Arte Attualita' ed eventi Cultura Moda Musica Rassegne, fiere e sagre
Il presepe del Re Il presepe del Re
L’esposizione del Presepe del Re nell’Anticamera del Duca di Genova, fino al 2 febbraio 2020, offre al pubblico del museo un’opera della grande tradizione presepiale genovese. 

Il presepe del Re

Un lungo intervento di restauro ha riportato al suo splendore originario lo spettacolare presepe di Giovanni Battista Garaventa (Genova, 1777-1840) che, come promesso in occasione della mostra del 2017, torna nelle sale del Palazzo Reale di Genova per l’esposizione completa di tutti i suoi ottantasette elementi.

Noto anche come Presepe Reale o Presepe Savoia, è stata ipotizzata dagli studiosi una probabile committenza sabauda caduta con ogni probabilità negli anni che seguirono l’annessione dei territori liguri al Regno di Sardegna nel 1814 e comunque entro il primo quarto del XIX secolo.

Appartenuto almeno alla fine dell’Ottocento alla chiesa torinese di San Filippo Neri non è chiaro se fosse stato concepito per quella sede o per una dimora reale visto che si dispone tuttora di dati limitati sull’origine del Presepe Garaventa e sulle circostanze della sua genesi.

Regale nell’ampiezza ed eccezionale nelle sue componenti: la Sacra Famiglia ne costituisce naturalmente il nucleo centrale, insieme agli angeli, ai tre sontuosi magi, agli armigeri e ai soldati. Ogni statuina è impreziosita da eleganti ed elaborati costumi in seta, cotone, velluto, tela jeans. Gli abiti sono inoltre caratterizzati da passamanerie in argento e filo d’oro, corpetti e armature in cuoio e metallo argentato che fanno d’ogni personaggio un piccolo capolavoro. E il tutto è qualificato da accessori sofisticati: corone e sciabole, lance e scudi in metallo sbalzato, catene e cinture in cuoio, utensili e attrezzi che indicano una committenza di altissimo rango e di cospicue disponibilità economiche. Qualità e mestiere nelle parti scolpite si apprezzano sia nei pastori che nei popolani d’ambo i sessi, con una varietà di intonazioni, un gusto spiccato per il dettaglio di pregio, una forza plastica di impostazione classica che trova riscontri anche nel variopinto serraglio formato, oltre che dal bue e dall’asinello, dai tre magnifici cavalli dei magi, da due esotici cammelli e, poi, come da tradizione, da mucche e pecore, capre e montoni.

Venduto all’inizio del Novecento e passato di mano in mano fino ad arrivare all’attuale proprietario, è il frutto estremo di quella lunga e gloriosa tradizione presepiale e di plastica lignea di cui Anton Maria Maragliano (1664-1739) è stato il massimo esponente. E, infatti, questo magnifico presepe fu attribuito a Maragliano nella prima pubblicazione che si occupò dell’opera, il volume di Luigi Augusto Cervetto, Il Natale, il Capo d’anno e l’Epifania nell’arte e nella storia genovese del 1903 e poi nel catalogo dell’Esposizione Nazionale di Arte Sacra a Venezia nel 1908 con l’aggiunta dei nomi di Pietro Maria Ciurlo e Gerolamo Pittaluga.

Nel 1993, da Giulio Sommariva e Giuliana Biavati, la paternità esecutiva fu correttamente ricondotta al Garaventa, artista di formazione accademica, attivo soprattutto come intagliatore di casse processionali e immagini sacre, come restauratore di antiche sculture e modellatore di apparati decorativi ed effimeri che dà qui prova di saper utilizzare un linguaggio colto e raffinato, di grande efficacia e piacevolezza compositiva.

L’esposizione del Presepe del Re nell’Anticamera del Duca di Genova – appositamente riaperta al pubblico insieme a tutto l’Appartamento – arriva, non a caso, dopo un anno dalla storica mostra monografica dedicata ad Anton Maria Maragliano proprio al Palazzo Reale di Genova che torna, dunque, ad accendere i riflettori su un capitolo ancora poco noto della produzione di scultura lignea post-maraglianesca, offrendo al pubblico del museo un’opera della grande tradizione presepiale genovese. 

La sede: Museo di Palazzo Reale di Genova
Orari: da martedì a venerdì 9.00 / 18.30; sabato e domenica 13.30 / 19.00.
Periodo: da venerdì 29 novembre 2019 a domenica 2 febbraio 2020
Biglietti (la mostra IL PRESEPE DEL RE è accessibile con il biglietto ordinario del Museo): 6€ intero; 2€ ridotto; gratuito under 18
Catalogo: Sagep Editori


Costo del biglietto: 6 intero; 2 tra i 18 e i 25 anni; gratuito under 18; Per informazioni 0102710236
Prenotazione: Nessuna
Luogo: Genova, Museo Palazzo Reale di Genova
Indirizzo: Via Balbi, 10 16126 - Genova (GE)
Orario: martedì-venerdì 9.00 /18.30 sabato, domenica e festivi 13.30 / 19.00
Telefono: +39 0102710236
E-mail: palazzorealegenova@beniculturali.it

Il presepe del Re
 
Regione
Provincia
Categoria
Reset
Zapping
Mykonos, 1957 © Piergiorgio Branzi Il giro dell’occhio. Fotografie 1950-2010
L’esposizione presenta 60 immagini che documentano oltre cinquant’anni di carriera del fotografo toscano, uno dei più importanti interpreti del nostro tempo, Novara Castello Visconteo, 23 giugno - 6 settembre 2020.
Monza Visionaria, sottocasa Monza Visionaria, sottocasa
Musicamorfosi non si ferma e lancia, in tutta sicurezza, l'ottava edizione del festival Monza Visionaria dal 21 al 28 giugno 2020 nel capoluogo brianzolo.
mento sulla mia verità Mento al niente - Manifesti di William Xerra
L’esposizione, curata da Lorena Giuranna, responsabile del Dipartimento educativo del MA*GA, presenta per la prima volta la serie di manifesti della serie “Mento”, realizzati dall’artista piacentino nel 2003, ora nella collezione del museo.
Julian Lage (di Nathan West) Ravenna Jazz 2020
Ravenna Jazz 2020 Reloaded 47ma edizione 30 giugno – 14 novembre 2020 lo storico festival ravennate torna a proporsi in versione letteralmente “ricaricata”.
Visit Brescia - Strada Colli dei Longobardi - Tenuta la Vigna - Anna Botti A Brescia, il vino è rosa
Un itinerario targato Visit Brescia tra le migliori cantine a conduzione femminile nei terroir della provincia; un percorso tra degustazioni, visite in cantina e passeggiate nelle vigne alla scoperta delle grandi donne capaci di dettare il destino.
Capracotta Giardino di Flora Appenninica - credit Carmen Giancola È il Molise la meta top del 2020
Itinerario nella regione inserita dal New York Times tra i luoghi più belli da visitare nel mondo. A partire da Castel del Giudice (IS), simbolo di rinascita del Molise e delle aree interne d’Italia.
Copyright © 2004-2020 Supero Ltd, Malta MT 2105-2906 Tutti i diritti riservati.