Arte Attualita' ed eventi Cultura Moda Musica Rassegne, fiere e sagre
MArTA Domenica gratuita nei musei di Taranto
Domenica 6 Gennaio oltre 480 tra musei, siti archeologici e monumenti in tutta Italia accoglieranno liberamente cittadini e turisti, tra questi due interessanti siti in provincia di Taranto.

Museo archeologico nazionale di Taranto - MArTA

orecchino in oroIl Museo Archeologico Nazionale di Taranto è tra i più importanti d'Italia; fu istituito nel 1887 in conseguenza dell’urbanizzazione dell’area ad est del Canale Navigabile di Taranto con la costruzione del Borgo umbertino. Tale intervento provocò la scoperta e – purtroppo – anche la dispersione e la distruzione di molti materiali archeologici provenienti dalla città greca e romana e dalla contigua necropoli. Proprio per tutelare le antichità rinvenute, venne inviato a Taranto l’archeologo Luigi Viola che ottenne l’istituzione di un museo nell’ex convento dei Frati Alcantarini.
Costruito poco dopo la metà del XVIII secolo, l’edificio è stato ingrandito e risistemato in varie fasi, a partire dal 1903, epoca della ricostruzione delle facciate su progetto di Guglielmo Calderini, mentre l’ala settentrionale è stata progettata da Carlo Ceschi e realizzata tra il 1935 ed il 1941.
A partire dal 1998 sono iniziati i lavori di ristrutturazione che hanno portato al completamento del Museo Archeologico Nazionale di Taranto - MArTa con l'allestimento del II piano del museo (inaugurato il 29 luglio 2016). Il percorso espositivo, che tiene conto delle caratteristiche dei materiali della raccolta museale e della possibilità di riferire ai contesti di scavo la maggior parte dei reperti, illustra la storia di Taranto e del suo territorio dalla Preistoria all’Alto Medioevo, sviluppandosi diacronicamente dal secondo al primo piano: periodo preistorico e protostorico, periodo greco (senza tralasciare le tematiche dei rapporti dinamici con il mondo indigeno preromano), periodo romano, periodo tardoantico e altomedievale.
Il percorso inizia dal secondo piano che mostra le fasi più antiche della storia dell’insediamento in Puglia (Paleolitico e Neolitico) per giungere alla fondazione della colonia greca e alla città classica ed ellenistica.
Il Museo Archeologico Nazionale di Taranto, al piano mezzanino, possiede anche una collezione di quadri che nel 1909 confluirono nelle collezioni del Regio Museo di Taranto per disposizioni testamentarie del Monsignor Giuseppe Ricciardi, vescovo di Nardò, che volle donarli alla sua città natale.
Oltre ad una bellissima icona bizantina ed una Addolorata piangente su lastra di zinco, gli altri diciotto quadri, tutti con soggetti di ispirazione religiosa, sono dipinti ad olio su tela e si inquadrano fra XVII e XVIII secolo.
La maggior parte degli altri quadri rientra nella produzione napoletana, con attribuzioni alla scuola di Luca Giordano, Andrea Vaccaro e Francesco De Mura. I quadri più recenti, l’Addolorata fra i Santi Nicola e Barbara e la Deposizione, sono stati riferiti invece ad un artista pugliese, Leonardo Antonio Olivieri di Martina Franca.
Il Museo Archeologico Nazionale di Taranto offre ai visitatori una programmazione culturale varia e destinata a vari target di pubblico, tra cui i visitatori con disabilità. Una sala didattica, ubicata al piano terra del museo, ospita le attività didattiche per scuole, bambini ed adulti.
Il Museo possiede un chiostro, luogo di eventi e di attività didattiche.
La totalità dei contenuti museali e degli elementi di segnaletica è presente in doppia lingua: italiano ed inglese.

