Arte Attualita' ed eventi Cultura Moda Musica Rassegne, fiere e sagre
Akbar riceve gli omaggi 1590 Colore su carta, 21,5 x 15,5 cm New Delhi, National Museum A Roma la mostra: Akbar. Il Grande Imperatore dell'India
23 ottobre 2012 - La Fondazione Roma offre al pubblico un'esposizione mai realizzata prima, in cui sono rievocati gli splendori di uno dei più grandi sovrani dell'umanità, l'imperatore dell'India Akbar (Umarkot, 1542 - Agra, 1605).

Akbar. Il Grande Imperatore dell'India

Presso Museo Fondazione Roma, Palazzo Sciarra, dal 23 ottobre 2012 al 3 febbraio 2013

Curata da Gian Carlo Calza, la rassegna comprende opere prodotte durante il regno del più grande imperatore dellʼIndia degli ultimi 2000 anni. Sono state selezionate per illustrare le grandi trasformazioni storiche di unʼepoca ricca di eventi politici e sociali e raccontare la personalità di un uomo che ha dato un particolare apporto al dialogo artistico, culturale e religioso del mondo intero. Il regno di Jalaluddin Muhammad Akbar durò dal 1556 fino alla morte ed egli fu il più importante imperatore Mughal, divenuto Akbar - cioè il Grande - grazie all'impegno militare e alle molte conquiste, ma anche alle riforme amministrative, alla sua capacità di far convivere religioni diverse e di divulgare allʼinterno del proprio regno cultura, arte e bellezza.

LA MOSTRA La mostra riunisce opere dʼarte nellʼintento di raccontare anche quellʼIndia classica, che circola nellʼimmaginario collettivo dellʼOccidente, fatta di imperatori Mughal, raja, e maharaja che regnavano con grandiosità e splendore, e che fu meta di esploratori, mercanti e conquistatori che giungevano da tutto il mondo in quella terra misteriosa, ricchissima e affascinante.Keshav Kalan (composizione) e Dharmdas (dipinto) La nascita di Salim nel 1569 Illustrazione della Biografia di Akbar (Akbarnama) Epoca Mughal, probabilmente realizzato a Lahore 1590-95 ca. Acquerello opaco e oro su carta, 37,4 x 24,7 cm Londra, Victoria and Albert Museum © Victoria and Albert Museum, London

Per illustrarla è stato selezionato un nucleo straordinario di oltre 150 opere che raccontano la vita e lʼoperato di Akbar, il terzo e principale sovrano della dinastia imperiale dei Mughal, la quale durò fino allʼannessione del subcontinente alla corona britannica nel 1858. Di stirpe islamica, i Mughal erano stati fondati da Babur, primo conquistatore dellʼIndia, discendente di Chinggis Khan (1162?-1227) e di Timur (1369-1405), e vissuto dal 1483 al 1530, regnando dal 1526 fino alla morte. Dopo Babur i suoi figli, Kamran Mizra e Humayun - padre di Akbar - si spartirono il regno, ma presto sopraggiunse una guerra fratricida che spinse Humayun a rifugiarsi in Persia. Durante queste peregrinazioni, nel 1542 nella fortezza Rajput di Umarkot (attuale Pakistan) nacque Akbar, che fu affidato a uno zio in Afghanistan. Crebbe cacciando e combattendo tra i soldati e non gli fu impartita nessuna cultura: fu analfabeta per tutta la vita, ma questo non gli impedì di maturare un gusto per lʼarte, la musica, la letteratura e lʼarchitettura. Nel 1556, a soli tredici anni, succedette al padre che aveva da poco riconquistato lʼimpero e grazie al genio militare di Bairam Khan, valente e fedele generale dell'esercito Mughal, Akbar conquistò gran parte del subcontinente e a diciannove anni assunse il controllo dellʼImpero. Si aprì così una nuova era per lʼIndia perché il giovane guerriero si rivelò uno dei sovrani più splendidi della storia. Egli puntò allʼintegrazione delle varie religioni autoctone con lʼIslam; chiamò eminenti esponenti di ogni credo a corte nominandoli ministri; eliminò la jizya, tradizionale tassa imposta ai non musulmani e volle allearsi con i rajput, antica casta di guerrieri indù; per questo sposò Hira Kunwari, figlia del Raja Bharmal e altre principesse.

