Arte Attualita' ed eventi Cultura Moda Musica Rassegne, fiere e sagre
Per lettera - Forme e modi della comunicazione epistolare Per lettera - Forme e modi della comunicazione epistolare
Il tema della corrispondenza trova nella documentazione conservata presso l’Archivio di Stato di Prato un ricco e variegato panorama, consentendo di indagare le forme e i modi della comunicazione epistolare, dal 14 giugno al 31 ottobre 2019.

Per lettera - Forme e modi della comunicazione epistolare

L’idea della mostra nasce in occasione del convegno internazionale "Storia postale. Sguardi multidisciplinari, sguardi diacronici", organizzato dall’Istituto di Studi Storici Postali Aldo Cecchi dal 13 al 15 giugno 2019.
Il tema della corrispondenza trova nella documentazione conservata presso l’Archivio di Stato di Prato un ricco e variegato panorama, consentendo di indagare le forme e i modi della comunicazione epistolare. L’allestimento propone un percorso cronologico e tipologico, presentando documentazione prodotta dal XIV al XIX secolo da mercanti, enti pubblici e religiosi e famiglie nobiliari.
Il percorso parte dall’epistolografia del mondo mercantile tardomedievale, grazie al prezioso bacino documentario costituito dall’Archivio Datini, fonte privilegiata per ricostruire il complesso quanto efficiente sistema di gestione della comunicazione scritta, regolato da accordi precisi, attivo in Europa e nel bacino del Mediterraneo. Viene proposta anche una selezione di documenti, lettere e registri contabili, che delinea i protagonisti, i costi, i tempi e le distanze del sistema postale, a cui ricorrono Francesco di Marco Datini e gli altri mercanti toscani tra fine Trecento e inizio Quattrocento. Il quadro è arricchito dal carteggio della famiglia Marcovaldi, mercanti pratesi operanti in Ragusa nella prima metà del Quattrocento.
La parte dedicata agli enti si concentra sul modo di gestione e conservazione della corrispondenza. La documentazione si snoda dal XIV al XIX secolo e rappresenta i principali soggetti istituzionali attivi a Prato. È possibile seguire le pratiche e le innovazioni che nei diversi periodi ogni ente ha adottato per meglio gestire la comunicazione e conservarne testimonianza. Dal fondo del Comune di Prato (seconda metà del XIII secolo – 1860 circa) le Filze di Cancelleria ci restituiscono uno spaccato delle comunicazioni e dell’attività epistolare dell’ufficio comunale, grazie alle lettere ricevute, a minute di quelle spedite, ai rescritti e motupropri. Il fondo Ospedale Misericordia e Dolce (seconda metà XIII secolo – 1960 circa) offre attraverso i registri di copialettere, ai protocolli della corrispondenza e alle lettere ricevute conservate, un quadro dell’organizzazione della corrispondenza di un ente assistenziale e i cambiamenti conseguenti alla sua evoluzione.
Il fondo Patrimonio ecclesiastico (1274-1789), nato in seguito alle soppressioni del granduca Pietro Leopoldo e contenente gli archivi delle opere, dei conventi, delle compagnie e congreghe della città e del contado di Prato rende conto di pratiche peculiari proprie degli enti religiosi.
Nei fondi familiari, in particolare dei Buonamici (secoli XV-XIX), dei Vai (secoli XVI-XIX) e dei Salvi Cristiani (secoli XIV-XIX), la corrispondenza prodotta e ricevuta fa emergere, accanto a relazioni e rapporti, singolari e particolari impieghi della lettera. Si mettono in luce anche le trasformazioni formali della lettera, che dal XVIII secolo evolve in forme più snelle per arrivare alla corrispondenza ottocentesca con le sue innovazioni materiali, che trovano nell’introduzione della busta uno degli elementi tuttora caratterizzanti e iconici del sistema di comunicazione epistolare.

Costo del biglietto: gratuito; Per informazioni 0574-26064
Prenotazione: Nessuna
Luogo: Prato, Archivio di Stato di Prato
Indirizzo: Via ser Lapo Mazzei, 41 37122 - Prato (PO)
Orario: lunedì e mercoledì: 8.30-17.20 martedì, giovedì, venerdì: 8.30-13.50
Telefono: +39 0574-26064
E-mail: as-po@beniculturali.it

Per lettera - Forme e modi della comunicazione epistolare
 
Regione
Provincia
Categoria
Reset
Zapping
Sua maestà il Fungo Porcino festeggia ad Albareto Sua maestà il Fungo Porcino festeggia ad Albareto
Giunge alla 24esima edizione la Fiera Nazionale del Fungo Porcino di Albareto (PR) che, dal 4 al 6 ottobre 2019, animerà con appuntamenti enogastronomici a tema l’Appennino parmense.
XVII° Rievocazione storica della 200 Miglia di Cremona XVII° Rievocazione storica della 200 Miglia di Cremona
Questa gara si è corsa negli anni dal 1924 al 1929 ed ha visto cimentarsi le più importanti vetture dell’e-poca quali Alfa Romeo RL e P2, Bugatti, Maserati 1.500 cc e 16 cil, Talbot.
Pierre Bonnard Il Bacino degli Yachts a Deauville Monet e gli impressionisti in Normandia
Dal 13 settembre 2019 arriva per la prima volta ad Asti, a Palazzo Mazzetti, un eccezionale corpus di 75 opere che racconta il movimento impressionista in Normandia.
Vittorio Guida, Londra, 2017 © Vittorio Guida Where are we now? Volumi I e II
Il 13 settembre Fondazione Modena Arti Visive, inaugura una serie di mostre e iniziative che coinvolgeranno le sedi di Palazzo Santa Margherita, della Palazzina dei Giardini, del MATA ex-Manifattura Tabacchi, del Museo della Figurina e di AGO Modena.
Borgo-di-Vigoleno-Credit-Leonardo-Nicolini In camper tra i castelli
Sulla strada come a casa per le rocche e i manieri, gli itinerari sono pressoché infiniti ma, procedendo da nord verso sud è possibile delinearne uno che tenga conto della presenza di aree camping e zone attrezzate limitrofe.
San Francesco del Prato - Abside - Credit Giuseppe Bigliardi San Francesco del Prato
Tutta Parma, e non solo, si stringe intorno al progetto di restauro di San Francesco del Prato, con una raccolta fondi e da un ricco programma di eventi per sostenere la rinascita di un simbolo della “Capitale Italiana della Cultura” per il 2020.
Copyright © 2004-2019 MEMOKA P.IVA 08522530966 Tutti i diritti riservati.