Arte Attualita' ed eventi Cultura Moda Musica Rassegne, fiere e sagre
Julius Kugy, il romantico alpinista Julius Kugy, il romantico alpinista
“Julius Kugy, il romantico alpinista” atto unico dell'orchestra a fiati “città di Muggia” in scena il 3 dicembre al Teatro Verdi di Muggia in occasione dell’ottantesimo anniversario dalla morte.

Commerciante, scalatore, musicista, botanico e poeta, Julius Kugy nasce ottant'anni fa a Gorizia a Villa Coronini-Kromberg da padre carinziano e madre triestina slovena trasferendosi da subito nel capoluogo giuliano.

L'atto unico che l’Orchestra a Fiati “Città di Muggia” va proporre in prima assoluta domenica 3 dicembre alle ore 17.30 al teatro Verdi di Muggia con ingresso libero è un lavoro di teatro musicale a leggìo nata da un’idea di Andrea Sfetez che si sviluppa su un testo scritto dal triestino Giorgio Micheli.

La regia è di Michela Cembran, la consulenza e direzione musicale di Andrea Sfetez.

Lo spettacolo verrà interpretato in quattro luoghi kugyani importanti del confine orientale  (Muggia, Tarvisio, Trieste e Gorizia) da Michela Cembran, Pierluca Famularo e Riccardo Beltrame accompagnati da una “colonna sonora” sostenuta dall’Orchestra a Fiati “Città di Muggia” per dare vita - dichiara Andrea Sfetez - “a uno spettacolo di “piccolo teatro musicale” in cui si vuole dare risalto alla figura di Kugy, divenuto una leggenda per le sue imprese alpinistiche (soprattutto sulle Giulie, ma non solo) riunendo attorno a sé guide alpine  e allievi del calibro di Oitzinger (tarvisiano austriaco), Pesamosca (Val Raccolana) e del triestino Dougan che arrampicati sulle cenge delle  nostre  amate vette, anticiperanno di alcuni decenni lo spirito ideale dell'attuale  “tre confini”/confini aperti, in una visione europeista ante litteram...”.

“L’episodio attorno a cui si sviluppa l’atto unico - prosegue Sfetez - è quello relativo alla forzata separazione del gruppo degli invincibili scalatori che si sono trovati, a un certo punto, sottoposti a due differenti bandiere: allo scoppio del conflitto mondiale Kugy infatti, in virtù delle sue alte precise conoscenze del tarvisiano viene nominato “Alpine Referent” per l'esercito Austro-Ungarico, mentre Pesamosca suo “fratello di cordata” si arruola volontario con i regi alpini. Ma l’amicizia profonda e incondizionata può, a volte, vincere sulle ferree regole marziali.

Si riporta infatti che nel 1915 un drappello di alpini stesse percorrendo sullo Jof Fuart la fatale “Cengia degli Dei” (un anello alpinistico di estrema difficoltà sognato, ma non portato a termine da Kugy, Oitzinger e Pesamosca), ma scorto dagli Jaeger austriaci…  

Per conoscere il finale, l’invito è di recarsi tutti a teatro (ingresso libero) a godersi un’ora e mezza di storia e canti alpini, musica dedicata per “ricordare e omaggiare un grande personaggio della vita culturale triestina e regionale qual è stato Julius Kugy, che - conclude Sfetez - ha impostato il suo modus vivendi sul rispetto reciproco, conoscenza e fratellanza tra le culture latine-tedesche e slave”.

P.S. L'anello alpinistico "Cengia degli Dei" è stato chiuso qualche anno dopo da Emilio Comici, pioniere dell'alpinismo moderno: ma questa è un’altra storia…

Si ringraziano per la collaborazione il Comune di Muggia e la Fondazione Benefica Kathleen Foreman Casali che hanno reso possibile questa nuova produzione proponendo a Muggia la prima rappresentazione tra le quattro previste in regione quale ricordo dell’ottantesimo anniversario dalla morte di Kugy.

Per informazioni:  info@muggiamusica.org

MICHELA CEMBRAN

Julius Kugy, il romantico alpinista
 
Regione
Provincia
Categoria
Reset
Zapping
Animali fantastici - Il giardino delle meraviglie Animali fantastici - Il giardino delle meraviglie
Saranno oltre 90 gli animali che varcheranno la soglia magica di Palazzo Albergati, realizzati da 23 grandi artisti contemporanei, dal 7 dicembre al 5 maggio 2024.
Mario De Biasi, Galleria Vittorio Emanuele II, Milano anni cinquanta Mario De Biasi e Milano - Edizione Straordinaria
La mostra celebra il centenario della nascita e raccoglie 70 tra le immagini più iconiche, alcune inedite, che il fotoreporter ha scattato a Milano, sua città d'adozione, sua città d'elezione.
Giovanni Fattori, Contadina nel bosco, 1861 I Macchiaioli a Brescia
Dal 20 gennaio al 9 giugno 2024, la storica residenza cinquecentesca nel cuore della città ospita un'imperdibile mostra che presenta oltre 100 capolavori di Fattori, Lega, Signorini, Cabianca, Borrani, Abbati e altri.
Federico Faruffini Suonatrice di liuto 1865 Ottocento Lombardo. Ribellione e conformismo, da Hayez a Segantini
Dal 13 aprile al 28 luglio 2024, l’Orangerie della Villa Reale di Monza ospita la mostra Ottocento Lombardo. Ribellione e conformismo, da Hayez a Segantini, curata da Simona Bartolena.
Cattedrale di Lecce Guida per conoscere il Salento
Il Salento, situato nel "tacco dello stivale" italiano, è una terra dal fascino ineguagliabile, dove spiagge meravigliose e arte barocca si fondono alle antiche tradizioni e a sapori antichi.
Brescia - Villa Feltrinelli La magia di Brescia
Se avesse il mare, Brescia potrebbe candidarsi al perfetto riassunto dell’Italia. E, a essere sinceri, vista la quantità e la qualità dell’acqua in grado di ispirare un autentico clima balneare, non è poi del tutto vero che il mare qui non ci sia.
Copyright © 2004-2024 Supero Ltd, Malta MT 2105-2906 Tutti i diritti riservati.