Pur essendo musulmano ripudiò ogni forma di estremismo religioso, anche islamico; favorì lʼintegrazione tra le diverse etnie, sposando egli stesso donne indù; abolì il concetto di religione di stato e introdusse princìpi di tolleranza ed eguaglianza tra le fedi, che rimangono eccezionali nellʼintera storia dellʼumanità. Spinto dalla sua tolleranza religiosa, tentò la creazione di una fede sincretica che fondesse lʼislam allʼinduismo; edificò tra le molte città anche la capitale Fatehpur Sikri, la Città della Vittoria, dove visse per quattordici anni (1571-1585); sviluppò e diffuse le arti che suo padre Humayun aveva importato dalla Persia e con alcuni pittori persiani creò uno studio con oltre cento aiutanti per realizzare opere eccelse, il cui stile si diffuse in tutte le province del suo regno. La mostra Akbar. Il Grande Imperatore dell'India ne sottolinea i successi culturali e artistici, oltre che politico militari, il profondo spirito religioso e lʼapertura mentale, incomparabile nei confronti di tutte le fedi con cui venne in contatto.

IL PERCORSO IN CINQUE SEZIONI Divisa in cinque sezioni per interpretare al meglio lʼopera dellʼimperatore e il suo ambiente storico-sociale, la mostra rievoca il favoloso splendore della corte Mughal attraverso acquarelli, dipinti, illustrazioni di libri, rarissimi frammenti di tessuti, tappeti, oggetti e armi tempestate di pietre preziose, introducendo allʼinternazionalismo di Akbar e al suo influsso sullʼEuropa del Sette e Ottocento.Artista sconosciuto Babur a caccia di rinoceronti vicino a Bigram (Peshawar) il 10 dicembre 1526 Illustrazione della Biografia di Babur (Baburnama) 1589 circa Colore e oro su carta, 34,5 x 23 cm Zurigo, Museum Rietberg, Gift Barbara and Eberhard Fischer

I SEZIONE - Vita a Corte, governo e politica: La prima sezione racconta attraverso opere come Akbar riceve gli omaggi e La nascita di Salim nel 1569 (nella foto in alto a sinistra, Keshav Kalan (composizione) e Dharmdas (dipinto) - Illustrazione della Biografia di Akbar (Akbarnama) Epoca Mughal, probabilmente realizzato a Lahore 1590-95 ca. - Acquerello opaco e oro su carta, 37,4 x 24,7 cm - Londra, Victoria and Albert Museum © Victoria and Albert Museum, London) alcuni  momenti della vita pubblica e privata dellʼimperatore. Salim, primogenito di Akbar, nacque dallʼunione con Hira Kunwari. Diventerà imperatore con il nome di Jahangir, il conquistatore del mondo. Egli vide la luce a Fatehpur Sikri, dove Akbar aveva costruito la sua nuova capitale come ringraziamento per il figlio inaspettato. Le vesti dai colori sgargianti e la ritualità degli usi e costumi di quellʼambiente sono mirabilmente espresse in queste opere, dove le architetture del nuovo regno fanno da sfondo alle preziose tempere e acquerelli su carta e arricchiti con lʼoro.

II SEZIONE - Città, urbanistica e ambiente: La seconda sezione illustra, attraverso raffigurazioni dʼepoca, la costruzione delle città e lo sviluppo dellʼarchitettura e dellʼurbanistica. Si vedono uomini e animali - coi grandi elefanti indiani - impegnati nellʼedificazione di mura e palazzi secondo il nuovo stile voluto da Akbar, come per esempio in Akbar ispeziona la costruzione di Fatehpur. In mostra anche immagini che raccontano lʼimpegno degli imperatori precedenti nelle opere pubbliche, come si può vedere in Babur supervisiona la costruzione di un bacino presso la fonte di Khwajah sih yaran vicino Kabul, proveniente dal Baburnama (Biografia di Babur).

