Arte Attualita' ed eventi Cultura Moda Musica Rassegne, fiere e sagre
A. Brando, Ragazza che legge (Cordelia) Inaugurazione Pinacoteca Angelo Brando
Sabato 10 agosto 2019, alle ore 19.00, presso Palazzo De Lieto a Maratea, si è inaugurata la Pinacoteca Angelo Brando. Un progetto del Polo Museale della Basilicata che dopo diversi lustri conosce la luce.

A. Brando AutoritrattoSabato 10 agosto 2019, alle ore 19.00, presso Palazzo De Lieto a Maratea, si è inaugurata la Pinacoteca Angelo Brando. Un progetto del Polo Museale della Basilicata che dopo diversi lustri conosce la luce.

Sono intervenuti il Sindaco di Maratea Daniele Stoppelli; la Direttrice del Polo Museale della Basilicata, Marta Ragozzino e il Direttore di Palazzo De Lieto e curatore Michele Saponaro.

Dopo l’inaugurazione, nella Chiesa Madre, sono stati eseguiti 5 brani della composizione Colori di Brando, che Damiano D’Ambrosio - prolifico e raffinato compositore di origini lucane (è nato a Montescaglioso) - ha scritto, come colonna sonora della Pinacoteca, ispirandosi liberamente a 10 dipinti di Brando. I brani sono stati interpretati dalla famiglia Gibboni: Gerardina Letteriello [pianoforte], Daniele Gibboni, Annastella Gibboni, Donatella Gibboni, Giuseppe Gibboni [violini].

Nell’anno di Matera – Basilicata Capitale della Cultura 2019 l’apertura di un nuovo museo rappresenta un elemento di grande soddisfazione per il raggiungimento di un ulteriore e importante risultato che non solo rafforza la rete del Polo Museale, ma anche la comunità culturale della nostra regione e in particolare dell’aera del Lagonegrese, dove sono attivi da tempo importanti realtà museali locali.

Nella Pinacoteca sono esposti 34 dipinti provenienti dalla collezione dall’unica erede di Angelo Brado, la signora Angelina Mastroluca (unica erede del pittore, avendone sposato il nipote), acquisiti a patrimonio pubblico dal Ministero per i Beni Culturali nel 2009 che coprono l'arco temporale 1909 - 1946, a cui si sono aggiunti altri 4 dipinti, 2 sculture in gesso, fogli sparsi di un taccuino di disegni e alcuni cimeli appartenuti alla famiglia dell'artista, dati in comodato dal Centro Culturale J. M. Cernicchiaro Maratea, dalla ASP Potenza e da Tina Polisciano.

Angelo Brando nasce a Maratea il 10 gennaio 1878 da Giuseppe e Vincenza Zaccaro, ultimo di otto figli. Nel 1895 giovanissimo si iscrive al Reale Istituto di Belle Arti di Napoli. Termina il percorso formativo - influenzato dalla scuola napoletana di Morelli, Cammarano, Volpe e Tedesco - il 19 luglio 1904.

Nel 1908 esordisce in campo nazionale alla 2^ Quadriennale di Torino. Nel 1909 partecipa alla Mostra Nazionale di Rimini e alla 1^ Esposizione Giovanile d’Arte a Napoli. Evento di rilievo per la città - definita “Secessione dei ventitré” di cui Brando fa parte - sancisce il superamento del vecchio sistema ufficiale delle mostre in contrapposizione a una pittura compiacente alle esigenze di amatori e collezionisti, a favore di un’apertura alle posizioni antiaccademiche e alle tendenze artistiche europee dell’impressionismo, del post-impressionismo e del simbolismo.

Il 1917 inizia la lunga attività di docente presso l’Accademia di Belle arti di Napoli. Nel 1919 ha l’incarico da Vincenzo Volpe di riordinare la Galleria Regionale della Regia Accademia di Belle Arti di Napoli e nel 1934, per il suo impegno in ambito scolastico, riceve la promozione a Ufficiale della Corona d’Italia dal Ministero dell’Educazione Nazionale.

Angelo Brando è molto attivo anche a livello pubblico nel campo della conservazione e della catalogazione dei beni culturali, ricoprendo ruoli importanti su incarico ministeriale, tra cui la nomina a Conservatore della Galleria Regionale di Belle Arti di Napoli di cui in precedenza, come già ricordato, ha curato il riordino.

Da sempre fortemente legato alla propria famiglia e alla terra d’origine, coltiva anche legami di grande amicizia col mondo intellettuale dell’epoca, tra gli altri Salvatore Di Giacomo e Libero Bovio. Negli ultimi anni, pur lontano dalle manifestazioni ufficiali, continua a lavorare intensamente. Scompare il 21 febbraio 1955.

La Pinacoteca Angelo Brando è visitabile dal 10 agosto al 31 ottobre 2019, dal lunedì a sabato dalle 17.00 alle 21.00. Festivi e Ferragosto dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 21.00


Costo del biglietto: Ingresso gratuito
Prenotazione: Nessuna
Luogo: Maratea, Palazzo De Lieto
Indirizzo: via Gafaro, 1 85046 - Maratea (PZ)
Orario: Dal 10 agosto al 31 ottobre 2019 lunedì - sabato dalle 17.00 alle 21.00 Festivi e Ferragosto dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 21.00
Telefono: +39 0835-2562245 / 3388831053
E-mail: michele.saponaro@beniculturali.it

A. Brando, Ragazza che legge (Cordelia)
 
Regione
Provincia
Categoria
Reset
Zapping
Mykonos, 1957 © Piergiorgio Branzi Il giro dell’occhio. Fotografie 1950-2010
L’esposizione presenta 60 immagini che documentano oltre cinquant’anni di carriera del fotografo toscano, uno dei più importanti interpreti del nostro tempo, Novara Castello Visconteo, 23 giugno - 6 settembre 2020.
Monza Visionaria, sottocasa Monza Visionaria, sottocasa
Musicamorfosi non si ferma e lancia, in tutta sicurezza, l'ottava edizione del festival Monza Visionaria dal 21 al 28 giugno 2020 nel capoluogo brianzolo.
mento sulla mia verità Mento al niente - Manifesti di William Xerra
L’esposizione, curata da Lorena Giuranna, responsabile del Dipartimento educativo del MA*GA, presenta per la prima volta la serie di manifesti della serie “Mento”, realizzati dall’artista piacentino nel 2003, ora nella collezione del museo.
Julian Lage (di Nathan West) Ravenna Jazz 2020
Ravenna Jazz 2020 Reloaded 47ma edizione 30 giugno – 14 novembre 2020 lo storico festival ravennate torna a proporsi in versione letteralmente “ricaricata”.
Visit Brescia - Strada Colli dei Longobardi - Tenuta la Vigna - Anna Botti A Brescia, il vino è rosa
Un itinerario targato Visit Brescia tra le migliori cantine a conduzione femminile nei terroir della provincia; un percorso tra degustazioni, visite in cantina e passeggiate nelle vigne alla scoperta delle grandi donne capaci di dettare il destino.
Capracotta - Credit Giorgio Paglione È il Molise la meta top del 2020
Itinerario nella regione inserita dal New York Times tra i luoghi più belli da visitare nel mondo. A partire da Castel del Giudice (IS), simbolo di rinascita del Molise e delle aree interne d’Italia.
Copyright © 2004-2020 Supero Ltd, Malta MT 2105-2906 Tutti i diritti riservati.