Arte Attualita' ed eventi Cultura Moda Musica Rassegne, fiere e sagre
Natale sotto vetro XI edizione Natale sotto vetro XI edizione
La mostra "Da Ettore Sottsass a Marco Zanini. Il vetro negli anni ‘80" propone una serie di oggetti caratterizzanti l’originalità del Gruppo Memphis, dagli elementi di arredo alle estrose creazioni in vetro.

natale sottovetro locandinaSabato 7 dicembre alle ore 16.00 presso le sale di Villa Rosa, il Museo dell'Arte Vetraria Altarese inaugura la mostra “Natale SottoVetro”, tradizionale appuntamento del periodo natalizio, giunto alla sua XI° edizione.

Quest’anno il progetto espositivo è dedicato al Gruppo Memphis, collettivo di design fondato a Milano nel 1980 da Ettore Sottsass.
Il gruppo nasce da un incontro informale organizzato dall’architetto nel suo appartamento a Milano l’11 dicembre 1980. Alla serata partecipano Michele de Lucchi, Aldo Cibic, Marco Zanini e Martine Bedin. Il nome del gruppo viene ispirato da una canzone di Bob Dylan, Stuck Inside of Mobile, più volte ascoltata nella serata, e che durante la riproduzione si era inceppata sulla frase “with the Memphis Blues Again”.
Lo scopo del gruppo è quello di superare il Modernismo degli anni ‘70, caratterizzato da forme essenziali e minimaliste, per dar vita a una nuova estetica, dai colori accesi, dalle forme eccentriche, superare il concetto del design legato alla funzionalità, con forti richiami alla cultura pop. Dopo il primo incontro, si aggiungono molti altri architetti e designer di fama internazionale, come Alessandro Mendini, Andrea Branzi, Nathalie du Pasquier, Michael Graves e Shiro Kuramata.

La prima mostra di Memphis avviene il 18 settembre del 1981 presso l'Arc 74 di Milano e porta immediatamente il gruppo sotto i riflettori internazionali. I prodotti provocatori e postmoderni creati per la mostra hanno colori brillanti e coraggiosi, e le forme sono spregiudicate e non convenzionali. La prima collezione di Memphis include il Beverly Cabinet, la lampada Tahiti, e la libreria Carlton di Sottsass; le poltrone Oberoi di Sowden; le stampe in bianco e nero in stile anni '50 di du Pasquier; la Superlamp di Bedin e la lampada Oceanic di De Lucchi.
Altre mostre del collettivo vengono organizzate a Londra, Los Angeles, Tokyo, San Francisco, New York, e Milano, ma nel 1985 Sottsass abbandona il progetto per tornare a dedicarsi al suo studio di architettura, e tre anni dopo il gruppo si scioglie. A metà degli anni '90 il Dr. Alberto Bianchi Albrici compra il marchio Memphis-Milano e continua a produrre le iconiche creazioni del collettivo.
Memphis ha avuto un'immensa influenza nella storia del design: negli ultimi anni la sua ricerca estetica è stata ripresa e abbracciata in diversi campi artistici, compreso il settore della moda, come dimostra la collezione autunnale del 2011 di Christian Dior, quella invernale di Missoni del 2015 e quella di Valentino nel 2017.
La mostra "Da Ettore Sottsass a Marco Zanini. Il vetro negli anni ‘80" propone una serie di oggetti caratterizzanti l’originalità del Gruppo Memphis, dagli elementi di arredo alle estrose creazioni in vetro. Il visitatore potrà godere della straordinaria sperimentazione formale e del caleidoscopico gioco di colori degli oggetti esposti, in un affascinante viaggio tra citazioni storiche, parodie e un nuovo senso di libertà espressiva.
Il registro giocoso e il cromatismo acceso delle opere fa sì che l'esposizione si rivolga non solo a un pubblico adulto, ma sia volta anche a soddisfare la curiosità di bambini e ragazzi, ai quali sarà dedicato un laboratorio creativo a tema, dal titolo “Dagli origami al design”.
Il giorno dell'inaugurazione, sabato 7 dicembre alle ore 16.00, il Prof. Bobbio Pallavicini e il Dott. Balestrieri illustreranno la storia del Gruppo Memphis e le peculiarità del design postmoderno.
Come tutti gli anni la mostra avrà in serbo una sorpresa per il pubblico del Museo: i visitatori riceveranno un biglietto per partecipare all'estrazione di un oggetto in vetro prodotto nella fornace di Villa Rosa.

La mostra, realizzata da I.S.V.A.V. - Istituto per lo Studio del Vetro e dell’Arte Vetraria in collaborazione con il Polo Museale della Liguria e con il patrocinio del Comune di Altare, sarà visitabile sino al 23 febbraio 2020, secondo gli orari di apertura del Museo.
Orario: da martedì a domenica, dalle 14 alle 18
Chiuso: lunedì, 25 e 26 dicembre, 1° gennaio

Costo del biglietto: 5 €; Riduzioni: 3 €
Prenotazione: Nessuna
Luogo: Altare, Villa Rosa - Museo dell'Arte Vetraria Altarese
Indirizzo: Piazza del Consolato, 4 17041 - Altare (SV)
Orario: da martedì a domenica 14.00-18.00
Telefono: 019584734
E-mail: info@museodelvetro.org

Natale sotto vetro XI edizione
 
Regione
Provincia
Categoria
Reset
Zapping
Chiostro in fiera XXIII edizione Chiostro in fiera XXIII edizione
Da giovedì 19 a domenica 22 maggio 2022, nel chiostro del Museo Diocesano Carlo Maria Martini di Milano, si svolgerà la 23^ edizione di CHIOSTRO IN FIERA, la mostra mercato di alto artigianato.
I Love LEGO – Firenze I Love LEGO – Firenze
I LOVE LEGO fa tappa al Museo degli Innocenti di Firenze fino al 31 gennaio 2022, un’esperienza imperdibile per i tanti bambini appassionati, per le famiglie e per i tantissimi adulti che continuano a coltivare l’amore per i mattoncini.
RCA22-Winner-©-Nicolò-Filippo-Rosso-Exodus_2 Photolux 2022 - You can call it love
Dal 21 maggio al 12 giugno 2022, Lucca ospita You can call it Love, la nuova edizione di Photolux Festival - Biennale Internazionale di Fotografia di Lucca, uno degli appuntamenti più attesi del panorama europeo, interamente dedicato alla fotografia.
Angelo-Pretolani Meccaniche della Meraviglia - XVI Edizione
Meccaniche della Meraviglia prende avvio nel weekend del 21 e 22 maggio e si diffonde da Brescia ad alcuni comuni che si affacciano sulle sponde bresciane del lago di Garda: San Felice del Benaco, Moniga del Garda e Puegnago sul Garda.
Brescia - Parco naturale Adamello Brenta - Credit Christian Martelet La magia di Brescia
Se avesse il mare, Brescia potrebbe candidarsi al perfetto riassunto dell’Italia. E, a essere sinceri, vista la quantità e la qualità dell’acqua in grado di ispirare un autentico clima balneare, non è poi del tutto vero che il mare qui non ci sia.
Castel del Giudice – Borgotufi È il Molise la meta top del 2020
Itinerario nella regione inserita dal New York Times tra i luoghi più belli da visitare nel mondo. A partire da Castel del Giudice (IS), simbolo di rinascita del Molise e delle aree interne d’Italia.
Copyright © 2004-2022 Supero Ltd, Malta MT 2105-2906 Tutti i diritti riservati.