III SEZIONE - Arti e artigianato: In questa sezione, sono in mostra manufatti sia per uso locale sia per lʼesportazione in Occidente come antichi tappeti e coperte nuziali, porta gioielli e cassettoni finemente intarsiati dʼavorio, ottone e madreperla, a documentare la ricchezza e la ricercatezza della corte di Akbar. Lavori elegantemente decorati, con animali e motivi fitomorfi, come in Tappeto con coppie di uccelli su paesaggio e nel Frammento di tappeto. In mostra anche manoscritti, sculture, tessuti indo-portoghesi e oggetti di arredamento provenienti da alcune delle principali raccolte indiane, europee, statunitensi e arabe.

IV SEZIONE - Guerra, battaglia e caccia: Nella quarta sezione, opere come Babur a caccia di rinoceronti vicino a Bigram (Peshawar) il 10 dicembre 1526 e Lʼavventura di Akbar con lʼelefante Hawaʼi, raccontano scene di combattimento e di lotta mitiche e storiche, e la pratica delle grandi spedizioni di caccia fatte con i mastodontici elefanti. Tra questi, spesso ritratto come montatura di Akbar, Hawaʼi che secondo la leggenda fu uno dei più forti elefanti esistenti, quindi  difficilissimo da gestire, ma che il grande imperatore riusciva a dominare e cavalcare. Esposte anche armi da combattimento e da parata spesso decorate da pietre di grande caratura come la Daga con elsa in bronzo dorato, incastonata di rubini o la Spada curva a un taglio, in acciaio intarsiato di avorio, legno e velluto. 

V SEZIONE - Religione e mito: La quinta sezione racconta la religione del tempo, il rapporto tra i differenti culti - islamico e hindu principalmente, ma anche jain, zoroastriano e cristiano - e il sentimento della tolleranza tanto diffuso da Akbar. Illustrazioni mitologiche, sacre e letterarie sono rappresentate in opere come la tempera su carta intitolata Un angelo in conversazione con un gruppo di europei e nella miniatura La trasformazione dellʼoceano [di latte in burro] (nella foto in basso a sinistra: La trasformazione dellʼoceano [di latte in burro] Illustrazione da Il libro della guerra (Razmnama) - 1598 Acquerello opaco, inchiostro e oro su carta, 29,5 x 16,5 cm - John Frederick Lewis Collection, Rare Book Department, The free Library of Philadelphia, Philadelphia: Free Library of Philadelphia Rare Book Department), che racconta della grande impresa di dèi e demoni per raggiungere lʼambrosia, nettare della vita eterna.La trasformazione dellʼoceano [di latte in burro] Illustrazione da Il libro della guerra (Razmnama) 1598 Acquerello opaco, inchiostro e oro su carta, 29,5 x 16,5 cm John Frederick Lewis Collection, Rare Book Department, The free Library of Philadelphia Philadelphia: Free Library of Philadelphia Rare Book Department

La mostra - in linea con la missione culturale del presidente della Fondazione Roma, Emmanuele F.M.Emanuele - esemplifica come la forza delle relazioni internazionali contribuisca insieme con il dialogo artistico, culturale e religioso, a trasformazioni storiche per le quali sono fondamentali personalità carismatiche e magnifiche come fu Akbar il Grande.

La mostra Akbar. Il Grande Imperatore dell'India è promossa dalla Fondazione Roma e organizzata dalla Fondazione Roma-Arte-Musei con Arthemisia Group. Lʼevento è patrocinato dal MIBAC - Ministero per i Beni e le Attività Culturali e realizzato grazie al coinvolgimento dellʼAmbasciata dʼItalia a New Delhi.

