione venerdì 8 marzo 2019, ore 16
Con Cristina Ambrosini, Mili Romano, Anna Cocchi, Jadranka Bentini, Mauria Bergonzini e i giovani artisti Sara Ayesa, Alessandra Carta, Beatrice Caruso, Matteo Alessandro D'Antona, Ana Ferriols Montanana, Elisa Perrone, Gabriella Presutto e Margherita Tony Raponi

L’esposizione proseguirà fino al 29 marzo 2019 negli orari di apertura della soprintendenza (lunedì – venerdì ore 9 - 13)

Per mesi hanno cercato, incontrato, ascoltato testimonianze di quei tempi tragici, hanno frugato in archivio, rielaborato i ricordi di chi c’è ancora e hanno creato “Risonanze”, “Breccia”, “Impulso”, “La battaglia di Porta Lame”, “Piano nobile” e “Il silenzio del ricordo”, sussurri e grida da un passato in cui non solo loro ma nemmeno i loro genitori erano ancora nati.
Nell'ambito di un progetto di collaborazione tra ANPI e Accademia di Belle Arti, alcuni giovani artisti si sono misurati con la storia della Resistenza bolognese e in particolare con il tema della stampa clandestina e del ruolo esercitato dalle donne non solo nel diffondere le informazioni ma anche come parte attiva nel reperirle, impaginarle, comporle e trasmetterle, rischiando in prima persona.

Ne è nato Segni di Resistenza, singolare dialogo fra l’Accademia e la città che coniuga singole opere a una serie di segni sparsi nel territorio in un continuo divenire nel tempo e nello spazio.

In occasione dell’8 marzo la Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio di Bologna rilancia il fortunato progetto già allestito all’Istituto Parri per ospitare nel Salone d’Onore di Palazzo Dall'Armi Marescalchi, fino al 29 marzo, sei opere particolarmente significative, di cui due inedite, selezionate da Mili Romano e Gino Gianuizzi.

L’esposizione sarà presentata nell'ambito della Settimana dei Musei, venerdì 8 marzo, alle ore 16, dalla soprintendente Cristina Ambrosini, da Mili Romano, docente all'Accademia di Belle Arti, dalla presidente dell'Anpi provinciale Anna Cocchi e dai giovani artisti allievi che hanno messo la propria energia creativa al servizio della memoria; interverranno anche Jadranka Bentini e Mauria Bergonzini che sin dall'inizio hanno collaborato con i giovani artisti.

Durante la Resistenza la stampa ha avuto un ruolo centrale, ogni partito del Comitato di Liberazione Nazionale aveva il proprio periodico prodotto, stampato e distribuito in clandestinità soprattutto grazie all'impegno delle staffette e dei Gruppi di difesa della donna. Mancava sempre tutto: carta, ciclostili, inchiostro, spazi sicuri. Eppure giornali, avvisi e bollettini uscivano in continuazione fornendo sia informazioni di tipo politico che direttive pratiche per la lotta resistenziale. In quest’opera di produzione editoriale, di capillare diffusione ma anche di propaganda fra civili e militari perché si unissero alle formazioni partigiane, l’impegno profuso dalle donne non sarà mai a sufficienza sottolineato.

Le opere in mostra narrano il percorso dei giovani artisti, i segni effimeri o permanenti lasciati nella città e la loro attualizzazione del passato attraverso i linguaggi artistici più diversi, esperienze multiformi che recuperano dall'oblio tracce dimenticate, lasciando un messaggio che è anche promessa per il futuro.
Gli interventi artistici presenti in mostra sono di Sara Ayesa, Alessandra Carta, Beatrice Caruso, Matteo Alessandro D'Antona, Ana Ferriols Montanana, Elisa Perrone, Gabriella Presutto e Margherita Tony Raponi.
“Il silenzio del ricordo” è un libro d'artista-archivio "tattile" realizzato da Matteo Alessandro D'Antona, “La battaglia di Porta Lame” è un'installazione audio di Gabriella Presutto che riporta il racconto degli ultimi testimoni, “Breccia” si compone di una serie di volantini realizzati da Sara Ayesa, Ana Ferriols Montanana e Margherita Tony Rasponi che riattualizzano i testi di vecchi ciclostilati, e “Impulso” è la mappa tracciata da Alessandra Carta che avvicinando simbolicamente la Resistenza storica e la sua forza d'urto alla "resistenza" di un circuito elettrico, si spezzetta anche in una serie di adesivi che segnano i vari luoghi della città che hanno aderito al progetto.
A queste opere se ne aggiungono due inedite, l’installazione video “Piano nobile” di Beatrice Caruso e l’installazione audio “Risonanze” di Elisa Perrone.
Una visionaria segnaletica stradale restituisce come "reperti" di un archivio diffuso l'inedito diario di Luciano Bergonzini, partigiano e studente universitario, la camicetta rossa di Vinka Kitarovic, giovanissima partigiana, e volantini che chiamano le donne all'azione le donne: toccanti apparizioni negli spazi verdi della città.

