Arte Attualita' ed eventi Cultura Moda Musica Rassegne, fiere e sagre
Dal manoscritto al libro a stampa - Opere rare e di pregio della Lucchesiana Dal manoscritto al libro a stampa - Opere rare e di pregio della Lucchesiana
La mostra, in ordine cronologico di data, espone circa 50 opere, manoscritti, incunaboli, cinquecentine e seicentine; alla biblioteca Lucchesiana di Agrigento dal 26 maggio 2016 al 12 agosto 2017

Dal manoscritto al libro a stampa - Opere rare e di pregio della LucchesianaL'esposizione, con il Patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, curata dalla Biblioteca Lucchesiana, la Biblioteca Museo "Luigi Pirandello" e la Soprintendenza per i Beni Culturali e Ambientali é inserita nel programma delle manifestazioni promosse dal Comitato organizzatore per il 250° anniversario della fondazione della Lucchesiana e prosegue il percorso delle iniziative celebrative, fornendo un excursus sulla particolare ricchezza e varietà dei suoi fondi librari storici.
La mostra, in ordine cronologico di data, espone circa 50 opere, manoscritti, incunaboli, cinquecentine e seicentine, selezionati tra il materiale raro e di pregio posseduto, ripercorre la storia della più antica istituzione bibliotecaria di Girgenti ed illustra l'evoluzione della forma del libro, dal codice al volume a stampa.
Tra i manoscritti in mostra: Copie di diplomi della cancelleria normanna del XVII secolo in pergamena; il codice greco, "Commentarius i Hermogenis Rhetoris" del sec. XVI di Johannis Doxopatri; ed ancora una copia del Corano del sec. XVI.
Gli incunaboli del nucleo originario del Fondo storico della Bilbioteca Lucchesiana, contrassegnati dall'ex libris autografo, per l'accuratezza della scelta e per il pregio delle opere svelano gli interessi culturali del Vescovo e la sua ambizione di possedere un patrimonio librario importante.
Tra le molte edizioni rare e di pregio esposte, figura l'unica copia esistente dell'opera "La protesta dei Messinesi" attribuita a Manfredi Zizo. prima opera, stampata a Messina da Henricus Alding nel 1478; altre opere pregevoli: De divinis institutionibus" di Lattanzio stampata a Venezia da Vindelino da Spira nel 1472; la "Geographia" di Strabone, per i tipi di Giovanni Rosso pubblicata nel 1494; le storie di Erodoto, in latino, tradotte da Lorenzo Valla, noto umanista, filosofo e scrittore, opera edita a Venezia da Giovanni e Gregorio de' Gregori nel 1494; la "Storia Vera" di Luciano stampata a Venezia nel 1493; le "Satire" di Persio; il "De Civitate Dei" di S. Agostino del 1476; la "Metaphysica" di Avicenna stampata a Venezia nel 1495.
In mostra uno degli esemplari più antichi dell'"Historia Naturalis" di Plinio il Vecchio, stampato a Roma da Conrad Sweinheim e Arnold Pannartz nel 1470, adorno di una cornice miniata a colori, trentasei iniziali con fregi, che si estendono per il margine; inoltre la "Biblia" stampata in urbeVenetiarum da Johannis di Magni Herbort de Seligenstadt Alemani nel 1484; l'unico incunabolo stampato a Palermo, "Consuetudines urbis Panormi", del 1478, per i tipi di Andrea Vyel da Worms.
Figurano in mostra due edizioni della Divina Commedia: quella stampata a Venezia da Aldo Manunzio nel 1502, prima edizione dell'opera in piccolo formato e quella di Venezia 1507 stampata da Bartolomeo de' Zanni da Portese, ricca di belle e pregevoli xilografie.
Ed inoltre le "Historiae mundi libri XXXVII" edite a Basilea nel 1539; l'"Aristotele" di Avorro nell'edizione di Venezia del 1562; le "Orazioni volgarmente scritte da molti uomini illustri", del 1562; le "Croniche del mondo" di Padre Filippo da Bergamo nell'edizione del Calepino, Venezia, 1554.
Interessante altresì un'edizione del "Decamerone" di Giovanni Boccaccio, di proprietà del vescovo Andrea, stampata a Firenze, presso Giunti, nel 1573.
Per quello che riguarda la Sicilia, la mostra espone fra le edizioni del XVII secolo, la "Sicilia Sacra" di Rocco Pirro nell'edizione di Venezia del 1649; l'"Expedita Juris divini naturali seu ecclesiastici moralis expositio" di Tommaso Tamburino, edito a Palermo "apud Didacum Buam" nel 1661; una "Mesina escarmendata de el jugo de la tirania de francia", di Giuseppe Albion, barone di Calascibetta, stampata a Palermo nel 1675; l'"Historia cronologica delli signori Vicerè di Sicilia dall'anno 1409 al 1697" del 1697.
Questi sono alcuni degli esemplari della rassegna, che sarà visitabile a partire dal 26 maggio al 12 agosto 2016, dal lunedì al venerdì, dalle 9.00 alle 13.00.

