Arte Attualita' ed eventi Cultura Moda Musica Rassegne, fiere e sagre
Astolfo Funes: le tre marie Face to Face: Fosca & Astolfo Funes
Doppia personale in 3D per Fosca, artista italiana e Astolfo Funes, artista latino americano, prodotta da Primo Piano LivinGallery nella piattaforma Project Room, una esposizione allestita esclusivamente online in real-time 24/24h.

Astolfo Funes: le tre marieFUNES & FOSCA, due artisti di riferimento della PPLG, presentati negli anni precedenti con mostre personali e collettive in galleria e fuori sede. Profondamente diversi per tecniche e concept espressivo, eppure c’ qualcosa che li lega: la ricerca identitaria, la predisposizione al frammento, gli aspetti legati al femminile, l’alchimia cromatica, la molteplicità, il corpo e la sessualità.

Fosca ( Marcella Fusco) è uno pseudonimo nato in concomitanza con il ciclo creativo “Angels ”, come momento di rinascita . In senso etimologico, Fosca deriva da Fuscus-Oscuro, che rappresenta il suo carattere primordiale, oscuro e molto creativo. Dopo un'impostazione di tipo classico e una fase polimaterica di oltre dieci anni, l’artista è giunta ad una sintesi espositiva ed esplorativa del mezzo tecnologico, allestendo un set ricco di materiali e sperimentazioni. In questa personale online, infatti, sono presenti quattro differenti cicli (dal 2000 al 2013) con opere che mescolano elementi della tradizione pittorica con elaborazioni digitali: dalla carta alla tela, dalla pittura alla foglia d’oro, dallo scanner al plotter, dall’elaborazione digitale alla tridimensionalità offerta dal plexiglass e dalla masonite; il risultato è stupefacente, perché rivela con sapiente tecnica il potere del mezzo tecnologico al servizio della creatività contemporanea. Affascinata dai contenuti con radici universali ( i 4 elementi, la fusione degli opposti, il principio e la fine, la mitologia e l’alchimia) Fosca, presenta una produzione legata agli archetipi e al colore che qui si manifestano in tutta la loro essenza: Angels, Pelle, Pasifae e Magica Fragmenta. È dunque, un viaggio nel tempo e nel mito con le opere di Fosca che si conclude con Magica Fragmenta, una installazione composta da 49 frammenti che uniti a puzzle formano un tableau dai colori ocra, il colore della terra, della luce nel grembo di Pasifae, circondata da sagome del minotauro e da una immagine sfocata di un corpo femminile. Corpo-pietra, corpo-linea, corpo-cosmico, corpo-erotico, corpo-digitale sono le interfacce tattili della stessa medaglia che altro non è che l’esistenza umana e divina che appartiene all’umanità.

La produzione in mostra di Astolfo Funes, sono opere prettamente pittoriche (l’artista ha anche realizzato grandi installazioni in pvc), di medie e grandi dimensioni risalenti al periodo più interessante della sua attività artistica dal 2008 ad oggi. Dai tableau dai colori forti e caldi alle opere in cui il bianco è protagonista. La ricerca concettuale di Funes, è legata alla femminilità ma non solo: l’attenzione al gesto, allo stato d’animo, alla circostanza, diventano per l’artista il leit motiv di una personale interpretazione della bellezza, tra piacere e peccato, tra realtà e artificio. L’artista fa agire il cliché di una femminilità costruita sui criteri del glamour e della moda con un linguaggio espressivo personale, affrontando in modo diretto i temi centrali della cultura contemporanea come l’identità, la molteplicità, il corpo e la sessualità, mescolando il glamour alla storia della pittura, mettendo in scena il rituale dell’essere e dell’apparire. La pittoricità dell’intervento a volte spatolato, altre volte impresso con le mani, denota una personalità solare e sensibile alle tematiche femminili. Funes, rappresenta quello che vede, pone l’accento a più livelli di realtà, con l’intento di mettere a nudo verità e artificio e prelevando dal quotidiano, come in un gioco di specchi, reale ed immaginario, fiestas ed angosce claustrofobiche.

Astolfo Funes è nato nel 1973 a Maracay, Venezuela, vive a Miami in Usa. La pittura di Funes rappresenta la femminilità e le sue influenze artistiche provengono dalla letteratura e da artisti come Willem De Kooning (Usa), Oswaldo Vigas (Venezuela), ma anche dall’arte tedesca del dopoguerra per la forza e il dinamismo. Presente in numerose case d’asta, le sue opere sono in prestigiose collezioni private e pubbliche tra cui: Museo De Arte Contemporáneo, Maracay, Venezuela;Solar, East Hampton, New York;American Art Promotion, Paris; Fundacion Nelson Sanchez Chapellin.

Fosca (Marcella Fusco) è nata nel 1968 a Napoli, vive ed opera tra Napoli e Milano. Ha lavorato come grafica creativa, illustratrice e interior design per aziende private come Mackross Studio s.r.l, Dellaluna, DuerrBros, Grephic Studio, e numerose illustrazioni editoriali. La sua attività espositiva inizia nel 1987 partecipando a numerose esposizioni in Italia e all’estero. Sue opere sono in collezioni private e pubbliche tra cui: Pinacoteca di Samothrace, Grecia.

Astolfo Funes: le tre marie
 
Regione
Provincia
Categoria
Reset
Zapping
Mykonos, 1957 © Piergiorgio Branzi Il giro dell’occhio. Fotografie 1950-2010
L’esposizione presenta 60 immagini che documentano oltre cinquant’anni di carriera del fotografo toscano, uno dei più importanti interpreti del nostro tempo, Novara Castello Visconteo, 23 giugno - 6 settembre 2020.
Monza Visionaria, sottocasa Monza Visionaria, sottocasa
Musicamorfosi non si ferma e lancia, in tutta sicurezza, l'ottava edizione del festival Monza Visionaria dal 21 al 28 giugno 2020 nel capoluogo brianzolo.
mento sulla mia verità Mento al niente - Manifesti di William Xerra
L’esposizione, curata da Lorena Giuranna, responsabile del Dipartimento educativo del MA*GA, presenta per la prima volta la serie di manifesti della serie “Mento”, realizzati dall’artista piacentino nel 2003, ora nella collezione del museo.
Dante Gabriel Rossetti - Regina Cordium, 1860 © Johannesburg Art Gallery Il sogno di Lady Florence Phillips
Siena, Santa Maria della Scala 24 luglio 2020 – 10 gennaio 2021 una selezione di circa sessanta opere, tra olii, acquerelli e grafiche, ripercorrerà oltre un secolo di storia dell’arte internazionale.
Visit Brescia - Strada Colli dei Longobardi - Tenuta la Vigna - Anna Botti A Brescia, il vino è rosa
Un itinerario targato Visit Brescia tra le migliori cantine a conduzione femminile nei terroir della provincia; un percorso tra degustazioni, visite in cantina e passeggiate nelle vigne alla scoperta delle grandi donne capaci di dettare il destino.
Pietrabbondante - Teatro Sannitico - credit Adelina Zarlenga È il Molise la meta top del 2020
Itinerario nella regione inserita dal New York Times tra i luoghi più belli da visitare nel mondo. A partire da Castel del Giudice (IS), simbolo di rinascita del Molise e delle aree interne d’Italia.
Copyright © 2004-2020 Supero Ltd, Malta MT 2105-2906 Tutti i diritti riservati.