Arte Attualita' ed eventi Cultura Moda Musica Rassegne, fiere e sagre
Storie di carabinieri a Camerino Storie di carabinieri a Camerino
“DiGIOVEDì. Incontriamoci in Archivio” è un’iniziativa nata con l’intento di far conoscere sotto vari aspetti i fatti, la vita quotidiana, la storia di Camerino e il suo territorio attraverso i documenti conservati presso l'Archivio di Stato.

Storie di carabinieri a Camerino“DiGIOVEDì. Incontriamoci in Archivio” è un’iniziativa nata con l’intento di far conoscere sotto vari aspetti i fatti, la vita quotidiana, la storia di Camerino e il suo territorio attraverso i documenti conservati presso la Sezione di Archivio di Stato di Camerino.

Il terzo incontro, dal titolo “Storie di carabinieri a Camerino” si terrà giovedì 14 marzo 2019 (alle ore 16.00) presso la sede della Sezione di Archivio di Stato di Camerino, sarà introdotto da Daniela Casadidio e presentato dall’avvocato Giuseppe De Rosa.

Il plebiscito del 4 e 5 novembre 1860 ebbe a sancire l’annessione delle Marche al nuovo Stato. L’ordinamento giuridico-amministrativo del Regno di Sardegna, che di lì a poco avrebbe mutato il nome in Regno d’Italia, fu così esteso agli ex domìni pontifici.

L’avvento dei carabinieri reali (così qualificati per distinguerli dai carabinieri pontifici, corpo militare del preesistente Stato della Chiesa) a Camerino risale ai primi mesi del 1861. La conversazione narra delle difficoltà nel reperire una sede idonea a Camerino che fungesse da caserma, dei primi “acquartieramenti”, della destinazione finale nella sconsacrata chiesa di Sant’Angelo, dei contatti tra i comandanti succedutisi in quegli anni e l’amministrazione comunale camerinese.

Si prosegue poi con la triste storia di Giovanni Gallazzo, un carabiniere morto giovanissimo a Camerino nel 1885. Via via vengono sfiorati altri episodi importanti, come lo sbando nel giugno 1944, il sacrificio di Ernesto Bergamin e la storia di un altro archivio, ormai noto come l’ “armadio della vergogna”, ritrovato a Roma nel 1994, dove sono custodite scarne relazioni dei carabinieri di Camerino sugli eccidi del 1944.

(Avv. Giuseppe De Rosa)

Costo del biglietto: gratuito
Prenotazione: Nessuna
Luogo: Camerino, Archivio di Stato di Macerata - Sezione di Camerino
Indirizzo: Via Venanzi, 20 62032 - Camerino (MC)
Orario: 16.00
Telefono: +39 0737 633052; +39 0733 236521
E-mail: as-mc.camerino@beniculturali.it

Storie di carabinieri a Camerino
 
Regione
Provincia
Categoria
Reset
Zapping
Fonte Aretusa, Siracusa Fonte Aretusa, Siracusa
La Fonte Aretusa apre al pubblico il prossimo 6 agosto con un percorso di visita che consente di ammirarne dall’interno la bellezza, accompagnati dalle voci italiane di Isabella Ragonese, Sergio Grasso e Stefano Starna.
Interno Dalla porta alla città del cielo
Dal 18 agosto al 27 ottobre, la Cattedrale di Siena scopre il suo magnifico pavimento a commesso marmoreo, frutto di cinquecento anni di espressione artistica, un viaggio simbolico alla ricerca dei più alti valori dello spirito umano.
Ferrara Buskers Festival - Compa Flamenco - Foto di Marco Tamburrini (2) Il Ferrara Buskers Festival® ritrova le sue origini
Il Ferrara Buskers Festival® si rinnova, tornando alle origini che nel 1987 hanno reso quell’idea di libertà e di apertura verso la musica e le culture del mondo il cardine su cui costruire la manifestazione.
Vento in poppa, a bordo di una barca Vento in poppa, a bordo di una barca
Dall’incantevole costa della Sardegna, alle rive verdeggianti del Lago di Garda, passando per la laguna di Venezia. Escursioni lungo i litorali più suggestivi d’Italia, liberando gli ormeggi e solcando le onde verso emozioni che sanno di mare.
San Francesco del Prato - Abside - Credit Giuseppe Bigliardi San Francesco del Prato
Tutta Parma, e non solo, si stringe intorno al progetto di restauro di San Francesco del Prato, con una raccolta fondi e da un ricco programma di eventi per sostenere la rinascita di un simbolo della “Capitale Italiana della Cultura” per il 2020.
Il Castello di Milazzo Il Castello di Milazzo
La città fortificata di Milazzo, comunemente nota come “il Castello”, sorge sui luoghi dei primitivi insediamenti greci, romani, bizantini, musulmani, ma i primi documenti risalgono al periodo normanno quando viene edificato il Mastio.
Copyright © 2004-2019 MEMOKA P.IVA 08522530966 Tutti i diritti riservati.