Segni di Resistenza nasce da una collaborazione fra Accademia di Belle Arti e ANPI Bologna ed è curato da Mili Romano e Gino Giannuzzi.
Il progetto, presentato al pubblico il 5 dicembre 2018 e allestito nelle sale dell’Ex-refettorio delle monache, Convento di San Mattia all'Istituto Parri fino al 27 gennaio, si è esteso alla città nei giorni di Arte Fiera con l’installazione in 12 biblioteche dell’area metropolitana bolognese di sei cartelli stradali realizzati da Matteo Alessandro D'Antona, Ana Ferriols Montanana e Sara Ayesa, e sarà operativo fino a giugno 2019 con altri interventi artistici, ulteriori appuntamenti e sempre nuove adesioni e coinvolgimenti.

Segni di Resistenza vanta il patrocinio di Regione Emilia-Romagna Assemblea Legislativa, Comune di Bologna, Liberazione di Bologna, Istituzione Biblioteche Bologna, Museo della Resistenza di Bologna e Comune di Pianoro.
I sei cartelli della segnaletica stradale sono stati realizzati con il sostegno della ditta CIMS di Castel Guelfo (BO)

Le istituzioni che hanno aderito al progetto sono Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara, Centro civico quartiere Porto Saragozza, Centro civico quartiere Santo Stefano, Centro civico quartiere San Donato, Gruppo Speleologico Bolognese-Unione Speleologica Bolognese e Museo di Porta Lame, Comune di Pianoro, Associazione Orlando e Associazione Giardino Lavinia Fontana. Le biblioteche che hanno aderito al progetto sono Archiginnasio, Cesare Malservisi, Casa di Khaoula, J.L.Borges, Luigi Spina, Oriano Tassinari Clò, Scandellara, Roberto Ruffilli, Natalia Ginzburg, Borgo Panigale, Orlando Pezzoli, Silvio Mucini (Pianoro) e Biblioteca Nazionale delle Donne

 

Data Fine: 29 marzo 2019
Costo del biglietto: ingrasso libero e gratuito
Prenotazione: Nessuna
Luogo: Bologna, Palazzo dall'Armi Marescalchi, sede della Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio
Indirizzo: Via IV Novembre, 5
Città: Bologna
Provincia: BO
Regione: Emilia-Romagna
Orario: lunedì-venerdì dalle 9.00 alle 13.00
Telefono: +39 051 6451311
E-mail: sabap-bo@beniculturali.it

Segni di Resistenza
 
Regione
Provincia
Categoria
Reset
Zapping
Piatto figurato tardo, Montelupo 1610-30, Firenze, Museo Stibbert Di tutti i colori, nove secoli di ceramica
Dal 16 marzo al 28 luglio 2019, oltre 160 opere ceramiche prodotte a Montelupo, dal 1200 a oggi; la rassegna, arricchita di interventi multimediali e materiali d’archivio, offre inoltre un’esplorazione sulle manifatture tra l’800 e il ‘900.
Immagini allestimento mostra Leonardo da Vinci: Visions
Arriva al Museo Civico di Sansepolcro, dal 14 marzo 2019 fino al 24 febbraio 2020, la mostra Leonardo da Vinci: Visions. Le sfide tecnologiche del genio universale, promossa dal Comune di Sansepolcro e allestita da Opera Laboratori Fiorentini-Civita.
Nel Segno del Giglio Emilia in Fiore
Dal 23 marzo al 19 maggio 2019, nel territorio della Destinazione Turistica Emilia – tra Parma, Piacenza e Reggio Emilia – sbocciano esclusivi eventi dedicati ai fiori, alle piante e ai giardini.
Quella del Rinascimento è stata per l’Italia e per l’Europa intera un’epoca d’oro che ha saputo lasciare un’impronta fortissima anche su borghi, monumenti e strutture di un angolo pulsante di storia e cultura Destinazione Rinascimento
D’arme, d’amori e di moda, un viaggio nelle Corti Rinascimentali di Destinazione Turistica Emilia, tra Parma, Reggio Emilia e Piacenza.
Castel del Giudice - Borgotufi - Esterno Il borgo di Castel del Giudice
Dai terreni in disuso è nato il meleto biologico Melise, da vecchie case l’albergo diffuso Borgotufi, con centro benessere, ristorante e case in legno e pietra che si affacciano sui boschi dell’Alto Molise. Un esempio di turismo sostenibile.
Castello di Carpineti - Foto di Giuseppe Maria Codazzi I Castelli delle Donne
Storie di grandi donne che hanno lasciato il segno, in un viaggio speciale tra i più bei castelli del territorio di Parma, Piacenza e Reggio Emilia. Con Destinazione Turistica Emilia.
Copyright © 2004-2019 MEMOKA P.IVA 08522530966 Tutti i diritti riservati.