Informazioni:

Ingresso: 8,00 €; Riduzione 4,00 € (gratuito domenica 6 gennaio 2019)
Giorni e orario apertura: Lunedi-Domenica 8.30-19.30 Da domenica 20 maggio il Museo Archeologico Nazionale di Taranto – MArTA osserverà i seguenti orari di apertura: - dal lunedì al sabato: dalle 8,30 alle 19,30 con orario continuato (chiusura cassa ore 19,00); - Openday MiBAC; Orario biglietteria: Lunedi-Domenica 8.30-19.00; Prenotazione: Facoltativa (Telefono: +39 099 4538639; Email: prenotazioni@novaapulia.it; Sito web: http://www.vivaticket.it)
Comune: Taranto
Indirizzo: via Cavour, 10
CAP: 74100
Provincia: TA
Regione: Puglia
Telefono: +39 099 4532112
Fax: +39 099 4594946
Email: man-ta@beniculturali.it
Email certificata: mbac-man-ta@mailcert.beniculturali.it
Sito web: http://www.museotaranto.beniculturali.it

Museo etnografico "Alfredo Majorano"

Il Museo è ubicato all’interno dell’antico Palazzo Pantaleo, edificio dalla splendida struttura architettonica del 1700 prossimo a divenire Museo virtuale della Città. Il Museo Etnografico "Alfredo Majorano si sviluppa dal secondo piano del Palazzo per poi comprendere la cucina e la scuderia nei piani inferiori ed accoglie al suo interno importanti testimonianze del fenomeno del tarantismo con un considerevole patrimonio culturale assemblato dallo studioso Alfredo Majorano che ha condotto la sua indagine antropologica in Taranto e nella provincia jonica prima di Ernesto de Martino. Majorano infatti legato alle tradizioni della sua terra, raccolse oggetti attestanti le tradizioni cittadine fatte successivamente conoscere con varie pubblicazioni, mostre e convegni. Dunque è a questo grande promotore di un recupero e valorizzazione della tradizione etnografica tarantina, che è stato intitolato il Museo Etnografico.Il percorso espositivo si snoda in diverse sale tematiche che dal secondo piano comprendono anche la cucina e la scuderia del ’’700 nei piani sottostanti. Vi sono raccolti reperti legati al mare, alla terra, agli antichi lavori, oggetti attestanti il mondo ludico di un tempo unitamente a manufatti di devozione religiosa.

Informazioni:

Comune: Taranto
Indirizzo: Rampa Pantaleo, 6
CAP: 74100
Provincia: TA
Regione: Puglia
Telefono: 0994581747
Fax: 0994581730
Email: culturataranto@comune.taranto.it
Sito web: http://www.comune.taranto.it

MArTA
 
Regione
Provincia
Categoria
Reset
Zapping
Festival della Lentezza - Foto di Pierangela Flisi Festival della Lentezza 2019
I Produttori Slow, dal 14 al 16 giugno 2019, costruiscono alla Reggia di Colorno (PR) percorsi enogastronomi all’insegna della tutela della biodiversità, al Festival della Lentezza.
5° edizione del Festival della Lentezza 5° edizione del Festival della Lentezza
Dal 14 al 16 giugno 2019 alla Reggia di Colorno (PR) c’è la 5° edizione del Festival della Lentezza, 3 giorni di incontri e contaminazioni per riflettere sul “tempo che aggiusta le cose”.
1973 Pino Pinelli, Monocromo (1973-1976)
Dal 20 giugno al 21 settembre 2019 Dep Art Gallery di Milano (via Comelico 40) ospita la personale di Pino Pinelli (Catania, 1938) che presenta una serie di opere realizzate tra il 1973 e il 1976.
DeadReality005_copy © Nobuyoshi Araki Effetto Araki
21 giugno - 30 settembre 2019 Siena celebra il grande fotografo giapponese con una selezione di 2.200 immagini che percorrono oltre 50 anni di carriera.
Castel del Giudice - Borgotufi - Esterno Il borgo di Castel del Giudice
Dai terreni in disuso è nato il meleto biologico Melise, da vecchie case l’albergo diffuso Borgotufi, con centro benessere, ristorante e case in legno e pietra che si affacciano sui boschi dell’Alto Molise. Un esempio di turismo sostenibile.
Castello di Carpineti - Foto di Giuseppe Maria Codazzi I Castelli delle Donne
Storie di grandi donne che hanno lasciato il segno, in un viaggio speciale tra i più bei castelli del territorio di Parma, Piacenza e Reggio Emilia. Con Destinazione Turistica Emilia.
Copyright © 2004-2019 MEMOKA P.IVA 08522530966 Tutti i diritti riservati.