BOLLYWOOD FILM MEETING ROMA

In concomitanza della mostra la Fondazione Roma ha organizzato la rassegna cinematografica Bollywood Film Meeting Roma, che intende offrire uno sguardo sulle nuove tendenze che si vanno affermando nella produzione cinematografica in lingua hindi di Mumbai.  La rassegna è curata da Sabrina Ciolfi, indologa ed esperta di cinema indiano presso lʼUniversità degli Studi di Milano, e si terrà a Roma, presso il Teatro Quirinetta, dal 29 novembre al 9 dicembre 2012.

Alla vigilia delle celebrazioni per i cento anni del cinema indiano, che si terranno in India nel 2013, lʼevento intende offrire uno sguardo generale sulla Bollywood contemporanea, proponendo una selezione di lungometraggi prodotti negli ultimi tre anni, espressione sia del cinema mainstream che di quello indipendente e particolarmente rappresentativi dei diversi generi cinematografici, di alto valore artistico e di grande successo di critica e di pubblico. Tradizionalmente conosciuta per le sue prevedibili trame romantiche, la Bollywood delle grandi case di produzione sta oggi vivendo un momento di grande sviluppo, che porta i registi a sperimentare linguaggi, tematiche e stili diversi. Contemporaneamente si assiste alla crescita del cinema indipendente che ha dato vita a nuove tendenze che attirano lʼinteresse dei più importanti festival internazionali. Aprirà la rassegna lo spettacolare film storico sulla vita dellʼImperatore Akbar Jodhaa Akbar (2008), di Ashutosh Gowariker già regista dellʼacclamato Lagaan (2001), candidato agli Oscar come miglior film straniero.

Elefanti Epoca Mughal 1600 ca. Colore e oro su carta, montato su cartone 39,2 x 24,5 cm Parigi, Fondation Custodia Fondation Custodia, collection Frits Lugt, ParisAkbar riceve gli omaggi 1590 Colore su carta, 21,5 x 15,5 cm New Delhi, National Museum
 
Regione
Provincia
Categoria
Reset
Zapping
Sua maestà il Fungo Porcino festeggia ad Albareto Sua maestà il Fungo Porcino festeggia ad Albareto
Giunge alla 24esima edizione la Fiera Nazionale del Fungo Porcino di Albareto (PR) che, dal 4 al 6 ottobre 2019, animerà con appuntamenti enogastronomici a tema l’Appennino parmense.
XVII° Rievocazione storica della 200 Miglia di Cremona XVII° Rievocazione storica della 200 Miglia di Cremona
Questa gara si è corsa negli anni dal 1924 al 1929 ed ha visto cimentarsi le più importanti vetture dell’e-poca quali Alfa Romeo RL e P2, Bugatti, Maserati 1.500 cc e 16 cil, Talbot.
Pierre Bonnard Il Bacino degli Yachts a Deauville Monet e gli impressionisti in Normandia
Dal 13 settembre 2019 arriva per la prima volta ad Asti, a Palazzo Mazzetti, un eccezionale corpus di 75 opere che racconta il movimento impressionista in Normandia.
Vittorio Guida, Londra, 2017 © Vittorio Guida Where are we now? Volumi I e II
Il 13 settembre Fondazione Modena Arti Visive, inaugura una serie di mostre e iniziative che coinvolgeranno le sedi di Palazzo Santa Margherita, della Palazzina dei Giardini, del MATA ex-Manifattura Tabacchi, del Museo della Figurina e di AGO Modena.
Borgo-di-Vigoleno-Credit-Leonardo-Nicolini In camper tra i castelli
Sulla strada come a casa per le rocche e i manieri, gli itinerari sono pressoché infiniti ma, procedendo da nord verso sud è possibile delinearne uno che tenga conto della presenza di aree camping e zone attrezzate limitrofe.
San Francesco del Prato - Abside - Credit Giuseppe Bigliardi San Francesco del Prato
Tutta Parma, e non solo, si stringe intorno al progetto di restauro di San Francesco del Prato, con una raccolta fondi e da un ricco programma di eventi per sostenere la rinascita di un simbolo della “Capitale Italiana della Cultura” per il 2020.
Copyright © 2004-2019 MEMOKA P.IVA 08522530966 Tutti i diritti riservati.