Saluzzo: Casa Cavassa (Archivio A.T.L. del Cuneese) Guida di Viaggio Cuneo e provincia
Costruita su di un altopiano fra i fiumi Stura e Gesso, capoluogo della Provincia Granda, Cuneo è una moderna ed accogliente città di frontiera ricca di attività commerciali e vivace nelle iniziative culturali.
Immagini Correlate (38)

Cuneo - Centro Storico

La città capoluogo, inserita in una maestosa scenografia alpina, merita una visita attenta, necessaria per coglierne profumi e colori. Il cuneese è terra di frontiera caratterizzata da genti franche e concrete, terra di antiche tradizioni rurali celebrate in un susseguirsi di sagre paesane, terra ricca di storia, di folklore e di cultura, di gastronomia dagli ingredienti poveri e dai ricchi sapori.

Cuneo prende il nome dalla forma dell'altopiano (534 metri s.l.m.) su cui sorge, alla confluenza del torrente Gesso con il fiume Stura. Fondata nel 1198 e da sempre considerata strategica dal punto di vista militare, subì nei secoli diversi assedi. Alla dominazione angioina durata oltre un secolo (1259-1382), seguì lo stato sabaudo sotto cui, verso la metà del '700, Cuneo si chiuse a "città fortezza". L'abbattimento delle possenti mura voluto dai francesi occupanti per impedire la difesa in caso di ribellione risale al 1800.

L'itinerario base di visita alla città si snoda attraverso l'ariosa Piazza Galimberti, cuore della città e sede del rinomato mercato del martedì e via Roma, l'asse viario principale della città vecchia, che conserva gli antichi portici medievali.
Poco oltre la piazza, c'è il Duomo, l'antica chiesa della fondazione della città, che presenta un impianto barocco realizzato da G. Boetto nel '600, decorazioni dell'800 e la splendida icona dell'altare maggiore realizzata da Andrea pozzo nel 1685.

Tra gli edifici civili merita una visita il Palazzo Comunale (già collegio dei Gesuiti) che ospita alcune sale affrescate tra il '700 e l'800, mentre l'antico Monastero di San Francesco, ospita le collezioni storiche ed etnografiche del Museo Civico.
Nei pomeriggi festivi è possibile salire sulla Torre Civica, risalente al 1317 e da qui ammirare lo spettacolare panorama dell'arco alpino. Numerosi palazzi signorili del '600 - '700 come il Vescovado, Palazzo Lovera, Palazzo Ricci d'Andonno e Palazzo San Giovanni, già chiesa della Confraternita ora utilizzata come sala polivalente. In contrada "Mondovì" si incontrano: il palazzotto che la tradizione vuole come prima sede del municipio cuneese, la confraternita di San Sebastiano e la Sinagoga.

Cuneo

La strada è porticata, sede di numerosi antiquari ed attività artigianali ed ospita stagionalmente un mercatino dell'usato.
Una passeggiata nella Cuneo moderna conduce al polmone verde della città Viale degli Angeli con le sua ville liberty, al Parco della Resistenza con lo spettacolare monumento di Umberto Mastroianni e al Santuario degli Angeli (altare dello Juvarra, tomba della famiglia Galimberti ed urna con le spoglie incorrotte del Beato Angelo Carletti, vissuto nel XV secolo).

Da non perdere l'assaggio delle gustose praline di cioccolato al rhum - i "Cuneesi" - che nel 1954 attirarono a Cuneo anche il grande scrittore Ernest Hemingway.


Testi tratti dalla pubblicazione "Percorsi artistici, storici e religiosi nelle valli e nella pianura della provincia di Cuneo - Tra Arte e Fede" per gentile concessione dell' A.T.L. del Cuneese. Immagini dall'Archivio A.T.L. del Cuneese.

Cerca le altre Guide Cerca le altre Guide
 
Zapping
Piatto figurato tardo, Montelupo 1610-30, Firenze, Museo Stibbert Di tutti i colori, nove secoli di ceramica
Dal 16 marzo al 28 luglio 2019, oltre 160 opere ceramiche prodotte a Montelupo, dal 1200 a oggi; la rassegna, arricchita di interventi multimediali e materiali d’archivio, offre inoltre un’esplorazione sulle manifatture tra l’800 e il ‘900.
Immagini allestimento mostra Leonardo da Vinci: Visions
Arriva al Museo Civico di Sansepolcro, dal 14 marzo 2019 fino al 24 febbraio 2020, la mostra Leonardo da Vinci: Visions. Le sfide tecnologiche del genio universale, promossa dal Comune di Sansepolcro e allestita da Opera Laboratori Fiorentini-Civita.
Frutti Antichi - Edizione 2015 Emilia in Fiore
Dal 23 marzo al 19 maggio 2019, nel territorio della Destinazione Turistica Emilia – tra Parma, Piacenza e Reggio Emilia – sbocciano esclusivi eventi dedicati ai fiori, alle piante e ai giardini.
Quella del Rinascimento è stata per l’Italia e per l’Europa intera un’epoca d’oro che ha saputo lasciare un’impronta fortissima anche su borghi, monumenti e strutture di un angolo pulsante di storia e cultura Destinazione Rinascimento
D’arme, d’amori e di moda, un viaggio nelle Corti Rinascimentali di Destinazione Turistica Emilia, tra Parma, Reggio Emilia e Piacenza.
Castel del Giudice - Borgotufi - Esterno Il borgo di Castel del Giudice
Dai terreni in disuso è nato il meleto biologico Melise, da vecchie case l’albergo diffuso Borgotufi, con centro benessere, ristorante e case in legno e pietra che si affacciano sui boschi dell’Alto Molise. Un esempio di turismo sostenibile.
Castello di Carpineti - Foto di Giuseppe Maria Codazzi I Castelli delle Donne
Storie di grandi donne che hanno lasciato il segno, in un viaggio speciale tra i più bei castelli del territorio di Parma, Piacenza e Reggio Emilia. Con Destinazione Turistica Emilia.
Copyright © 2004-2019 MEMOKA P.IVA 08522530966 Tutti i diritti riservati.