 

Costo del biglietto: ingresso libero e gratuito
Prenotazione:Obbligatoria; Telefono prenotazioni: 0922 22217 - solo per gruppi
Luogo: Agrigento, Biblioteca Lucchesiana
Indirizzo: via duomo, 94
Città: Agrigento
Provincia: AG
Orario: da lunedì al venerdì, dalle ore 9.00 alle ore 13.00
Telefono: 092222217
Fax: 0922222217
E-mail: biblioteca.lucchesiana@gmail.com

Dal manoscritto al libro a stampa - Opere rare e di pregio della Lucchesiana
 
Regione
Provincia
Categoria
Reset
Zapping
Alberto Burri Reloaded Alberto Burri Reloaded
Dopo un lungo e accurato restauro, torna visibile al pubblico negli spazi di CUBO in Porta Europa Nero con punti (1958), opera fondamentale della serie dei “Sacchi” dell’artista umbro.
Han Yuchen. Tibet, splendore e purezza Han Yuchen. Tibet, splendore e purezza
Dal 14 luglio, e per la prima volta nella Capitale, Palazzo Bonaparte ospita un’ampia retrospettiva dedicata al grande Maestro della pittura a olio della Cina contemporanea Han Yuchen.
Hütte_Nachts@DOLOMITESValgardena Val Gardena Active
Val Gardena Active: una serie di esperienze invernali in un unico programma di vacanze personalizzato, tanti diversi modi per scoprire questa incantata valle delle Dolomiti, Patrimonio Mondiale UNESCO.
Giovanni Boldini La camicetta di voile, 1906 c. Olio su tela Boldini e il mito della Belle Époque
Dal 26 novembre 2022 al 10 aprile 2023 Giovanni Boldini, uno degli artisti italiani più amati di ogni tempo, viene celebrato con una grande mostra a Palazzo Mazzetti di Asti.
Brescia - Lago d\'Iseo - Piramidi di Erosione di Zone - Credit Michele Rossetti La magia di Brescia
Se avesse il mare, Brescia potrebbe candidarsi al perfetto riassunto dell’Italia. E, a essere sinceri, vista la quantità e la qualità dell’acqua in grado di ispirare un autentico clima balneare, non è poi del tutto vero che il mare qui non ci sia.
Pietrabbondante -  Teatro Sannitico - Credit Adelina Zarlenga È il Molise la meta top del 2020
Itinerario nella regione inserita dal New York Times tra i luoghi più belli da visitare nel mondo. A partire da Castel del Giudice (IS), simbolo di rinascita del Molise e delle aree interne d’Italia.
Copyright © 2004-2022 Supero Ltd, Malta MT 2105-2906 Tutti i diritti riservati.