Arte Attualita' ed eventi Cultura Moda Musica Rassegne, fiere e sagre
Pammatone: dagli Hospitalia all’Ospedale Pammatone: dagli Hospitalia all’Ospedale
Ultimo mese di apertura della mostra dal titolo “Pammatone: dagli Hospitalia all’Ospedale” visitabile fino al 1° luglio, l’assistenza sanitaria genovese dal Morbo Gallico allo sviluppo scientifico.

PAMMATONE: DAGLI HOSPITALIA ALL’OSPEDALE

Un affascinante percorso alla scoperta di uno dei quartieri più importanti di Genova: quello di Portoria, lacerato dai devastanti bombardamenti della seconda guerra mondiale, che oggi ha come punto di riferimento il Palazzo di Giustizia ma che nella sua storia è ricordato nelle memorie e nei racconti dei genovesi per l’ospedale Pammatone, simbolo per cinque secoli dell’assistenza sanitaria genovese.

Si tratta di un vero e proprio spaccato di storia cittadina filtrato attraverso gli ospedali e i suoi protagonisti.
Antichi manoscritti portano testimonianza dei tanti benefattori che attraverso i secoli hanno reso possibile lo sviluppo dell’assistenza sanitaria, preziose edizioni a stampa documentano lo sviluppo scientifico attraverso trattati dei più illustri luminari del sei e settecento. Degna di nota, tra i molti documenti esposti, la Bolla di Papa Sisto IV del 1471 dedicata al tema dei bambini abbandonati.
I documenti incrociano più volte la storia, è il caso di un registro dei ricoverati presso l’ospedale di Pammatone, dove, nella pagina dedicata al giorno 5 Dicembre 1746 è possibile avere testimonianza dei feriti in conseguenza dei tumulti contro il dominio austriaco ( il celebre episodio del Balilla)

Trova spazio nell’esposizione una selezione di strumenti chirurgici del XVIII-XIX secolo: seghe da amputazione, coltelli, cauteri, sonde, dilatatori e forcipi provenienti dalle sale operatorie dell’Ospedale Pammatone la cui visione fa molto riflettere. Abituati ai moderni bisturi elettrici, laser e tecnologia robotica dobbiamo considerare che questi strumenti venivano usati senza nemmeno l’ausilio dell’anestesia dato che solo a metà 1800 si inizia a usare con successo l'etere nelle operazioni chirurgiche. 

Un accurato percorso pittorico immerge il visitatore nella brulicante vita ospedaliera seicentesca, in particolare attraverso quattro opere del pittore fiammingo Cornelius De Wael tratte dal ciclo “Le sette opere di Misericordia” dipinte nel 1627 circa dove con facilità si riescono a scorgere le maestose corsie degli ospedali cittadini con le statue dei benefattori, proprio le stesse che oggi troviamo all’interno dell’area dell’ospedale San Martino. Il pittore, con grande perizia, ritrae con sapienti cromatismi e spettacolari chiaroscuri diversi momenti legati all’assistenza ospedaliera dove spiccano, quali protagonisti, i nobili genovesi intenti a donare quanto nelle loro possibilità in favore degli ammalati.
Tra i dipinti merita attenzione anche una sezione dedicata a una riflessione sulla malattia e sulla sofferenza attraverso scene tratte dalle sacre scritture; ne sono esempio Cristo che risana il paralitico di Pietro paolo Raggi, Giobbe tormentato dai demoni di Giovanni Battista Merano e il Martirio di san Bartolomeo di Andrea Semino, dove non si fatica a scorgere, tra gli strumenti di tortura usati dagli aguzzini, gli stessi utensili chirurgici esposti nelle vetrine museali.
La mostra è anche multimediale, una postazione video mostra i segreti di un’inedita Genova sotterranea con un filmato realizzato appositamente dal centro studi sotterranei dove viene presentato ciò che si nasconde sotto gli ospedali cittadini antichi e nuovi, tra rifugi antiaerei, cunicoli, corsi d'acqua, depositi e veri e propri labirinti.

 

ULTIMI APPUNTAMENTI CULTURALI

  • Domenica 27 maggio ore 15.30
    Visita guidata alla mostra
    con i curatori dell’esposizione Daphne Ferrero e Luca Piccardo
  • Martedì 29 maggio ore 17.15
    La malattia negli ex voto convegno a cura di Italia Votiva
    don Francesco di Comite, Aldo Cafferata, Giovanni Meriana, Guido Zibordi
  • Giovedì 31 maggio ore 18.00
    I grandi medici dell'Ospedale Galliera
    Dott. Giuliano Lo Pinto, Direttore sanitario
  • Mercoledì 6 giugno ore 18.00
    Cornelio de Wael e le Sette Opere di Misericordia Corporale
    Piero Donati, storico dell’arte, già Direttore della Soprintendenza per i Beni Artistici e Storici della Liguria

Museo Beni Culturali Cappuccini
Viale IV Novembre, 5 - 16121 Genova
Ingresso da via Bartolomeo Bosco
(dietro palazzo di Giustizia)

Info e prenotazioni: +39 010 8592759 info@bccgenova.org – www.bccgenova.it

Pammatone: dagli Hospitalia all’Ospedale
 
Regione
Provincia
Categoria
Reset
Zapping
Inycon Wine Fest Inycon Wine Fest
A Menfi, dal 22 al 24 giugno 2018, Inycon Wine Fest è la festa del vino di Menfi e del suo territorio. Al centro della manifestazione il vino, eccellenza produttiva riconosciuta nel mondo, insieme alle varietà gastronomiche tipiche locali.
Festival della Lentezza Per una letteratura lenta
Per l’edizione 2018, il Festival della Lentezza indice un premio letterario dedicato al tema “Coltivare. Un’idea di futuro”. La premiazione a giugno presso la Reggia di Colorno (PR) dal 15 al 17 giugno 2018.
Legesse,woven-form,-2016,-acryl-on-canvas,-90x100-cm_light Territori intrecciati Al di là del mare
La Galleria Mizar apre le porte a Michael Tsegaye e Engdaget Legesse, con l’esposizione Territori intrecciati, dal 19 giugno al 14 luglio, in collaborazione con Monica Cembrola for Art Foundation.
Bocuse d\'Or Europe 2018 Torino Bocuse d'Or Europe 2018 Torino
Bocuse d’Or Europe si svolgerà in l’Italia, per la prima volta nella sua storia, a Torino. La finale, l’11 e il 12 giugno 2018, vedrà la sfida tra venti giovani chef, vincitori delle selezioni nazionali, nel Gourmet ExpoForum 2018 a Lingotto Fiere
La Badiazza - AAST Messina Messina e dintorni
Situata sulla punta settentrionale della Sicilia, nota anche come "città dello stretto", Messina accoglie il viaggiatore che sbarca su questa meravigliosa isola così ricca di profumi, leggende, storia e tutti le sfumature della terra, del sole.
Trento Guida alla città di Trento
Circondata da immense e tranquille vallate punteggiate da castelli e laghi, è meta turistica sia nella stagione estiva che invernale. I vecchi borghi, le chiese ed i castelli, formano un intreccio di itinerari ed atmosfere fantastiche.
Copyright © 2004-2018 MEMOKA P.IVA 08522530966 Tutti i diritti riservati.